Aurobindo Pharma Ltd. – azienda farmaceutica verticalmente integrata a livello mondiale, con un ampio portfolio di prodotti esteso a diverse aree terapeutiche che comprendono antibiotici, farmaci antiretrovirali, cardiovascolari, neurologici, gastrointestinali e antiallergici – dopo l’acquisizione, nell’aprile 2014, delle sette divisioni commerciali di Actavis in Europa, sta ora procedendo nello sviluppo di una vasta gamma di servizi dedicati soprattutto ai mercati dell’UE. aurobindo

«L’acquisizione ha consentito ad Aurobindo di raggiungere una massa critica in Europa occidentale, posizionandosi tra le prime 10 aziende in numerosi mercati chiave», ha dichiarato Muralidharan, senior vice presidente delle attivitĂ  europee per Aurobindo. «Costruire siti di produzione, di stoccaggio e di Ricerca & Sviluppo per l’Unione Europea è in linea con la nostra visione di diventare una societĂ  farmaceutica verticalmente integrata, leader non solo in Asia, ma in tutto il mondo».

Aurobindo negli ultimi mesi ha integrato le (ex) divisioni commerciali Actavis in Europa e ha rimodellato le organizzazioni locali, per ottenere una completa inversione di tendenza. Kalman Petro, vice presidente responsabile per l’Europa Sud Ovest e strettamente coinvolto nel processo di integrazione e acquisizione, spiega: «Come risultato dell’integrazione manageriale a livello internazionale e locale, le divisioni, inizialmente in perdita, stavano già mostrando un trend positivo alla fine del 2014. Dopo la fase di integrazione, Aurobindo si sta focalizzando nel creare una base solida in Europa ed è completamente orientata a sostenere il proprio business in farmacia e in ospedale per quanto riguarda il portfolio dei farmaci equivalenti, dei proprio prodotti brandizzati e dei propri prodotti di automedicazione».

«Con la societĂ  proprietaria di sedici impianti di produzione high-tech e di due centri di Ricerca & Sviluppo, Aurobindo esporta giĂ  in piĂą di 125 Paesi – ha dichiarato Arvind Vasudeva, CEO della divisione Formulazioni. – Lo sviluppo di quattro nuovi siti completamente dedicati ai mercati europei ad alto volume consentirĂ  di migliorare ulteriormente la competitivitĂ  dei costi e accelerare la nostra strategia di diventare un player significativo nel mercato genericista in Europa».

«La maggior parte delle aziende farmaceutiche di tutto il mondo beneficiano dell’alto livello di competenza e di economie di scala presenti in Asia, ma solo pochi hanno accesso ai propri siti produttivi – ha osservato Vasudeva. – I siti di proprietĂ  della societĂ  ci permettono di sorvegliare il processo completo (dalla produzione dei Principi attivi, alla ricerca e allo sviluppo fino alla produzione), in modo che i prodotti farmaceutici siano conformi ai piĂą elevati standard regolatori». I quattro nuovi siti sono previsti per il periodo compreso tra la fine del 2015 e la metĂ  del 2016. Questo aggiungerĂ  alla capacitĂ  produttiva attuale quasi un miliardo di unitĂ  al mese. Essi saranno in grado di soddisfare l’elevata richiesta di volumi in Europa per il business in farmacia e in ospedale per quanto riguarda il porfolio di farmaci equivalenti, di farmaci brandizzati e di automedicazione.