Marchesini Group acquisisce Schmucker, azienda specializzata nella costruzione di macchinari per il confezionamento di stickpack per il mercato farmaceutico, cosmetico e alimentare.

Ulteriore crescita per Marchesini Group che acquisisce Schmucker 

Marchesini Group ha finalizzato l’acquisizione del 100% di Schmucker, azienda goriziana specializzata nella costruzione di macchinari per il confezionamento di stickpack per il mercato farmaceutico, alimentare e cosmetico.

La collaborazione tra Marchesini Group e Schmucker è già stata avviata. Alla fiera Achema di Francoforte, inoltre, Schmucker presenterà al suo stand una linea buste, venduta dall’azienda SIT di Trezzano sul Naviglio, storico contract packer italiano che esporta gran parte del suo fatturato. Questa linea si affiancherà alle sei macchine stand-alone e alle cinque linee esposte allo stand Marchesini

Schmucker

La storia di Schmucker inizia nel 1977 in un laboratorio artigianale al confine italiano con la Slovenia, dove i due fratelli Schmucker avviano una piccola impresa di progettazione impianti per l’industria alimentare. Negli anni successivi, iniziano a realizzare sia macchine confezionatrici monolinea sia soluzioni multilinea per stick contenenti prodotti liquidi, cremosi, polverosi, granulari, cremos e gel. La richiesta crescente da parte delle multinazionali del settore unita alla sperimentazione di prototipi all’avanguardia spinge l’azienda verso una diversificazione dei mercati di riferimento, che si traduce in una forte crescita. Oggi Schmucker è una realtà da 80 dipendenti con un fatturato 2017 di 10,5 milioni di euro generato per l’86% dall’ export.

Espansione di Marchesini Group

L’acquisizione di Schmucker da parte di Marchesini Group fa seguito a quella di:

  • Dumek, azienda specializzata nella progettazione di macchine di processo per il settore cosmetico,
  • Vibrotech, attiva nei sistemi di alimentazione e orientamento impiegati nei processi industriali automatizzati,
  • SEA Vision, società leader nella creazione di sistemi di ispezione utilizzati nell’anticontraffazione dei farmaci
  • nonché dell’80% dell’azienda di Ariano Polesine (Rovigo) Creinox, che è attiva nella lavorazione dell’acciaio inox, in particolare nella produzione di contenitori e serbatoi per i settori farmaceutico, cosmetico e alimentare, è che ha un fatturato 2017 di 1 milione di euro.

Come le precedenti, anche l’operazione Schmucker rientra in una strategia di forte espansione di Marchesini Group, che sta avvenendo anche per linee interne con l’inizio dei lavori della nuova Beauty Division e l’inaugurazione del nuovo reparto di prototipazione rapida, avvenuta lo scorso 25 maggio.

Pietro Cassani, amministratore delegato di Marchesini Group, dichiara:

«Come già avvenuto con le recenti acquisizioni, anche Schmucker continuerà a essere gestita dai fondatori, in modo da garantire continuità aziendale, salvaguardare l’indotto locale e favorire la trasmissione del know-how. Quello degli stickpack monodose è un mercato molto interessante, che negli ultimi anni si è differenziato passando dal food al pharma, anche grazie alla facilità di utilizzo e a un formato che permette il risparmio del 20-30% del materiale di packaging rispetto alle bustine saldate sui 4 lati».

L’amministratore delegato Enrico Schmucker, aggiunge:

«Per noi è un onore entrare a far parte di una grande realtà come Marchesini Group. Siamo convinti che grazie alle nostre specializzazioni e al team riusciremo a contribuire in modo significativo alle strategie di crescita del Gruppo».

La collaborazione tra Marchesini Group e Schmucker è già stata avviata. Alla fiera Achema di Francoforte, inoltre, Schmucker presenterà al suo stand una linea buste, venduta dall’azienda SIT di Trezzano sul Naviglio, storico contract packer italiano che esporta gran parte del suo fatturato. Questa linea si affiancherà alle sei macchine stand-alone e alle cinque linee esposte allo stand  Marchesinni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here