Daiichi Sankyo annuncia l’arruolamento dei primi pazienti nel trial ENVISAGE-TAVI AF che valuta l’anticoagulante orale in monosomministrazione giornaliera Lixiana® (edoxaban) per il trattamento ininterrotto della fibrillazione atriale nei pazienti sottoposti a impianto di valvola aortica transcatetere.

È iniziato l'arruolamento per lo studio ENVISAGE-TAVI AF per la valutazione di Edoxaban per la FANV in pazienti sottoposti a impianto di valvola aortica transcatetere
È iniziato l’arruolamento per lo studio ENVISAGE-TAVI AF. Valuterà efficacia e sicurezza di edoxaban per la FANV in pazienti sottoposti a impianto di valvola aortica transcatetere

Lo studio si inserisce nel programma di ricerca clinica Edoxaban, che valuta l’uso di questo farmaco in un ampio range di pazienti, con diverse condizioni cardiovascolari e in differenti setting clinici.

L’impianto della valvola aortica transcatetere è diventata una procedura sempre più frequente per il trattamento della stenosi aortica, una malattia progressiva che può trasformarsi in una condizione potenzialmente fatale. Nei pazienti sottoposti a tale procedura la fibrillazione si presenta spesso come comorbilità che richiede una terapia anticoagulante cronica.

Lo studio ENVISAGE-TAVI AF su edoxaban per la FANV in pazienti sottoposti a impianto di valvola aortica transcatetere

Lo studio ENVISAGE-TAVI AF (EdoxabaN Versus Standard of Care and TheIr Effects on Clinical Outcomes in PAtientS HavinG UndergonE Transcatheter Aortic ValveImplantation – in Atrial Fibrillation (ENVISAGE-TAVI AF) è uno studio prospettico di fase IIIb, randomizzato a gruppi paralleli, in aperto con endpoint cieco, che valuterà l’efficacia e la sicurezza dell’inibitore orale diretto del fattore Xa edoxaban, rispetto al trattamento con antagonisti della vitamina K, con o senza terapia antipiastrinica, in pazienti affetti da fibrillazione atriale e sottoposti con successo a un impianto di valvola aortica transcatetere.

«ENVISAGE-TAVI AF al momento è unico nel suo genere e fornirà le prime evidenze cliniche che comparano efficacia e sicurezza di edoxaban versus AVK in pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare con indicazione alla terapia anticoagulante cronica a seguito di un impianto di valvola aortica transcatetere» ha commentato il principale co-autore dello studio, George Dangas, professore di Medicina della Mount Sinai School of Medicine.

Lo studio analizzerà l’incidenza di eventi clinici avversi netti, cioè il composito di tutte le cause di morte, infarto miocardico, ictus ischemico e tromboembolia sistemica, trombosi della valvola e sanguinamenti maggiori (secondo la definizione della Società Internazionale Trombosi ed Emostasi); questi ultimi corrispondono anche all’endpoint primario di sicurezza.

Saranno arruolati circa 1.400 pazienti in 200 centri tra Europa, Stati Uniti e Canada.

Edoxaban sarà utilizzato nel dosaggio approvato per la prevenzione dell’ictus nella fibrillazione atriale, in accordo con le indicazioni di ciascun Paese.

Articoli correlati

Edoxaban per la fibrillazione atriale in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo

Edoxaban per fibrillazione atriale, ictus e TEV arriva in italia

Dabigatran per la fibrillazione atriale in pazienti sottoposti ad ablazione

Edoxaban approvato in Europa per prevenire l’ictus e trattare il tromboembolismo venoso

Edoxaban efficace e sicuro anche per i pazienti con TEV a più alto rischio

Dati dal registro PREFER in AF sulla fibrillazione atriale

Edoxaban per prevenire ictus, embolismo sistemico e tromboembolismo venoso

Edoxaban per ictus e tromboembolismo venoso

Sondaggio sui pazienti europei affetti da fibrillazione atriale

Edoxaban efficace e sicuro anche a dosaggio ridotto per pazienti fragili

Anticoagulanti nella prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale

Edoxaban per tromboembolismo venoso in pazienti oncologici

Edoxaban per fibrillazione atriale, embolia polmonare e trombosi venosa profonda

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here