I cervelli in fuga sono più produttivi

0
317

I “cervelli in fuga”, ovvero i ricercatori che cambiano Paese di lavoro nel corso della propria carriera, producono le pubblicazioni a più alto impatto scientifico. Sono i risultati di un’indagine, condotta da Cassidy R. Sugimoto e colleghi pubblicata su Nature, che ha analizzato le affiliazioni dei circa 16mila autori di 14 milioni di articoli scientifici pubblicati dal 2008 al 2015.

ricerca internazionale- ricercatori expat - cervelli in fuga

La quasi totalità degli Autori (96%) ha un unico Paese di affiliazione e sono stati definiti “non mobili”, il 4% (più di 595mila ricercatori) è invece mobile perché ha cambiato affiliazione e Paese di lavoro nel periodo considerato. I ricercatori mobili hanno in media un indice di citazione più elevato (+40%) dei ricercatori non mobili. I ricercatori europei mobili hanno un aumento del 172,8% delle citazioni rispetto ai loro connazionali rimasti a casa, mentre i ricercatori nordamericani mobili sono più citati (+10%) rispetto a quelli non mobili.
Il lavoro ha studiato i flussi migratori e ha evidenziato come ci siano Paesi e continenti che perdono cervelli e altri che tendono ad assumerli. Va anche notato che nella maggior parte dei ricercatori expat (72,2%) non tagliano i ponti con il Paese di origine e tendono a costruire catene di affiliazioni che legano le nazioni.

Il dato più macroscopico è il flusso di ricercatori che studia in Europa e finisce a lavorare in Nord America. I Paesi del Nord America e del Nord Europa sono forti produttori di scienziati già ben citati prima della loro partenza e sono in grado di far crescere gli scienziati che vi si stabiliscono. L’Asia è un forte reclutatore di cervelli, mentre l’Oceania è un notevole incubatore.
Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Canada e Germania sono nodi del network scientifico mondiale. Di conseguenza le politiche antimmigrazione (USA) o indipendentistiche (Regno Unito) possono avere un impatto notevole sulla ricerca mondiale. In particolare l’importanza del Regno Unito risiede nella sua capacità essere un ponte tra gli scienziati europei e quelli di altre parti del mondo.
Le politiche antimmigrazione di Trump bloccano l’accesso dei ricercatori delle aree medio orientali possono contribuire a far perdere il ruolo di centralità nel network scientifico e nel numero di pubblicazioni statunitense. Allo stesso tempo queste politiche possono favorire la migrazione dei ricercatori verso altri Paese che se avvantaggeranno in futuro. È questo infatti il caso del Canada che ha visto aumentare le richieste di ingresso da parte di studenti laureati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here