Sclerosi multiplaL’evoluzione della malattia varia da persona a persona, ma è possibile individuare fondamentalmente cinque forme di decorso clinico.

Sclerosi multipla a decorso recidivante-remittente: è caratterizzata da attacchi acuti o ricadute (recidive) che si alternano a periodi di remissione con assenza di sintomi (recupero totale) o con sintomi residui lievi (recupero parziale dell’attacco). La recidiva può riguardare sintomi già esistenti o manifestarsi con l’esordio di nuovi sintomi. Questa forma può evolvere verso la forma secondariamente progressiva.

Sclerosi multipla secondariamente progressiva: inizia con un decorso recidivante-remittente seguito da un peggioramento progressivo dei sintomi anche nei periodi che intercorrono tra una recidiva e l’altra. Tipicamente, la sclerosi multipla secondariamente progressiva è caratterizzata da una minore frequenza (fino alla scomparsa) degli attacchi acuti e da un peggioramento funzionale continuo. Molti dei pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente sviluppano la forma secondariamente progressiva.

Sclerosi multipla primitivamente progressiva: è caratterizzata da progressione dei sintomi sin dall’esordio e dall’assenza di veri e propri attacchi, di remissioni o stabilizzazioni. Generalmente ha un decorso graduale e lento. Delle persone con diagnosi di sclerosi multipla circa il 10% sviluppa la forma primaria progressiva. I criteri diagnostici per la forma primaria progressiva sono meno certi di quelli per la forma recidivante-remittente per cui la diagnosi viene spesso fatta molto tempo dopo l’esordio dei sintomi neurologici quando la persona ha già sviluppato una significativa disabilità.

Sclerosi multipla a decorso progressivo con ricadute: è simile alla forma primariamente progressiva, ma, oltre a un decorso progressivo dall’esordio, presenta anche episodi acuti con sintomi che non regrediscono o regrediscono solo parzialmente. Si osserva nel 5% circa dei pazienti.

Sclerosi multipla benigna: non mostra un’evoluzione peggiorativa. Esordisce con uno o due episodi acuti seguiti da un recupero funzionale completo, oppure viene diagnosticata quando è presente una minima disabilità che non progredisce nel tempo (si considerano 15 anni). La sclerosi multipla benigna tende a essere associata a sintomi sensitivi (per esempio, formicolii) o visivi (neurite ottica).

Articoli correlati

Sclerosi multipla. Definizione

Sclerosi multipla. Eziologia

Sclerosi multipla. Sintomatologia

Teriflunomide disponibile in Italia per il trattamento della sclerosi multipla

Autorizzato in EU farmaco orale per sclerosi multipla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here