La ricerca sulle terapie cellulari per le malattie del motoneurone, di cui la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) è la forma più frequente, è attiva da tempo, ma gli studi conclusi hanno portato purtroppo a risultati negativi o non definitivi.

La ricerca sulle terapie cellulari per le malattie del motoneurone è attiva da tempo ma non ha portato risultati significativi
La ricerca sulle terapie cellulari per le malattie del motoneurone è attiva da tempo ma non ha portato risultati significativi

In particolare, la ricerca sulle cellule staminali mesenchimali, ematopoietiche e neurali nella SLA e nelle malattie del motoneurone è stata ed è molto attiva nel mondo e in particolare in Italia, ma fino ad oggi non è stato ottenuto alcun risultato clinico significativo. Purtroppo negli ultimi 15-20 anni sono stati numerosi i “tentativi” terapeutici offerti ai pazienti con SLA, spesso a pagamento, che hanno provocato innumerevoli viaggi della speranza, in diversi Paesi del mondo, con vicende pseudoscientifiche e con risultati nulli, ma spesso con gravi conseguenze mediatiche e illusorie nei confronti dei pazienti, delle loro famiglie e delle istituzioni, senza dimenticare gli enormi costi sostenuti.

Oggi, infatti, non vi sono risultati di efficacia clinica riportati in nessuna sperimentazione di fase II o III e quindi non sussistono indicazioni di efficacia di approcci terapeutici con cellule staminali nella SLA e nelle altre malattie del motoneurone.

Attualmente, nel mondo, sono attivi circa 20 trial, 17 dei quali sono registrati sul portale del National Institute of Health del Governo USA: 4 osservazionali e 13 di tipo interventistico, di fase I, II o III, con diversi approcci scientifici e diversi tipi di cellule studiate.

Studi con cellule mesenchimali nelle malattie del motoneurone

Per esempio alcuni di questi studi utilizzano le cellule mesenchimali (MSC), come lo studio di fase III su circa 200 pazienti in USA e Canada, che prevede la somministrazione di MSC differenziate dall’azienda Brainstorm in cellule (chiamate NeurOwn) in grado di produrre fattori neurotrofici. Lo studio prevede la somministrazione per via intratecale, cioè nel canale spinale, per tre volte ogni due mesi, e prevede la presenza di un gruppo di controllo con placebo. Al momento non vi è alcuna pubblicazione scientifica dei risultati della fase II e pertanto non è possibile dare alcun giudizio sull’efficacia di questa procedura. I risultati definitivi della fase III sono previsti per luglio 2020.

Vi sono poi altri studi in corso, due dei quali di fase I e II svolti presso la Mayo Clinic di Rochester, USA, in cui i ricercatori stanno valutando la sicurezza e la tollerabilità di MSC derivate dal tessuto adiposo iniettate per via intratecale (nel liquor). Il primo studio è terminato nel 2018 ma non ci sono ancora risultati disponibili. Lo studio di fase II è in corso e il termine sarà a dicembre 2020.

In Spagna è invece in corso un progetto di fase I/II mirato a valutare la sicurezza in pazienti con SLA della somministrazione endovenosa di MSC derivate dal tessuto adiposo. Il termine dello studio è previsto per il 2021.

Studio con ciclofosfamide + G-CSF + chemioterapia e re-infusione di cellule staminali ematopoietiche autologhe

In Italia la ricerca sulle cellule staminali è sempre stata all’avanguardia e diversi progetti sono stati condotti o sono tuttora in corso: in particolare è stato recentemente concluso in 11 centri italiani, coordinati dal Dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica dell’Università degli Studi di Genova, il protocollo Cy-HSCTALS002 che ha previsto la somministrazione endovenosa di ciclofosfamide, associata alla somministrazione di Granulocyte Colony-Stimulating factor (G-CSF) e chemioterapia di condizionamento e successiva re-infusione di cellule staminali ematopoietiche autologhe.

Studio con filgrastim per la SLA

È invece tuttora in corso lo studio STEMALS II, una sperimentazione di fase II che ha coinvolto 7 centri italiani, basato sul trattamento con filgrastim (un potente “mobilizzatore” di cellule staminali ematopoietiche) per via endovenosa nella sclerosi laterale amiotrofica. Lo studio è stato coordinato dal CRESLA di Torino e i risultati sono previsti per il gennaio 2020.

Studi con cellule staminali neurali

Per quanto riguarda le cellule staminali neurali (NSC) sono stati condotti alcuni studi sia in USA che in Italia, dove Angelo Vescovi e Letizia Mazzini hanno coordinato uno studio clinico di fase I (che ha coinvolto 4 centri clinici) utilizzando NSC derivate da tessuto cerebrale fetale con impianto intramidollare. La sperimentazione è stata effettuata su 18 pazienti con SLA ed i risultati hanno mostrato un discreto profilo di sicurezza nei casi trattati (dati pubblicati).

È ora in corso il disegno di uno studio multicentrico di fase II che coinvolgerà 60-80 pazienti e un numero più ampio di centri clinici.

Articoli correlati

Nuove linee guida per i trial clinici nella SLA

Motoneuroni ricavati dal sangue per migliorare la ricerca sulla SLA

Identificato il gene CAMTA1 modificatore della Sla

Individuata mutazione nel gene TBK1 associata alla Sla

Malattie legate a mutazioni del gene KIF5A

Malattie del sistema nervoso e recettori metabotropici del glutammato0

Biomarcatore specifico per monitorare le mutazioni genetiche causa di malattie neurodegenerative

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here