Lo studio Hokusai-VTE CANCER su edoxaban vs dalteparina per la TEV nei pazienti oncologici dimostra efficacia non inferiore e maggiore maneggevolezza.

Edoxaban vs dalteparina per la TEV nei pazienti oncologici
Edoxaban vs dalteparina per la TEV nei pazienti oncologici si dimostra non inferiore e più facile da assumere

Nei pazienti con cancro e tromboembolia venosa (TEV)la terapia con anticoagulante orale edoxaban (Lixiana®), risulta non inferiore allo standard di cura a base di dalteparina iniettabile per via sottocutanea, nella prevenzione delle recidive di TEV o dei sanguinamenti maggiori. A dimostrarlo sono i primi risultati del trial Hokusai- VTE Cancer, pubblicati sul New England Journal of Medicine (NEJM) e presentati durante il Congresso dell’American Society of Hematology (ASH) ad Atlanta.

Il rischio di sviluppare TEV, nella forma di trombosi venosa profonda o embolia polmonare, aumenta da 4 a 7 volte nei pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia e, per questa popolazione di pazienti, essa rappresenta la seconda causa di morte. Nel trattamento del TEV in questi pazienti, le attuali linee guida raccomandano eparina a basso peso molecolare (dalteparina) per almeno sei mesi come standard di cura. Tuttavia, attualmente l’aderenza alle linee guida per il trattamento della TEV correlata a cancro risulta più bassa di quanto sarebbe auspicabile, proprio a causa della necessità della somministrazione del farmaco attraverso iniezioni sottocutanee quotidiane. Dunque un’ulteriore sfida per i pazienti oncologici, che corrono un rischio maggiore sia di recidive di TEV che di sanguinamenti maggiori.

Hokusai-VTE CANCER è il primo trial clinico controllato randomizzato ad aver studiato il rapporto rischio-beneficio di un anticoagulante (DOAC) rispetto allo standard di cura attuale delle iniezioni a base di dalteparina (eparina a basso peso molecolare) nei pazienti affetti da cancro, e i primi risultati dimostrano che edoxaban soddisfa i criteri pre-specificati di non inferiorità rispetto a questo standard.

Lo studio ha arruolato 1.050 pazienti con cancro attivo, il 53% di essi presentava cancro metastatico e il 72% era sottoposto a chemioterapia al momento della randomizzazione.

«I pazienti oncologici hanno un rischio significativamente più alto di sviluppare TEV, e rappresentano una popolazione ad alto rischio, dal momento che l’82% di essi presenta uno o più fattori di rischio di sanguinamento. – ha spiegato il co-sperimentatore principale del trial, Harry Büller, professore al dipartimento di Medicina Vascolare dell’Academic Medical Center di Amsterdam. – Rispetto alla dalteparina, in un anno di studio abbiamo riscontrato una minor incidenza di recidive di TEV con edoxaban. Inoltre, non abbiamo osservato sanguinamenti fatali e la gravità clinica dei sanguinamenti maggiori era simile a quanto osservato con la dalteparina. Inoltre, per i pazienti con cancro il rischio di TEV persiste oltre i sei mesi, ma la durata di 12 mesi di questo studio, consente la valutazione di edoxaban per un periodo più lungo».

Lo studio ha raggiunto l’endpoint primario di non inferiorità di edoxaban per l’outcome composito della prima recidiva di TEV o sanguinamento maggiore, in un periodo di 12 mesi.  Nell’anno in esame, questi eventi hanno colpito:

  • 67 dei 522 pazienti (12,8%) nel gruppo edoxaban,
  • 71 dei 524 pazienti (13,5%) del gruppo dalteparina

(hazard ratio con edoxaban, 0,97; 95% CI, 0,70 a 1,36; P = 0,0056 per non inferiorità).

La differenza del rischio di recidiva di TEV è stata di -3,4% (95% CI, -7,0 a 0,2), mentre la corrispondente differenza di rischio per i sanguinamenti maggiori è stata del 2,9% (95% CI, 0,1 a 5,6).

Nel braccio edoxaban, inoltre, non si sono registrati sanguinamenti fatali, mentre nel braccio dalteparina se ne sono registrati due.  Lo studio ha anche soddisfatto l’outcome secondario di sopravvivenza libera da eventi (la proporzione di soggetti che nel tempo non presentano recidive di TEV, sanguinamenti maggiori e morte) a 12 mesi. Le frequenze sono risultate simili tra edoxaban e dalteparina (55% e 56,5% rispettivamente).

«I risultati del trial Hokusai- VTE Cancer dimostrano che l’uso dell’anticoagulante orale edoxaban, rispetto alla dalteparina, allevia il paziente dal peso di un’iniezione sottocutanea quotidiana, senza che vi sia alcuna perdita di benefici clinici, e ciò potrebbe rappresentare una svolta per tutte quelle persone che, oltre alla battaglia contro il cancro, devono ogni giorno affrontare e combattere il rischio di TEV» – ha commentato il ricercatore Hans J. Lanz, vice-presidente del dipartimento Global Medical Affairs di Daiichi Sankyo.

La tromboembolia Venosa

Con il termine tromboembolia venosa (o tromboembolismo venoso) si indicano due patologie correlate, la trombosi venosa profonda (TVP) e l’embolia polmonare (PE). La TVP è causata dalla formazione di un coagulo all’interno di una vena profonda, di solito negli arti inferiori, nella pelvi o nelle cosce, ma può verificarsi anche in altre parti del corpo.  L’embolia polmonare (EP) si determina quando una parte del coagulo si distacca dall’interno di una vena e viaggia fino ai polmoni. Qui ostruisce le arterie polmonari determinando una condizione potenzialmente fatale.

In 25 stati dell’UE, la TEV supera 1,5 milioni di eventi ogni anno. L’incidenza annuale di TEV nei paesi sviluppati è stimata tra 1 e 3 su 1.000 adulti. Un precedente episodio di TEV è il fattore di rischio più significativo di una recidiva. Inoltre, dopo i 50 anni di età, il rischio raddoppia ogni 10 anni.

La TEV e il cancro

La TEV è la seconda causa di morte nei pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia e ha un’incidenza annuale che arriva al 20% a seconda di:

  • tipologia di cancro,
  • fattori di rischio,
  • tempo trascorso dalla diagnosi.

I pazienti oncologici presentano fattori di rischio multipli per la TEV e relative recidive. Questo rischio aumenta da 4 a 7 volte nei soggetti sottoposti a chemioterapia. I pazienti con cancro che soffrono anche di TEV hanno, inoltre, una minore sopravvivenza rispetto a coloro che non ne soffrono.

Lo studio Hokusai-VTE CANCER su edoxaban vs dalteparina per la TEV nei pazienti oncologici

Hokusai-VTE CANCER è uno studio internazionale di fase IIIb, prospettico, randomizzato in aperto con endpoint cieco (PROBE), che valuta l’efficacia e la sicurezza di edoxaban rispetto alla dalteparina, per il trattamento della TEV nei pazienti oncologici.

I soggetti sono stati randomizzati per ricevere 60 mg di edoxaban in monosomministrazione giornaliera (ridotti a 30 mg edoxaban per pazienti con insufficienza renale e clearance di creatinina [CrCL] 30-50 mL/min, peso corporeo ≤ 60 kg, o uso concomitante di inibitori della glicoproteina P [P-gp], a seguito del trattamento di eparina a basso peso molecolare per almeno 5 giorni, oppure  dalteparina SC 200 IU/kg in monosomministrazione giornaliera per 30 giorni, seguita da una dose ridotta di 150 IU/kg sempre in monosomministrazione giornaliera, per i 12 mesi della durata dello studio.

L’obiettivo principale dello studio era quello di valutare edoxaban rispetto allo standard di cura a base di eparina a basso peso molecolare, per la prevenzione dell’esito combinato di recidive di TEV o sanguinamenti maggiori così come definiti dalla Società Internazionale di Trombosi ed Emostasi (ISTH), in pazienti con TEV associata a cancro.

Gli outcome secondari includevano:

  • la valutazione degli effetti del trattamento di recidive di TEV,
  • i sanguinamenti clinicamente rilevanti,
  • la sopravvivenza libera da eventi (recidive di TEV, sanguinamenti maggiori e morte).

Lo studio ha arruolato un ampio spettro di pazienti (1.050) in 13 stati tra Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda. Al momento della randomizzazione, il 98% dei pazienti presentava cancro primario attivo. Di questi, il 53% aveva cancro metastatico e il 72% era sottoposto a chemioterapia.

Edoxaban

Edoxaban è un inibitore orale diretto del fattore Xa (pronunciato“Decimo a”) in monosomministrazione giornaliera. Il Fattore Xa è un componente centrale della cascata coagulativa, dunque la sua inibizione rende il sangue più fluido e meno soggetto a coaguli. Edoxaban è attualmente commercializzato anche in Italia.

Articoli correlati

Edoxaban per la fibrillazione atriale in pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere

Edoxaban efficace e sicuro anche a dosaggio ridotto per pazienti fragili

Nuovo anticoagulante orale per pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione

Edoxaban per la fibrillazione atriale in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo

Edoxaban per fibrillazione atriale, ictus e TEV arriva in italia

Patogenesi della fibrillazione atriale negli ipertesi

Edoxaban per prevenire ictus, embolismo sistemico e tromboembolismo venoso

Edoxaban per ictus e tromboembolismo venoso

Sondaggio sui pazienti europei affetti da fibrillazione atriale

Edoxaban per la FANV in pazienti sottoposti a impianto di valvola aortica transcatetere

Edoxaban efficace e sicuro anche per i pazienti con TEV a più alto rischio

Anticoagulanti nella prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale

Edoxaban per pazienti con FANV sottoposti a cardioversione è efficace e sicuro

Edoxaban per fibrillazione atriale, embolia polmonare e trombosi venosa profonda

Dati dal registro PREFER in AF sulla fibrillazione atriale

Edoxaban approvato in Europa per prevenire l’ictus e trattare il tromboembolismo venoso

Edoxaban per tromboembolismo venoso in pazienti oncologici

AF e diabete. L’insulina aumenta il rischio di ictus ed embolia sistemica

Edoxaban vs warfarin per la fibrillazione atriale non valvolare

Edoxaban nei pazienti con FA e coronaropatia concomitante

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here