La terapia orale antiaggregante con Efient® (prasugrel) è stata promossa in classe I per il trattamento della sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del tratto ST (NSTE-ACS) dalle Linee Guida sulla rivascolarizzazione miocardica della Società Europea di Cardiologia (ESC) e dall’Associazione Europea di chirurgia cardio-toracica (EACTS).

globuli rossi

Questo upgrade si aggiunge a quello già ottenuto dal farmaco per l’infarto grave, conosciuto anche come infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI),  e conferma prasugrel – molecola scoperta da Daiichi Sankyo con il suo partner giapponese Ube Industries e sviluppata in partnership con Eli Lilly & Co – come terapia di prima linea nei pazienti affetti da sindrome coronarica acuta sottoposti a intervento coronarico percutaneo (ACS-PCI), come autorizzato dalla Commissione Europea nel 2009 per la prevenzione di eventi aterotrombotici in combinazione con aspirina.

Inoltre, un’analisi post-hoc sul trial Triton-Timi 38 basata sulla somministrazione di prasugrel per 12 mesi dimostra che il trattamento con prasugrel in accordo con l’indicazione europea porta a una significativa riduzione del 27 % del rischio relativo degli eventi ischemici (morte cardiovascolare, infarto miocardico non fatale o ictus non fatale, inclusa la trombosi da stent), rispetto a clopidogrel. Sul totale dei 13.608 pazienti coinvolti nello studio, ne sono stati selezionati retrospettivamente 10.074  per comparare efficacia e sicurezza tra i due gruppi di trattamento, prasugrel 10 mg e clopidogrel 75 mg, come dosi di mantenimento durante i primi 12 mesi di terapia. L’obiettivo  chiave di efficacia in questa analisi era l’endpoint composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico non fatale o ictus non fatale, mentre quello di sicurezza era la valutazione dei sanguinamenti maggiori non correlati a by-pass, secondo la classificazione TIMI. L’aumento significativo di questi sanguinamenti viene ridotto quando si rispetta l’indicazione europea (aumento non significativo a 12 mesi). Questa ulteriore analisi ha dimostrato che la durata della terapia è cruciale nel determinare l’efficacia.

La malattia cardiaca coronarica, che può evolvere in sindrome coronarica acuta,  in UE è la più  comune causa di morte, responsabile di più di 741.000 decessi ogni anno.  L’infarto è la principale manifestazione della malattia cardiaca coronarica, che si presenta quando le arterie sono ristrette o ostruite da colesterolo e depositi di grasso. In alcuni casi la placca che ostruisce le arterie  può disgregarsi e causare un trombo che blocca parzialmente o completamente l’afflusso di sangue al cuore, causando appunto  la sindrome coronarica acuta. In molti casi l’arteria viene riaperta con un intervento coronarico percutaneo grazie al posizionamento di uno stent.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here