Marchi+3 è il bando lanciato dal Ministero dello Sviluppo Economico – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi e Unioncamere per la concessione di agevolazioni per la registrazione di marchi europei e internazionali (G.U. n. 285 del 6 dicembre 2017). La scadenza per la presentazione delle domande è ormai vicina, il 7 marzo 2018; il bando è indirizzato in modo particolare a finanziare il deposito di marchi e brevetti da parte di micro, piccole e medie imprese aventi sede legale e operativa in Italia. Le richieste pervenute saranno esaminate in ordine cronologico di ricevimento, e i finanziamenti saranno erogati fino ad un ammontare massimo di 3 milioni 825 mila euro. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito dedicato Marchi+3.

Il bando Marchi+3 dell’UIBM scade il prisma 7 marzo 2018

Cosa può essere finanziato

I requisiti del bando (lo puoi scaricare qui) prevedono che l’impresa goda del pieno diritto e libero esercizio dei propri diritti civili, non si trovi in stato di liquidazione o scioglimento e non sia sottoposta a procedure concorsuali.
L’agevolazione può essere richiesta anche in modo retroattivo per le spese sostenute dal 1° giugno 2016 fino alla data di presentazione della domanda e deve essere inerente ad almeno una delle seguenti attività:

  • Misura A – Deposito di nuove domande di registrazione marchi europei (EuIpo);
  • Misura B – Deposito di nuove domande di marchi internazionali o estensioni di marchi internazionali già concessi (Wipo).

Il contributo concesso può raggiungere un valore massimo complessivo di 20 mila euro per azienda, comprensivo sia di agevolazioni per spese relative alla Misura A che alla Misura B (per le quali vanno presentate domande di agevolazione separate). Il finanziamento copre fino all’80% delle spese ammissibili sostenute, percentuale che può salire al 90% se nella registrazione internazionale vengono designati anche la Cina e/o gli Stati Uniti.

Il bando elenca nel dettaglio le spese ammissibili e l’importo massimo di ogni singola spesa che possono essere incluse nella domanda di agevolazione. In termini generali, le attività finanziate comprendono la progettazione di nuovi marchi, le ricerche di anteriorità, l’assistenza per il deposito e le tasse di deposito EuIpo o Wipo, l’assistenza per la risposta a rilievi degli Uffici marchi e/o ad opposizioni di terzi nei confronti di domande di registrazione depositate presso EuIpo e Wipo.
Per poter presentare la domanda si deve attendere la pubblicazione del marchio, una procedura che richiede in media un paio di mesi per un marchio europeo e sei mesi per un marchio internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here