Come impiegare la tecnologia e l’innovazione per rispondere ai dettami contenuti del Decreto Legislativo 17/2014 con il quale l’Italia ha recepito la Direttiva 2011/62 CE, ovvero la nuova normativa anticontraffazione dedicata al mondo del confezionamento farmaceutico? Se ne è parlato a un convegno organizzato dall’Istituto Internazionale di Ricerca (IIR).

All’evento hanno partecipato Domenico Di Giorgio, dirigente dell’Unità Prevenzione e contrasto alla contraffazione dei medicinali ad uso umano di Aifa e Roberto Masciambruni, Head of Packaging Design di Angelini, nonché presidente dell’Advisory Board di cui si è arricchito il convegno: Simona Cazzaniga, avvocato dello Studio Sutti, Milena Maggi, Packaging Development Planner Supply Chain & Demand Dept. di Teva, Roberto Mastrullo, Head of Packaging Quality Control di Meranini M.L. & S., ed Elena Piovosi, responsabile del Laboratorio Packaging e Controllo Qualità di Bayer, un gruppo di lavoro promosso dall’IIR che ormai da diversi anni organizza l’evento dedicato al mondo del packaging, ogni volta focalizzato su un tema particolare.

 

Articoli correlati:

Anticontraffazione, D.lgs 17/2014 secondo Aifa

Lotta alla contraffazione dei farmaci, Italia all’avanguardia

Distribuzione dei farmaci, più garanzie per tutti

Norma anticontraffazione, quali effetti sulle aziende

 

Per approfondire l’argomento, leggi l’articolo su NCF di Settembre:

Nuova norma anticontraffazione. Un onere ma anche un’opportunità

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here