.È disponibile online il documento del Gioseg sull’appropriatezza prescrittiva della vitamina D “La vitamina D: un ormone essenziale per la salute scheletrica”.

Gli esperti del Gioseg (Gruppo di Studio sull’osteoporosi da glucocorticoidi e sull’endocrinologia dello scheletro) hanno stilato un documento per chiarire i benefici della vitamina D sulla salute scheletrica e garantirne l’appropriatezza prescrittiva.

A livello mondiale, nel 2017, il mercato di questa vitamina ha raggiunto il miliardo di dollari.

Il documento “La vitamina D: un ormone essenziale per la salute scheletrica”

Il ruolo determinante per l’osso della vitamina D è noto da oltre un secolo ma l’interesse della comunità scientifica e dell’opinione pubblica sulla sua importanza è più recente. Soltanto negli anni 2000, infatti, si è sviluppata una consapevolezza sui danni da carenza. Questo dato è testimoniato anche dalla progressiva crescita della prescrizione di farmaci a base di questa molecola.

La grande diffusione e la facilità di prescrizione ha attirato l’attenzione degli esperti che hanno trattato la vitamina D come sorvegliata speciale. Questo per il timore che l’utilizzo non fosse sempre appropriato e quindi determinasse un aumento ingiustificato della spesa farmaceutica pubblica tanto da spingere alcune regioni a intervenire per contenerne l’uso.

Il risultato di questa osservazione è un documento redatto da clinici e ricercatori del Gioseg valutato e approvato da tutti gli oltre 200 membri. Il titolo del documento è: “La vitamina D: un ormone essenziale per la salute scheletrica”. L’obiettivo è chiarire:

  • il ruolo fisiologico della vitamina D,
  • la sua importanza nel trattamento della fragilità scheletrica,
  • il suo corretto utilizzo.

Il documento è basato sulle più recenti evidenze scientifiche ed è disponibile per la consultazione sul sito internet del Gioseg.

Diagnosi, appropriatezza prescrittiva e monitoraggio della terapia sono i tre elementi cardine di una buona pratica clinica in caso di ipovitaminosi D.

Ipovitaminosi D

«Dalla letteratura scientifica abbiamo evidenze, ormai consolidate, che l’ipovitaminosi D sia una condizione dannosa per il metabolismo osseo, rappresentando un importante fattore concausale di fragilità scheletrica e di rischio fratturativo e che, soprattutto nella popolazione anziana, possa vanificare l’effetto di alcuni farmaci, come ad esempio dei farmaci anti-osteoporotici, mettendo a rischio la salute dei pazienti e andando ad incidere in modo significativo sui costi sanitari – ha sottolineato Andrea Giustina, presidente GIOSEG e professore ordinario di Endocrinologia e Metabolismo all’ Università Vita e Salute San Raffaele Milano –  In caso quindi di diagnosi di ipovitaminosi D è necessario iniziare la supplementazione di colecalciferolo come raccomandato dalle linee guida di riferimento, da somministrare con la frequenza e alle dosi richieste dalla severità della ipovitaminosi».

La diagnosi di ipovitaminosi D riflette una condizione clinica ben precisa di deficit di vitamina D. Diverse società scientifiche e istituzioni nazionali e internazionali hanno proposto diverse definizioni di ipovitaminosi. Generalmente, si considera che valori circolanti di 25-idrossivitamina D3 (25-OH-D3, la forma biologicamente attiva) inferiori a 30 ng/ml riflettano una condizione sfavorevole per la salute ossea, un ridotto assorbimento del calcio e di conseguenza una scarsa mineralizzazione ossea.

Vitamina D e calcio

«Nonostante l’ipovitaminosi D sia una condizione che riguarda ben il 70% della popolazione italiana, è bene sottolineare che la vitamina D non è l’unico fattore che aiuta a preservare la massa ossea – ha continuato Giustina. – La vitamina D è legata a doppio filo con il fabbisogno di calcio e con il suo introito giornaliero, fondamentale ai fini dell’efficacia terapeutica. Il calcio a differenza della vitamina D, può essere integrato tramite l’alimentazione, è essenziale quindi che il paziente avvii un corretto regime alimentare che preveda il giusto apporto di calcio. Studi scientifici hanno infatti dimostrato che la somministrazione del colecalciferolo in presenza di un basso introito di calcio non sia analogamente efficace».

Il paradosso scandinavo

Nonostante la latitudine favorevole, gli italiani soffrono di ipovitaminosi D anche in giovane età. Trascorrere poco tempo all’aperto, l’uso di filtri solari e l’esposizione all’inquinamento atmosferico rappresentano ulteriori ostacoli alla produzione di vitamina D. È infatti l’irraggiamento solare che permette la sintesi cutanea del colecalciferolo, precursore della vitamina D. La quantità che è possibile introdurre con la dieta non è sufficiente a compensare il deficit. Pochi cibi contengono vitamina D. Sono alimenti a elevato contenuto lipidico come l’olio di pesce e i pesci molto grassi come lo sgombro.

«Nel 2014 l’AIFA ha pubblicato un rapporto sul tasso di crescita a doppia cifra delle prescrizioni di composti contenenti vitamina D – ha affermato Giustina. – Tra i fattori che hanno contribuito in maniera significativa al loro aumento c’è da un lato la maggiore attenzione della classe medica per le patologie scheletriche correlate alla carenza di vitamina D, dall’altro il reale aumento della prevalenza di ipovitaminosi dovuto sia all’invecchiamento della popolazione che alle modifiche degli stili di vita. Ogni valutazione da parte di medici e decisori sanitari va fatta tenendo conto del rapporto rischio-beneficio, non solo del costo economico».

A questo proposito che cos’è il paradosso scandinavo? Si tratta del fenomeno epidemiologico che vede una maggiore prevalenza di ipovitaminosi D nei Paesi del bacino del Mediterraneo rispetto ai Paesi del Nord Europa. Infatti, l’irraggiamento solare è ridotto nei Paesi del Nord e porterebbe a una maggiore prevalenza di ipovitaminosi D. Tuttavia, in questi Paesi già da qualche anno è stata intrapresa una politica di integrazione degli alimenti con vitamina D. Nei Paesi del Sud, invece, contando sulla maggiore esposizione solare, ma non tenendo conto dell’evoluzione degli stili di vita, non è stata introdotta la fortificazione degli alimenti. Ecco quindi che i Paesi del Mediterraneo sono vittime di quello che è stato chiamato paradosso scandinavo.

Appropriatezza prescrittiva della vitamina D: quando correggere l’ipovitaminosi D?

«La supplementazione di vitamina D – conclude Giustina – è una vera e propria terapia, e come tale va trattata. L’appropriatezza prescrittiva è un nodo fondamentale che riguarda sia i dosaggi che il monitoraggio. A seconda che si debba trattare o prevenire una condizione di carenza, è bene diversificare e personalizzare i dosaggi ormonali, sia in fase prescrittiva che in fase di follow up, tenendo conto dell’età e della presenza di patologie concomitanti. Va comunque tenuto presente che dosi giornaliere di colecalciferolo inferiori a 800 UI sono inefficaci nella prevenzione delle fratture, l’evento che vogliamo evitare, ma attenzione anche ai dosaggi elevati somministrati in boli che possono determinare un fenomeno di inibizione paradossa della mineralizzazione».

Articoli correlati

Vitamina D: sorvegliata speciale

Carenza di vitamina D e rischio di malattie cardiovascolari

Vitamina D per prevenire le fratture ossee

Contrastare la carenza di vitamina D

Carenza di vitamina D in età pediatrica

Sclerosi multipla e osteoporosi

Rischio di fratture ossee, l’importanza dell’aderenza alla terapia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here