L’ingresso in società di un fondo di private equity rappresenta per Doppel Farmaceutici – storica azienda protagonista da oltre vent’anni in ricerca, sviluppo, formulazione, produzione e confezionamento di farmaci conto terzi – una concreta opportunità di crescita, consolidamento ed espansione

Nell’ottobre 2015 Trilantic Capital Partners Europe ha acquisito il 90% di Doppel Farmaceutici; prende così avvio una “seconda fase” per l’azienda che dalla sua fondazione, nel 1995, si è affermata come società vocata al CDMO costruendosi un’ottima reputazione e un portfolio di oltre 100 clienti tra cui moltissime big pharma e specialty pharma company.

NCF ha incontrato Giuseppe Cassisi, manager con una lunga esperienza nel settore CDMO, che ha assunto l’incarico di amministratore delegato della società.

giuseppe cassisi, amministratore delegato di Doppel Farmaceutici
Giuseppe Gassisi, amministratore delegato di Doppel Farmaceutici

Chi è Trilantic Capital Partners Europe?

È una società di private equity di medie dimensioni specializzata nell’acquisizione di quote di controllo o di significative partecipazioni di minoranza di attività industriali a livello europeo, ed è caratterizzata da una forte vocazione e visione industriale.

È importante sottolineare che gestisce le sue operazioni senza fare ricorso a indebitamento finanziario, contrariamente a quanto avviene in numerose operazioni di private equity, presupposto indispensabile per immaginare un futuro di consolidamento ed espansione per la società rilevata.

Alla base dell’acquisizione di Doppel, una strategia che si pone come obiettivo la crescita della società che diventerà una piattaforma per l’integrazione con altri player, sempre in ambito CDMO. A tal fine, abbiamo già sul nostro tavolo diversi dossier che stiamo valutando.

Quali sono gli obiettivi che vi ponete? In quali ambiti?

Sono diversi gli approcci che ci vedranno impegnati nei prossimi tempi. Il primo, come già accennato, sarà affiancare all’expertise di Doppel altre competenze che ci permetteranno di completare la nostra offerta e di affermarci sempre più nel nostro settore sia in Italia, dove abbiamo sicuramente una posizione molto rilevante, sia all’estero in particolare dove non siamo ancora presenti.

Contemporaneamente, stiamo valutando un nuovo progetto, che prevede un considerevole investimento, nel settore degli iniettabili per prodotti biotecnologici, una capability di cui oggi non disponiamo. I farmaci biotecnologici non hanno grandissimi volumi, ma necessitano di una forte specializzazione e di impianti allo stato dell’arte e noi contiamo, nel giro di tre anni, di presentarci sul mercato anche con questa importantissima competenza in grado di garantire standard elevati.

Sempre per quest’anno il Fondo, a fronte di una stima di vendite di circa 90 milioni di euro, ha messo a disposizione di Doppel un budget già approvato di circa 13 milioni per ulteriori investimenti finalizzati alle implementazioni necessarie per rispondere alle richieste del mercato. La nostra flessibilità ci ha permesso, per esempio, di investire nell’anno in corso in un nuovo impianto creato appositamente per la produzione di un gel sterile per un importante cliente, un prodotto che andrà in tutto il mondo con volumi molto rilevanti.

Buona parte della sfida si gioca oltrefrontiera…

Attualmente Doppel è presente attraverso i suoi clienti in più di 70 paesi, ma vogliamo raggiungere anche le aree geografiche dove non abbiamo attività di business. Mi riferisco, in particolare, agli Stati Uniti che è uno dei mercati più importanti sia per volumi che per prezzi; oggi, infatti, non siamo approvati dall’FDA ma stiamo lavorando per raggiungere questo risultato nel 2017 e abbiamo già dei progetti in corso con alcuni partner americani, uno dei quali in fase 1: anche in questo caso, siamo intervenuti “costruendo” in un breve periodo la necessaria capability.

Nell’impianto di Rozzano dovremmo ricevere, nel primo trimestre del prossimo anno, una inspection da parte della Food and Drug Administration.

Oltre a quanto già detto, quali altre operazioni di rinnovamento avete in atto?

Per sviluppare il nostro processo di crescita puntiamo molto sullo sviluppo dell’unità di R&D che, attualmente, è formata da circa 30 specialisti che hanno un’ottima competenza nei settori dove già operiamo; un plus, anche se non esclusivo, è che le persone che si occupano di ricerca lavorano quotidianamente a stretto contatto con chi segue la produzione, quindi il trasferimento di informazioni è continuo, a beneficio dell’intero processo.

Abbiamo avviato dei programmi di operational excellence con società esterne che ci stanno aiutando a rivedere procedure e processi e a rendere l’azienda maggiormente efficiente: investire meglio i nostri soldi, avere i costi sotto controllo, ottimizzare l’area acquisti. Stiamo facendo un grosso investimento in SAP, uno dei più moderni e avanzati sistemi di information technology, che ci supporterà anche nell’ottenimento dell’approvazione FDA e abbiamo inserito dei programmi di MBO per tutto il management di prima fascia e per i quadri più rilevanti.

Inoltre, poiché siamo un’azienda molto “energivora” abbiamo in essere un progetto di cogenerazione: a breve, sia l’impianto di Cortemaggiore che quello di Rozzano saranno autonomi nella produzione di energia e questo ci consentirà di essere più green, più efficaci e di inquinare meno.

Doppel Farmaceutici, la storia

DOPPEL LOGO2

  • 1995: da un’operazione di spin-off del Gruppo Hoechst Roussel nasce Doppel Farmaceutici, che subentra nello stabilimento produttivo della storica Camillo Corvi di Piacenza. Sin dalla fondazione l’azienda ha scelto di collocarsi come “partner terzista”.
  • 2000: costruzione del nuovo sito produttivo di oltre 44.000 m2 a Cortemaggiore (Piacenza), principalmente dedicato alla produzione di forme farmaceutiche semisolide e liquide. Vengono realizzati anche un reparto per la produzione di alimentari e uno stabilimento satellite esclusivamente per la realizzazione di compresse ormonali ad alta attività. In seguito all’attivazione completa di questo sito, nel 2004, viene smantellata la vecchia sede.
  • 2001: Doppel Farmaceutici conclude con Pharmacia Italia l’acquisizione di uno stabilimento produttivo a Rozzano (Milano) di 25.000 m2 specializzato principalmente nella preparazione e nel confezionamento di forme farmaceutiche solide orali (compresse, confetti, pastiglie, capsule di gelatina dure, buste), parenterali (fiale in asepsi e con sterilizzazione finale, aerosol), gocce orali e nasali.
  • 2003: partecipazione societaria di Doppel Farmaceutici in Procemsa Farmaceutici, azienda torinese dedita allo sviluppo e alla produzione conto terzi di integratori alimentari e nutraceutici.
  • 2003-2004: costruzione di nuovi laboratori di sviluppo farmaceutico e analitico nella sede di Rozzano.
  • 2008-2009: ampliamento dello stabilimento produttivo di Cortemaggiore dove viene inaugurata la nuova divisione alimentare.
  • 2015: il fondo di private equity Trilantic Capital Partners Europe acquisisce il 90% di Doppel Farmaceutici; il restante 10% rimane nelle mani di uno dei fondatori, Paolo Lanfranchi, che va a ricoprire il ruolo di presidente non operativo. Giuseppe Cassisi assume l’incarico di CEO.

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here