Sessione V – Biosimilare e biobetter: basi scientifiche e avanzamenti tecnici

0
527

I biosimilari sono farmaci basati sullo stesso principio attivo di un medicinale biologico al quale è scaduta la copertura brevettuale (originator), che per la natura stessa dei farmaci biologici risultano simili all’originatore, ma non identici. Questi vengono valutati dall’EMA (European Medicine Agency) tramite procedura centralizzata e si può chiedere l’autorizzazione per l’immissione in commercio (AIC) solo in riferimento a un prodotto biotecnologico autorizzato dalla CE.

Per i biosimilari sono necessari non solo una serie di esami chimico-fisico-biologici, ma anche informazioni sul processo di produzione, in quanto minime variazioni di questo potrebbero portare a prodotti diversi. Uno dei principali problemi legati a questa nuova categoria di farmaci è l’immunogenicità, che rende necessaria un’attività di famacovigilanza post-marketing specifica.

caratteristiche tecnico-scientifiche e l’iter di sviluppo dei biosimilari e le opportunità di sviluppo di molecole sempre più efficaci e sicure
La V Sessione evidenzierà le caratteristiche tecnico-scientifiche e l’iter di sviluppo dei biosimilari e le opportunità di sviluppo di molecole sempre più efficaci e sicure.

La Sessione – in programma giovedì 9 giugno mattina dalle 9:00 alle 13:00 e moderata da Paola Minghetti e Maria Luisa Nolli – intende mettere in evidenza, nel contesto di una sempre maggiore immissione sul mercato di biosimilari, le caratteristiche tecnico-scientifiche e l’iter di sviluppo dei biosimilari attraverso l’esperienza delle aziende coinvolte e le opportunità di sviluppo di molecole sempre più efficaci e sicure. Nella Sessione verranno inoltre discussi i principi dello sviluppo di biobetter, biofarmaci che riconoscono lo stesso target del prodotto in commercio ma che sono stati ingegnerizzati per avere proprietà migliorative rispetto all’originator.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here