23 miliardi di euro sono stati spesi in Europa nel solo anno 2012 per il trattamento delle malattie del sangue, maligne e no. Tra le patologie che ricadono in questa definizione vi sono l’anemia, i tumori del sangue (per esempio i linfomi Hodgkin e non-Hodgkin, il mieloma multiplo e la leucemia), le malattie emorragiche, quelle delle cellule sanguigne, della milza e del sistema immunitario. I due studi pubblicati su The Lancet Haematology hanno analizzato i dati provenienti dall’Europa a 28 più Norvegia, Svizzera e Islanda. Più della metà della somma totale spesa nel 2012 è stata destinata al trattamento dei tumori maligni (€ 12 mld), il restante (€ 11 mld) per le patolgie benigne. I due terzi dei costi totali per l’assistenza sanitaria (€ 16 mld) sono stati dedicati all’assistenza ospedaliera (€ 7 mld) e ai farmaci (€ 4 mld).

blood-75302_1280
Due studi pubblicati su The Lancet Haematology fanno il punto sui costi di gestione delle malattie del sangue

I costi considerati dai due studi – uno specifico per i tumori maligni, il secondo per quelli benigni – includono i costi della cura, inclusivi dei farmaci, i costi informali (ad esempio quelli affrontati dai parenti del malato) e le perdite di produttività a causa di morte prematura o di assenza dal lavoro per malattia. “L’intelligenza economica sul cancro è essenziale per i policy-maker dei tumori in Europa. Capire i confini economici dei tumori del sangue aiuta a pianificare sistemi di assistenza per tutti i pazienti finanziati in modo corretto”, ha commentato il professor Richard Sullivan del King’s College, uno dei co-autori degli studi. I dati – che provengono da fonti quali Eurostat e l’Organizzazione mondiale della sanità, oltre che dai ministeri della Salute e degli enti statistici dei diversi paesi europei – sono stati raccolti e analizzati da un team di ricercatori dell’Health Economics Research Centre di Oxford, del Kink’s College di Londra, dell’Institute of Cancer Policy e del KHP Cancer Centre.

 

I risultati degli studi

Secondo i ricercatori inglesi, i tumori del sangue ci collocano in quarta posizione (8% del totale per tutti i tumori) per quanto riguarda i costi di gestione; in prima posizione si trovano i tumori del polmone (15%), seguiti da quelli della mammella (12%) e del colon-retto (10%). Andando a considerare, invece, solo i costi sanitari, la gestione del paziente con tumore del sangue è seconda (12% del totale dei tumori) solo a quella delle pazienti con tumore della mammella (13%). In un commento agli studi viene sottolineato come in Europa l’incidenza di tutte la patologie ematologiche sia sostanziale e rappresenti il 7% di tutti i tumori, nonostante le varie forme individuali di tumori ematologici siano definite come malattie rareNel 2012 la spesa media per paziente risultava essere di € 14.674, circa il doppio del costo medio per paziente calcolato su tutti i tipi di tumore (€ 7.929); un dato che per gli autori sarebbe correlato ai tempi più lunghi di ospedalizzazione e a trattamenti complessi e di lungo periodo quali i trapianti di midollo, la chemioterapia multifarmaco, la radioterapia e la diagnostica complessa.

Abbiamo trovato ampie differenze nel costo di trattamento delle malattie del sangue nei diversi paesi, probabilmente collegate a differenze significative nell’accesso e nell’erogazione della cura per i pazienti. I nostri risultati suggeriscono che c’è il bisogno di armonizzare il trattamento delle malattie del sangue in Europa in modo costo-efficacia”, ha sottolineato il senior author degli studi, Jose Leal dell’Università di Oxford. I tempi di ospedalizzazione dei pazienti in Francia, ad esempio, sono solo di 8 giorni, mentre in Grecia salgono a ben 48; il costo medio in Finlandia è risultato circa il doppio che in Belgio (€ 18.014 vs € 9.596). “La maggior parte dei paesi europei deve fronteggiare l’invecchiamento della popolazione che necessita di più cure. Un altro fattore contribuirà ancora di più all’aumento dei costi: i prezzi dei nuovi farmaci – scrive Ulrich Jäger dell’Università di Vienna commentando gli studi -. Dal 2012 diversi nuovi farmaci hanno ricevuto l’autorizzazione al commercio. Molti di questi nuovi farmaci promettono di essere più efficaci perché sono mirati in modo più specifico a cammini chiave delle cellule tumorali. Tuttavia, molti di questi nuovi medicinali hanno un prezzo molto superiore alla media del 2012”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here