Novartis ha annunciato che il trattamento sperimentale per monosomministrazione inalatoria giornaliera QVM149 (indacaterolo acetato, glicopirronio bromuro e mometasone furoato, o IND/GLY/MF) si è dimostrato superiore a QMF149 (indacaterolo acetato e mometasone furoato, o IND/MF) nel migliorare il volume espiratorio forzato nel primo secondo (trough FEV1) dopo 26 settimane, raggiungendo l’endpoint primario dello studio clinico di fase III IRIDIUM. Questo miglioramento superiore della funzionalità polmonare è stato ottenuto in pazienti asmatici nei quali il trattamento con un beta-agonista a lunga durata d’azione/corticosteroide per via inalatoria (LABA /ICS) non garantiva il controllo della patologia. IND/GLY/MF è risultato generalmente ben tollerato, e la sicurezza si è dimostrata comparabile tra i bracci di trattamento.

QVM149 per l'asma non controllato
QVM149 per l’asma non controllato si è dimostrato superiore a QMF149 nel migliorare il volume espiratorio forzato nel primo secondo dopo 26 settimane

“Nonostante il trattamento con LABA/ICS, il 50% circa di tutti i pazienti con asma da moderato a grave rimane non controllato, e maggiormente a rischio di riacutizzazione, ricovero o addirittura morte – afferma Huib Kerstjens, University Medical Center, Groningen, Paesi Bassi. – Per questi pazienti è importante considerare ulteriori opzioni per migliorare i risultati del trattamento e la qualità della vita. I risultati iniziali dello studio IRIDIUM dimostrano che QVM149 è in grado di migliorare la funzionalità polmonare in questi pazienti e, potenzialmente, di produrre una sostanziale riduzione dei tassi di riacutizzazione, il che può avere un impatto significativo sulla vita quotidiana delle persone con asma non controllato”.

“La notizia di oggi rappresenta un risultato importantissimo nell’impegno continuo di Novartis per reimmaginare la cura dell’asma per i pazienti – dichiara Linda Armstrong, MD, responsabile della Respiratory Development Unit, Novartis Pharmaceuticals. – Questi risultati iniziali positivi di IRIDIUM sono coerenti con i risultati di fase II presentati in occasione della conferenza ATS all’inizio di quest’anno, e rafforzano l’evidenza che, se approvato, QVM149 a media e alta dose potrebbe essere utile per le persone con asma ancora non controllato dopo il trattamento con LABA/ICS a media e alta dose”.

La richiesta di autorizzazione per QVM149 è stata accettata per la revisione da parte dell’Agenzia europea per i medicinali all’inizio di quest’anno.

QVM149 (indacaterolo acetato, glicopirronio bromuro e mometasone furoato)

La combinazione di indacaterolo acetato, glicopirronio bromuro e mometasone furoato (IND/GLY/MF) è attualmente in fase di sviluppo per il trattamento di pazienti con asma non controllato (la cui vita rimane negativamente influenzata dall’asma nonostante il trattamento in corso con LABA/ICS), e la richiesta di autorizzazione per questa combinazione sperimentale in monosomministrazione inalatoria giornaliera è stata recentemente ammessa all’esame dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA).

Questa formulazione combina una broncodilatazione completa, esercitata dall’indacaterolo acetato (un beta-agonista a lunga durata d’azione, LABA) e dal glicopirronio bromuro (un antagonista muscarinico a lunga durata d’azione, LAMA), all’azione antinfiammatoria del mometasone furoato (un corticosteroide per via inalatoria [ICS] ad alta o media dose) in una formulazione precisa in monosomministrazione, erogata tramite il dispositivo con conferma della dose inalata Breezhaler®.

Nell’aprile 2005, Sosei Heptares e Vectura hanno concesso in licenza esclusiva a Novartis il glicopirronio bromuro e i diritti di proprietà intellettuale per alcuni suoi usi e formulazioni. Il mometasone furoato è concesso in licenza esclusiva a Novartis da una controllata di Merck & Co. Inc., Kenilworth, NJ, USA, per l’utilizzo in QVM149 (in tutto il mondo, esclusi gli Stati Uniti).

QMF149 (indacaterolo acetato e mometasone furoato)

La combinazione di indacaterolo acetato e mometasone furoato (IND/MF) è attualmente in fase di sviluppo per il trattamento di pazienti con asma non controllato (la cui vita rimane negativamente influenzata dall’asma nonostante il trattamento in corso), e la richiesta di autorizzazione per questa combinazione sperimentale in monosomministrazione inalatoria giornaliera è stata recentemente ammessa all’esame dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA). QMF149 combina l’azione di broncodilatazione dell’ultra-LABA indacaterolo acetato (un beta agonista a lunga durata d’azione, LABA) all’azione antinfiammatoria del mometasone furoato (un ICS) in una formulazione precisa in monosomministrazione, erogata tramite il dispositivo con conferma della dose inalata Breezhaler®. Il mometasone furoato è concesso in licenza esclusiva a Novartis da una controllata di Merck & Co. Inc., Kenilworth, NJ, USA, per l’utilizzo in QMF149.

Lo studio clinico IRIDIUM

Lo studio IRIDIUM è stato condotto per valutare l’efficacia e la sicurezza di dosi medie e alte di IND/GLY/MF (150/50/80 µg e 150/50/160 µg) rispetto alle dosi medie e alte corrispondenti di IND/MF (150/160 µg e 150/320 µg), erogate tramite il dispositivo con conferma della dose inalata Breezhaler®, e rispetto alla somministrazione di salmeterolo/fluticasone (50/500 µg) due volte al giorno, attraverso il dispositivo Accuhaler®. Sono stati inclusi pazienti con asma non controllato, trattati con dosi medie ed elevate di LABA/ICS (sulla base di prove di funzionalità polmonare e degli effetti sul controllo dell’asma).

IRIDIUM (NCT02571777) è uno studio di fase III, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, volto a confrontare l’efficacia e la sicurezza di QVM149 (IND/GLY/MF) rispetto a QMF149 (IND/MF) in pazienti asmatici. Lo scopo dello studio era quello di valutare l’efficacia e la sicurezza di due diversi dosaggi di IND/GLY/MF (150/50/80 μg e 150/50/160 μg) rispetto ai due dosaggi corrispondenti di IND/MF (150/160 μg e 150/320 μg) in pazienti asmatici non controllati, sulla base di prove di funzionalità polmonare e degli effetti sul controllo dell’asma.

Tutti i pazienti dovevano essere sintomatici allo screening nonostante fossero in trattamento con dosi medie o alte e stabili di LABA/ICS. Circa 3.092 pazienti adulti asmatici, di sesso maschile e femminile, sono stati randomizzati secondo un rapporto di 1:1:1:1:1 (circa 618 pazienti in ciascuno dei gruppi di trattamento) a ricevere alternativamente:

  • IND/GLY/MF 150/50/80 μg (una volta al giorno)
  • IND/GLY/MF 150/50/160 μg (una volta al giorno)
  • IND/MF 150/160 μg (una volta al giorno)
  • IND/MF 150/320 μg (una volta al giorno)
  • Salmeterolo xinafoato/fluticasone propionato (SFC) 50/500 μg (due volte al giorno, tramite Accuhaler®)

L’obiettivo principale di questo studio era dimostrare la superiorità di IND/GLY/MF 150/50/80 μg rispetto a IND/MF 150/160 μg o di IND/GLY/MF 150/50/160 μg rispetto a IND/MF 150/320 μg, tutti in monosomministrazione giornaliera, nel migliorare il trough FEV1(volume di aria espulso nel primo secondo di espirazione circa 24 ore dopo la somministrazione del farmaco sperimentale) dopo 26 settimane di trattamento in pazienti asmatici.

L’endpoint secondario principale era dimostrare la superiorità di IND/GLY/MF 150/50/80 μg rispetto a IND/MF 150/160 μg o di IND/GLY/MF 150/50/160 μg rispetto a IND/MF 150/320 μg nel migliorare il punteggio ACQ-7 (Asthma Control Questionnaire) per IND/GLY/MF rispetto a IND/MF dopo 26 settimane di trattamento in pazienti asmatici.

I trattamenti testati hanno prodotto miglioramenti clinicamente significativi in questa misura di valutazione dei sintomi rispetto al basale alla 26a settimana, ma l’endpoint secondario principale non è stato raggiunto.

Altri endpoint secondari includevano anche la riduzione del tasso di riacutizzazione dell’asma, mettendo a confronto da un lato IND/GLY/MF 150/50/80 μg e IND/MF 150/160 μg, e dall’altro IND/GLY/MF 150/50/160 μg e IND/MF 150/320 μg. Il tasso di riacutizzazione è stato misurato anche per entrambi i dosaggi di IND/GLY/MF rispetto a SFC (50/500 μg). È stata osservata una sostanziale riduzione dei tassi di riacutizzazione dell’asma da moderato a grave e grave con IND/GLY/MF rispetto a uno standard terapeutico consolidato a base di LABA/ICS (salmeterolo/fluticasone 50/500 µg due volte al giorno).

L’incidenza complessiva di eventi avversi (EA) e di EA gravi nello studio IRIDIUM è risultata comparabile tra i gruppi di trattamento, e coerente con i profili di sicurezza noti dei singoli componenti.

Programma di sviluppo clinico PLATINUM

Il programma PLATINUM è il programma di sviluppo clinico di fase III di Novartis che supporta lo sviluppo di QVM149 e QMF149. Comprende quattro studi: lo studio QUARTZ, che mette a confronto una dose più bassa di indacaterolo acetato e mometasone furoato (IND/MF) vs il solo mometasone furoato (MF); lo studio PALLADIUM, che confronta IND/MF vs MF e salmeterolo/fluticasone; lo studio IRIDIUM che confronta IND/GLY/MF (indacaterolo acetato, glicopirronio bromuro e mometasone furoato) vs IND/MF e salmeterolo/fluticasone; e lo studio ARGON, che confronta IND/GLY/MF con una combinazione di salmeterolo/fluticasone e tiotropio.

Articoli correlati

Asma

QMF149 per l’asma non controllato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here