“Siamo abbastanza soddisfatti ma si potrebbe certamente fare di più: è necessaria una maggiore cultura affinché il mercato degli equivalenti aumenti”. Così il presidente Enrique Häusermann a margine dell’Assemblea pubblica di Assogenerici che si è tenuta a Roma. Un momento di confronto in cui si è parlato di sostenibilità e solidarietà. “Siamo convinti – ha aggiunto Häusermann – che per rendere veramente sostenibile il sistema e garantire l’inclusività abbiamo bisogno anche di solidarietà”.

Equivalenti, una scelta etica

La scelta di generici e biosimilari è una scelta etica. Ma affinchè si possa ottenere un mercato efficiente degli equivalenti servono scelte politiche adeguate, capaci di incoraggiare domanda e offerta. “Sarebbe opportuno agire tempestivamente sui meccanismi di competizione – spiega il presidente – senza dimenticare l’importanza della comunicazione a medici e pazienti”.

Il mercato degli equivalenti

Nel primo semestre 2018 i farmaci equivalenti hanno rappresentato il 21,95% del totale del mercato farmaceutico a volumi nel canale farmacia e il 13,14% a valori, facendo registrare una performance positiva rispetto al I semestre 2017 (tutte le classi), del 5,7% a unità e del 12,1% a valori, a fronte di un rallentamento del mercato farmaceutico complessivo (+0,2% a unità, -1,3% a valori) determinato dall’arretramento dei brand a brevetto scaduto (-1,4% a unità e -3,3% a valori). Il fattore a maggiore incidenza su questi trend è rappresentato dalle immissioni in commercio di nuovi farmaci generici equivalenti a seguito delle scadenze brevettuali registratesi nel corso del 2017. Complessivamente il mercato dei generici equivalenti quota in circa 1,84 miliardi in prezzi ex factory, assorbendo il 17,6% del mercato farmaceutico nazionale complessivo, pari a circa 10,5 miliardi di euro (sempre in prezzi ex factory). Il giro d’affari del comparto si conferma concentrato essenzialmente in classe A per un totale di 1.45 miliardi che rappresentano il 78,8% del totale della spesa per farmaci generici (l’89,5% a confezioni).

Il mercato dei biosimilari

Nel primo semestre 2018 le 10 molecole biosimilari in commercio sul mercato italiano  hanno assorbito il 12% dei consumi nazionali contro l’88% detenuto dai corrispondenti originator. Su base annua il pool dei biosimilari presenti sul mercato nazionale ha fatto registrare una crescita complessiva del 27,7% rispetto al I semestre 2017, calcolata al netto delle new entry, ovvero le nuove molecole biosimilari lanciate sul mercato solo da giugno 2017, a fronte di una contrazione dei biologici originator dell’1,6%.

Il confronto con l’Europa

Fare un confronto con l’Europa è fuorviante. Questo per due motivi: il primo è che il brevetto è stato introdotto in Italia solamente nel 1978, mentre il altri paesi europei molti anni prima. Il secondo è che l’Italia ha vissuto una forte resistenza da parte della classe medica che ne ha frenato l’immissione in commercio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here