La pausa estiva inizia con una notizia inattesa, almeno nei tempi. Si è già concretizzato quello che nelle aspettative di Massimo Scaccabarozzi (complici i calcoli errati, come lui stesso “accusa”, degli analisti e dei player del settore) avrebbe dovuto accadere nel giro di almeno un anno: il sorpasso dell’Italia sulla Germania nella produzione farmaceutica. Un risultato di cui il presidente di Farmindustria va giustamente orgoglioso e che individua come punto di partenza per attrarre nel nostro Paese nuovi investimenti e vincere la competizione internazionale sulle risorse finanziarie delle imprese, perché, dice: «Le risorse vanno dove il sistema funziona meglio».

L’annuncio fa seguito a un’altra buona nuova: il completamento da parte di Dompé del ciclo di investimenti per l’ampliamento del sito di produzione e R&D de L’Aquila, un ulteriore segnale della vitalità del comparto, della propensione all’innovazione e della volontà di investire sul territorio da parte delle aziende del Pharma.

Segnali forti, quindi, ma lo stesso Sergio Dompé aveva ultimamente messo sull’avviso: «In Europa siamo i numeri uno, ma su questo bisogna avere l’intelligenza di non gonfiare il petto, di non sentirsi “arrivati”, perché gli altri Paesi non stanno a guardare e quando pensi di averli distanziati, ti accorgi invece che ti hanno raggiunto».

Cosa serve per mantenere il primato?

Quale la ricetta da seguire per continuare su questa strada e perseguire un modello competitivo premiante? Come rendere sostenibile l’innovazione in ambito sanitario e farmaceutico?

La risposta a questi interrogativi è stata tracciata, almeno in parte, durante la sessione plenaria del Simposio AFI, laddove si è cercato di individuare un nuovo modo di ragionare sulla governace del farmaco, che deve essere ripensata in un’ottica aziendale, mettendo sui piatti della bilancia profitti e perdite, e cercando di superare la logica dei silos messa in campo finora per approdare a una visione più olistica del problema, rinunciando a una concezione individualista, cercando di creare alleanze trasversali e implementando la comunicazione tra gli stakeholder. Una governace “di lungo respiro” – come la definisce Scaccabarozzi – che si basi appunto su «nuovo modello di finanziamento, su un sistema di regole certe e stabili, sul superamento della logica dei tetti e sull’uso efficiente di risorse pubbliche adeguate che devono essere destinate alla farmaceutica e rimanere nel settore».

«Servono – ribadisce Scaccabarozzi – finanziamenti adeguati, meccanismi più moderni di gestione della spesa, il rispetto della proprietà intellettuale, la tutela del brevetto e del marchio, l’accesso ai nuovi farmaci rapido e omogeneo su tutto il territorio, per assicurare a tutti i cittadini il diritto alle cure migliori, ovunque essi vivano… affinché le big pharma siano veramente big nel continuare ad accendere qualche sorriso in più sul viso dei pazienti!».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here