Biogen ha annunciato nuovi dati che confermano l’efficacia di dimetilfumarato come terapia di lungo periodo per i pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante. I dati evidenziano come dimetilfumarato ha ridotto significativamente le recidive e la progressione della disabilità nei pazienti con diagnosi recente di sclerosi multipla recidivante remittente (SMRR) e malattia in fase molto attiva. Dati ulteriori indicano che dimetilfumarato ha avuto un’efficacia elevata e duratura a cinque anni nei pazienti con SMRR precedentemente trattati con un interferone (interferone beta-1a/b [IFN]) o glatiramer acetato (GA).

dimetilfumarato

L’analisi integrata degli studi di Fase III Define, Confirm e Endorse ha dimostrato l’efficacia a lungo termine del dimetilfumarato a rilascio ritardato nella sclerosi multipla recidivante remittente in base a precedente terapia; l’analisi integrata degli studi  Define e Confirm ha confermato l’efficacia clinica del dimetilfumarato a rilascio ritardato nei pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente di nuova diagnosi con malattia in fase molto attiva

Efficacia clinica nei pazienti con diagnosi recente di SM e malattia in fase molto attiva

Dimetilfumarato ha dimostrato un elevato profilo di efficacia nei pazienti con diagnosi recente di SM e malattia in fase molto attiva, come emerso da un’analisi post-hoc di due anni dei dati integrati degli studi di Fase III Define e Confirm. I pazienti inclusi nell’analisi erano affetti da SMRR diagnosticata nell’anno precedente l’arruolamento negli studi Define  e Confirm, erano naïve al trattamento o precedentemente trattati con soli corticosteroidi e soddisfacevano i criteri per SM in fase molto attiva (due o più recidive nell’anno precedente l’arruolamento negli studi Define o Confirm). Rispetto al placebo (n=77) a due anni, dimetilfumarato (n=84) ha ridotto in modo significativo il tasso annualizzato di recidiva (ARR) (riduzione del 56%, p<0,0040), la percentuale di pazienti che hanno manifestato una recidiva (riduzione del 56%, p=0,0037) e il tempo alla progressione della disabilità confermata dopo 12 settimane (riduzione del 78%, p=0,0067).

Beneficio a lungo termine di dimetilfumarato per i pazienti naïve al trattamento e per i pazienti precedentemente trattati con IFN/GA

Dimetilfumarato ha fornito un’efficacia costante e a lungo termine nei pazienti con SMRR precedentemente trattati con IFN o GA, come rilevato da un’analisi post-hoc integrata in un sottogruppo di pazienti degli studi di Fase III Define , Confirm e Endorse. I pazienti inclusi nell’analisi sono stati sottoposti a follow-up per almeno cinque anni (due anni in Define/Confirm e tre o più anni in Endorse).

Durante il periodo dello studio, l’ARR è rimasto basso nei pazienti che avevano ricevuto un trattamento continuo con dimetilfumarato, rispetto a coloro che inizialmente avevano assunto il placebo per due anni negli studi Define/Confirm. Nei pazienti che sono passati dal placebo, assunto negli studi Define/Confirm, a dimetilfumarato, assunto nello studio Endorse, sono stati osservati dei miglioramenti in termini di ARR, sia che fossero naïve al trattamento o precedentemente trattati per la SM con IFN o GA.

  • Pazienti naïve al trattamento:
    • Pazienti che hanno assunto dimetilfumarato per cinque anni (n=267): ARR 0,123 (intervallo di confidenza [IC] 95%: 0,097; 0,157)
    • Pazienti che sono passati a dimetilfumarato al terzo anno (n=133): ARR 0,207 (IC 95%: 0,152; 0,283)
  • Pazienti trattati con una o più terapie a base di IFN/GA:
    • Pazienti che hanno assunto dimetilfumarato per cinque anni (n=124): ARR 0,195 (IC 95%: 0,151; 0,252)
    • Pazienti che sono passati a dimetilfumarato al terzo anno (n=68): ARR 0,253 (IC 95%: 0,181; 0,353)

Il profilo di sicurezza di dimetilfumarato osservato in Endorse nell’analisi presentata era coerente con i risultati favorevoli riportati negli studi Define e Confirm, con un minimo di cinque anni di osservazione. Non vi è stato un aumento del rischio complessivo di infezioni gravi, incluse quelle opportunistiche.

Endorse

Endorse è uno studio globale di estensione di Fase III tutt’ora in corso, con dose in cieco, volto a stabilire la sicurezza e l’efficacia a lungo termine di dimetilfumarato (240 mg, bid o tid). Lo studio ha arruolato 1.738 pazienti con SMRR che hanno completato gli studi Define e Confirm. I pazienti che avevano ricevuto dimetilfumarato per due anni nel corso degli studi Define e Confirm nello studio Endorse hanno proseguito con lo stesso dosaggio (bid o tid). I pazienti che avevano assunto precedentemente il placebo o GA (solo Confirm) sono stati randomizzati con un rapporto di 1:1 ad assumere dimetilfumarato bid o tid. I pazienti partecipanti allo studio Endorse saranno sottoposti a follow-up per otto anni.
L’obiettivo primario dello studio è valutare il profilo di sicurezza a lungo termine di dimetilfumarato. Gli obiettivi secondari includono: l’efficacia a lungo termine di dimetilfumarato in termini di outcome clinici e lesioni cerebrali dovute a SM rilevabili tramite RM e gli effetti di dimetilfumarato sulla qualità della vita.

Define

Define (Determination of the Efficacy and safety of oral Fumarate IN relapsing-rEmitting MS) è uno studio clinico globale di Fase III, della durata di due anni, randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, controllato verso placebo, di confronto tra i dosaggi, che ha coinvolto 1.200 pazienti con SMRR presso 198 centri in 28 Paesi. Lo studio ha messo a confronto dimetilfumarato (240 mg, bid o tid) con il placebo.
L’obiettivo primario era stabilire se dimetilfumarato fosse efficace nel ridurre la percentuale di pazienti recidivanti a due anni. Gli endpoint secondari includevano la riduzione del numero di lesioni nuove o di recente estensione iperintense in T2 e di lesioni captanti gadolinio (Gd+) alla RM, la riduzione dell’ARR e la riduzione della progressione della disabilità secondo l’EDSS. Sono state inoltre valutate la sicurezza e la tollerabilità di dimetilfumarato.

Confirm

Confirm (COmparator and aN oral Fumarate IRelapsing-remitting MS) è uno studio clinico globale di Fase III, della durata di due anni, randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, controllato verso placebo, di confronto tra i dosaggi, che ha coinvolto 1.400 pazienti con SMRR presso 200 centri in 28 Paesi. Lo studio ha esaminato dimetilfumarato (240 mg, bid o tid) rispetto al placebo e ha incluso un braccio di trattamento di confronto con glatiramer acetato (GA; iniezioni giornaliere sc di 20 mg) rispetto al placebo.
L’obiettivo primario era stabilire se dimetilfumarato fosse efficace nel ridurre il tasso di recidive cliniche a due anni rispetto al gruppo che assumeva il placebo. Gli endpoint secondari a due anni includevano la riduzione del numero di lesioni nuove o di recente estensione iperintense in T2 e il numero di nuove lesioni ipointense in T1 non in estensione (RM eseguite presso una coorte di centri); la riduzione della percentuale di pazienti recidivanti; la riduzione della progressione della disabilità secondo l’EDSS. Sono state inoltre valutate la sicurezza e la tollerabilità di dimetilfumarato.

Dimetilfumarato

Dimetilfumarato è una terapia orale indicata per il trattamento di pazienti adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente, che rappresenta la forma più comune di sclerosi multipla. Attualmente dimetilfumarato è approvato negli Stati Uniti, nell’Unione Europea, in Canada e in Australia. Grazie a un solido programma di studi clinici e ai lanci commerciali iniziati negli Stati Uniti a marzo 2013, sono stati trattati con dimetilfumarato più di 135.000 pazienti in tutto il mondo.
È stato dimostrato che dimetilfumarato riduce le recidive della SM, la progressione della disabilità e le lesioni cerebrali dovute alla patologia, mantenendo un profilo di sicurezza e tollerabilità favorevole. Negli studi clinici, gli eventi avversi più frequenti associati a dimetilfumarato sono stati rossore con sensazione di calore al viso e al collo ed eventi gastrointestinali. Tra gli altri effetti indesiderati rientrano una riduzione della conta linfocitaria media nel primo anno di trattamento, con una successiva fase di stabilizzazione. L’efficacia e la sicurezza di dimetilfumarato sono state studiate nell’ambito di un vasto programma clinico mondiale, comprendente uno studio di estensione a lungo termine tuttora in corso. Sebbene non si conosca l’esatto meccanismo di azione di dimetilfumarato, si ritiene che questo farmaco offra un nuovo approccio al trattamento della SM grazie all’attivazione e al potenziamento della via del fattore Nrf2. Questa via fornisce alle cellule dell’organismo una difesa fisiologica dall’infiammazione e dallo stress ossidativo causato da condizioni patologiche.

Articoli correlati

Autorizzato in EU farmaco orale per sclerosi multipla

Sclerosi multipla. Definizione

Sclerosi Multipla. Eziologia

Sclerosi multipla. Varianti cliniche

Sclerosi multipla. Sintomatologia

Teriflunomide disponibile in Italia per il trattamento della sclerosi multipla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here