È stato raggiunto l’accordo tra le diverse parti per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per gli addetti dei settori dell’industria chimica, chimica-farmaceutica, farmaceutica, delle fibre chimiche e dei settori abrasivi, lubrificanti e GPL, per il periodo 2022-2025. Lo hanno annunciato in modo congiunto Federchimica, Farmindustria e le organizzazioni sindacali di settore, Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec, Ugl Chimici, Failc-Confail, Fialc-Cisal, sottolineando come la firma del nuovo contratto sia nuovamente giunta in anticipo sulla scadenza.

Maggiore produttività, flessibilità e competenze sono i principali obiettivi del nuovo CCNL. Per la parte economica, il contratto riconosce ai lavoratori, per l’intera sua vigenza, un aumento del trattamento economico minimo di 204 euro, comprensivo di 32 euro di EDR (Elemento Distinto della Retribuzione) già erogato dalle imprese che sarà trasferito nei minimi. Resta inoltre confermato il modello di verifica degli scostamenti inflattivi, con il ruolo dell’EDR quale ammortizzatore. Viene anche valorizzata l’aliquota mensile Fonchim delle imprese nell’EPS (Elemento Puntuale Settoriale) per il successivo rinnovo.

A livello della parte normativa, gli interventi si sono focalizzati sull’ulteriore miglioramento della qualità delle relazioni industriali. Tra i nuovi impegni condivisi dalle parti figurano la creazione di nuove sezioni dell’Osservatorio Nazionale dedicate alla trasformazione digitale, all’inclusione sociale e alla parità di genere e la realizzazione di un meccanismo di raccolta delle competenze specifiche e certificate, di modo da favorire l’incontro tra domanda e offerta delle esigenze di settore. Sono anche previsti incontri periodici e sezioni tematiche dell’Osservatorio Farmaceutico e la messa a punto di un meccanismo di adesione consapevole di tutti i lavoratori al welfare contrattuale, di modo che ne possano apprezzarne meglio i vantaggi in vista della definitiva decisione circa l’adesione.  Altre azioni previste puntano, attraverso iniziative formative, a favorire la conoscenza della corretta applicazione delle scelte contrattuali e la diffusione della cultura di relazioni industriali e dello sviluppo sostenibile. Il nuovo contratto punta anche a prevedere un nuovo riconoscimento per la contrattazione aziendale coerente alle scelte contrattuali. La “Giornata nazionale Sicurezza Salute Ambiente (SSA)”, infine, diventerà la “Giornata nazionale Salute, Sicurezza e Sviluppo Sostenibile”.

Il nuovo CCNL ha introdotto anche modifiche su regime di reperibilità, maggiorazioni, intese temporanee modificative, investimenti sulla formazione al secondo livello e una ricognizione di tutte le disposizioni contrattuali in tema di inclusione e parità di genere. Un nuovo capitolo, sperimentale nel periodo di vigenza del documento, introduce linee guida utili ad agevolare e accompagnare il cambiamento nelle imprese per gestire gli impatti della trasformazione digitale sul lavoro, sulle relazioni industriali e su sicurezza, salute e ambiente.

Questo accordo, raggiunto in una fase così critica nello scenario nazionale e internazionale, assume un significato di particolare rilevanza – , ha dichiarato Paolo Lamberti, Presidente Federchimica . In un clima di grande incertezza, forti della nostra cultura di Relazioni Industriali ispirata ai principi della partecipazione e della responsabilità sociale, abbiamo assicurato una prospettiva per il futuro delle imprese e dei lavoratori. In questo modo – e ancora una volta – la chimica, a monte di tutte le filiere produttive, potrà confermarsi motore economico per il Sistema Paese”.

Marco Colatarci, Vice Presidente Federchimica con delega alle Relazioni Industriali, ha sottolineato come l’accordo valorizzi una contrattazione di secondo livello correlata alla redditività e alla produttività e adeguata a sostenere competitività e occupazione. “Abbiamo dato un contributo concreto allo sviluppo del welfare contrattuale, alla responsabilità sociale, alla parità di genere, alla conciliazione vita/lavoro. Com’è nostra tradizione, abbiamo dato particolare attenzione alla sicurezza, ambito che, come certificato dall’INAIL, ci vede tra i più settori più virtuosi”.

Per il presidente di Farmindustria  Massimo Scaccabarozzi, il rinnovo del CCNL in tempi record è un risultato particolarmente importante in un momento così complesso per la pressione sui costi e la necessità di difendere i livelli di competitività delle imprese del farmaco. “Un accordo che dimostra ancora una volta la capacità dell’industria farmaceutica di lavorare concretamente per trovare soluzioni positive per il Paese. Le buone relazioni industriali del nostro settore sono esemplari, sia a livello nazionale sia nelle aziende. La collaborazione e il dialogo continuo sono uno stimolo a migliorare le competenze e la qualità dei nostri collaboratori, che sono riconosciuti come eccellenza nel panorama europeo.

Marcello Cattani, delegato per le Relazioni Industriali di Farmindustria, ha infine sottolineato come il modello collaborativo di relazioni industriali caratteristico del settore abbia ancora una volta dimostrato il grande senso di responsabilità delle parti, “per cogliere le straordinarie sfide attuali e future legate all’innovazione scientifica, tecnologica e delle nuove competenze nelle Scienze della Vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here