Da qualche giorno, nelle strade di Bergamo sono stati affissi numerosi volantini contenenti notizie fasulle di stampo NoVax riguardanti i vaccini anti Sars-CoV-2. La particolarità, non da poco, riguarda il fatto che questi fogli riportano il logo del Ministero della salute e dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), il che ha generato confusione e interrogativi nella popolazione.

La denuncia arriva dal sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, il quale ha ribadito pubblicamente che il volantini “Sono falsi e contengono false e pericolose argomentazioni NoVax”. Il primo cittadino della città lombarda, pesantemente colpita dall’epidemia di COVID-19, ha comunicato anche di aver provveduto a informare la Questura e ha esortato la cittadinanza a distruggere le locandine trovate in giro.

Tra le assurdità contenute vi sono affermazioni come “finora ci siamo accontentati di sperimentazioni illegali in Africa, India e Sudamerica” a causa delle quali “molti bambini sono morti o rimasti paralizzati”. Secondo gli ignoti autori, sarebbe stato messo in atto, da parte dell’industria farmaceutica, “un grande esperimento di ingegneria genetica esteso alla popolazione intera”. In mezzo alle altre fake news riportate nei volantini vi è anche quella che considera la vaccinazione anti coronavirus una sorta di manipolazione genetica capace di trasformare le persone in “esseri transgenici con modifiche genetiche irreversibili”. 

Oltre a essere affermazioni prive di ogni fondamento e verità, queste ‘notizie’ hanno preoccupato i cittadini di Bergamo proprio per il fatto di riportare i simboli ufficiali di istituzioni come il Ministero della salute e di Aifa. I prodotti utilizzati nelle vaccinazioni di massa contro SarS-CoV-2 attualmente in corso in molte Nazioni del mondo, Italia compresa, sono stati tutti approvati dagli enti regolatori preposti al controllo dei farmaci. Tra questi l’Agenzia europea per i medicinali, Ema, quella italiana, Aifa, e la Food and Drug Administration, FDA, degli Stati Uniti. Tutte le autorizzazioni fin qui concesse sono basate su studi scientifici e i dati hanno subito un processo di attenta verifica e valutazione da parte di gruppi di esperti che ne hanno accertato sia la sicurezza che l’efficacia contro il virus.

Che tutto questo sia corrispondente al vero lo dimostra in concreto la marcata diminuzione dei casi di contagio registrata in quei paesi (ad esempio Gran Bretagna, Israele, Emirati) dove la campagna vaccinale è stata particolarmente intensa. I vaccini utilizzati in Italia e in Europa, in tutto tre, sono quelli prodotti dalle aziende Pfizer/BioNtech (approvazione Ema 21.12.2020, Aifa 22.12.2020), Moderna (autorizzazione Ema 06.01.2021, Aifa 07.01.2021), e AstraZeneca/Università di Oxford (via libera Ema 29.02.2021, Aifa 30.01.2021).

Le notizie false pubblicate sui volantini diffusi a Bergamo non sono certo le prime che circolano sul territorio Italiano e più in generale in tutto il mondo. Si tratta di pericolosa disinformazione che crea intralcio alla lotta contro la pandemia. COVID-19 ha finora provocato il contagio di oltre 113 milioni di persone e la morte di più di 2 milioni e mezzo di esseri umani in tutto il pianeta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here