A conclusione della sua prima valutazione completa del rischio da aspartame e dai suoi prodotti di degradazione, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare fa sapere che, ai livelli di esposizione attuali, tali sostanze sono sicure per il consumo umano.

«Questo parere rappresenta una delle più complete valutazioni del rischio associato all’aspartame mai intraprese. È un passo avanti per rafforzare la fiducia del consumatore nei fondamenti scientifici del sistema di sicurezza alimentare dell’UE e nel sistema di regolamentazione degli additivi alimentari», spiega la dott.ssa Alicja Mortensen, presidente del gruppo di esperti scientifici dell’EFSA sugli additivi alimentari e le fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (gruppo ANS).

Il gruppo di esperti scientifici ANS – si legge in un comunicato dell’Autorità – ha preso in esame tutte le informazioni disponibili e, in seguito a un’analisi dettagliata, ha concluso che l’attuale dose giornaliera ammissibile (DGA) di 40 mg/kg di peso corporeo/die è in grado di tutelare la popolazione generale. La DGA non è tuttavia valida per i pazienti affetti dalla patologia denominata fenilchetonuria (PKU), che richiede la stretta osservanza di una dieta a ridotto tenore di fenilalanina (un aminoacido presente nelle proteine).

A seguito di un approfondito esame delle prove fornite da studi condotti sugli animali e sull’uomo, gli esperti hanno escluso il potenziale rischio collegato all’aspartame di causare danno ai geni e indurre il cancro. Gli esperti dell’EFSA hanno inoltre concluso che l’aspartame non causa danni al cervello. Per quanto concerne la gravidanza, il gruppo di esperti scientifici ha sottolineato l’assenza, per il feto in via di sviluppo, di rischi dovuti all’esposizione alla fenilalanina derivata dall’aspartame, stante la DGA corrente (fatta eccezione per le donne affette da PKU).
Il parere chiarisce che i prodotti di degradazione dell’aspartame (fenilalanina, metanolo e acido aspartico) sono presenti naturalmente anche in altri alimenti (ad esempio il metanolo si trova nella frutta e nella verdura), ma il loro contributo all’esposizione complessiva tramite la dieta è basso.

Il parere descrive i criteri utilizzati per individuare gli studi pertinenti alla valutazione del rischio e gli standard applicati per valutare le prove scientifiche.
Gli esperti dell’EFSA hanno esaminato tutte le incertezze relative alla valutazione dell’aspartame. Il parere spiega come esse sono state affrontate durante la valutazione del rischio in modo da garantire che i rischi potenziali derivanti dall’aspartame non fossero sottovalutati.

L’esame esaustivo condotto dal gruppo di esperti scientifici ANS è stato reso possibile grazie a due inviti pubblici a presentare dati, che hanno fornito una grande raccolta d’informazioni scientifiche, comprendenti dati e studi sia pubblicati sia inediti.

Durante la consultazione pubblica sulla bozza di parere (tenutasi dal 9 gennaio 2013 al 15 febbraio 2013) l’EFSA ha ricevuto oltre 200 osservazioni, tutte prese in considerazione. Durante la fase consultiva l’EFSA ha tenuto anche una apposita riunione con le parti interessate per discutere del parere ancora in bozza e dei riscontri ricevuti tramite la pubblica consultazione online. Il dialogo dell’EFSA con le parti interessate ha fatto emergere importanti aspetti del parere in bozza che andavano chiariti nella versione finale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here