È stato approvato dalla Ce dupilumab per l’asma grave con infiammazione di tipo 2 caratterizzata da livelli elevati di eosinofili ematici e/o ossido nitrico esalato frazionato (FeNO) non adeguatamente controllato con un alto dosaggio di corticosteroide per via inalatoria in adulti e adolescente a partire dai 12 anni d’età.

È stato approvato dalla Ce dupilumab per l'asma grave con infiammazione di tipo 2 in adulti e adolescente a partire dai 12 anni d'età
È stato approvato dalla Ce dupilumab per l’asma grave con infiammazione di tipo 2 in adulti e adolescente a partire dai 12 anni d’età

 

«Le persone la cui asma grave non è adeguatamente controllata con la terapia in corso continuano ad avere problemi di respirazione e soffrono di esacerbazioni potenzialmente pericolose per la vita. Questo onere quotidiano e questa imprevedibilità possono ridurre significativamente la qualità della vita, causando la perdita di giorni di scuola, lavoro e attività sociali – spiega Tonya Winders, president, Global Allergy and Asthma Patient Platform (GAAPP). – GAAPP dà il benvenuto a nuovi trattamenti come Dupixent, progettati per aiutare le persone con asma grave a prendere il controllo dei sintomi e andare avanti con le loro vite quotidiane».

Nonostante il trattamento standard di cura, infatti, le persone con asma grave spesso hanno sintomi persistentemente controllati e inadeguati che possono renderli adatti per il trattamento con una terapia biologica. Questi pazienti convivono con tosse, respiro sibilante e difficoltà respiratorie e sono a rischio di gravi attacchi di asma che a volte richiedono visite al pronto soccorso o ricoveri in ospedale. Oltre al trattamento di mantenimento con ICS, i pazienti con asma grave spesso si affidano ai corticosteroidi orali (OCS) quando i loro sintomi peggiorano. Mentre l’OCS può fornire sollievo per i sintomi gravi, le attuali linee guida sull’asma suggeriscono di limitare il loro uso cronico ai pazienti più gravi a causa del potenziale effetto indesiderato grave.

«L’infiammazione di tipo 2 è responsabile di molti dei sintomi tipici dell’asma. Dupilumab (Dupixent) è il primo e unico trattamento approvato per i pazienti nell’Unione Europea con asma grave caratterizzato da più biomarcatori dell’infiammazione di tipo 2 – chiarisce George D. Yancopoulos, MD , Ph.D., presidente e Chief Scientific Officer di Regeneron. – Dupixent è ora approvato per l’asma e la dermatite atopica. Continuiamo a studiare questo nuovo trattamento nelle popolazioni più giovani con queste malattie, così come altre condizioni guidate dall’infiammazione di tipo 2, compresa la rinosinusite cronica con polipi nasali e allergie alimentari e ambientali».

«L’approvazione di oggi segna un momento importante per adolescenti e adulti nell’Unione europea che soffrono di asma grave con infiammazione di tipo 2 – dichiara John Reed, M.D., Ph.D., responsabile della ricerca e dello sviluppo di Sanofi. – Negli studi clinici, Dupixent non solo ha ridotto le riacutizzazioni e l’uso di corticosteroidi orali, ma ha anche migliorato la funzionalità polmonare e la qualità della vita complessiva dei pazienti. Dupixent offre una nuova opzione di trattamento per coloro che rimangono inadeguatamente controllati con i farmaci attuali, compresi quelli che dipendono dalla somministrazione orale corticosteroidi – che possono avere effetti collaterali potenzialmente gravi se usati cronicamente».

Dupilumab

Dupilumab è un anticorpo monoclonale umano che inibisce la segnalazione di interleuchina-4 (IL-4) e interleuchina-13 (IL-13), due proteine chiave che svolgono un ruolo centrale nell’infiammazione di tipo 2 alla base di specifici tipi di asma e molte altre malattie allergiche. Questo effetto è associato alla riduzione dei biomarcatori infiammatori di tipo 2, inclusi FeNO, immunoglobuline E (IgE) ed eotaxin-3 (CCL26).

Dupilumab (Dupixent) viene fornito in una siringa preriempita da 200 mg per i pazienti con asma grave o una siringa preriempita da 300 mg per coloro che hanno asma grave e sono trattati con corticosteroidi orali o con dermatite atopica da moderata a grave co-morbida. Viene somministrato come iniezione sottocutanea ogni due settimane in diversi siti di iniezione dopo la dose iniziale di carico. I duplicati possono essere somministrati in ambulatorio o a casa tramite l’auto-somministrazione.

Dupilumab è stato sviluppato congiuntamente da Regeneron e Sanofi come parte di un accordo di collaborazione globale.

Indicazioni approvate di dupilumab

Dupilumab è anche approvato nell’UE per il trattamento di adulti con dermatite atopica moderata-severa candidati alla terapia sistemica.

Nell’ottobre 2018, Dupixent è stato approvato negli Stati Uniti come terapia di mantenimento aggiuntiva nei pazienti con asma da moderato a severo di età pari o superiore a 12 anni con un fenotipo eosinofilo o con asma corticosteroidea dipendente dal cavo orale. È anche approvato negli Stati Uniti per gli adulti e gli adolescenti (di età compresa tra 12 e 17 anni) con dermatite atopica da moderata a severa la cui malattia non è adeguatamente controllata con terapie con prescrizione topica o quando tali terapie non sono consigliabili.

Programmi di sviluppo clinico di dupilumab

Oltre alle indicazioni attualmente approvate, Regeneron e Sanofi stanno studiando dupilumab in un’ampia gamma di programmi di sviluppo clinico per malattie causate da infiammazione allergica e di altro tipo 2, comprese:

  • rinosinusite cronica con polipi nasali (fase III completata),
  • asma pediatrica e atopica dermatite (da 6 a 11 anni, fase III),
  • dermatite atopica pediatrica (da 6 mesi a 5 anni, fase II/III),
  • esofagite eosinofila (fase III),
  • malattia polmonare ostruttiva cronica (fase III),
  • allergie alimentar e ambientali (fase II).

Dupilumab viene anche studiato in combinazione con REGN3500, che ha come obiettivo IL-33.

Questi potenziali usi sono sperimentali e la sicurezza e l’efficacia non sono state valutate da alcuna autorità di regolamentazione.

Dupilumab e REGN3500 sono stati inventati utilizzando la tecnologia proprietaria VelocImmune® di Regeneron che produce anticorpi completamente umani ottimizzati.

Il programma clinico LIBERTY ASTHMA

L’approvazione CE (per l’asma grave con infiammazione di tipo 2 caratterizzata da livelli elevati di eosinofili ematici e/o ossido nitrico esalato frazionato (FeNO) non adeguatamente controllato con un alto dosaggio di corticosteroide per via inalatoria) si basa sui dati clinici di 2.888 adulti e adolescenti che hanno partecipato a tre studi chiave del programma globale LIBERTY ASTHMA, inclusi gli studi di fase III QUEST e VENTURE e uno studio di Fase IIb.

QUEST ha arruolato 1.902 pazienti con asma persistente e ha valutato se l’aggiunta di Duplicato a terapia standard di cura potesse ridurre le riacutizzazioni gravi e migliorare la funzionalità polmonare (misurata dal FEV1).

VENTURE ha arruolato 210 pazienti con asma corticosteroidea dipendente da grave orale e valutato se l’aggiunta di Duplicato a terapia standard di cura potrebbe ridurre l’uso di corticosteroidi orali di mantenimento.

Lo studio di Fase IIb ha arruolato 776 pazienti adulti con asma da moderato a severo e ha valutato se l’aggiunta di Duplicato a terapia standard di cura potesse migliorare la funzionalità polmonare.

Risultati degli studi registrativi su dupilumab per l’asma

In questi studi, dupilumab ha dimostrato:

  • Riduzione delle esacerbazioni gravi: entro la settimana 52, le riacutizzazioni sono state ridotte fino al 67% rispetto al placebo nei pazienti con eosinofili > = 300 cellule / microlitro e fino al 65% per quelli con i livelli di FeNO> = 25 parti per miliardo. Nello studio di fase IIb, le esacerbazioni della settimana 24 sono state ridotte fino all’81% rispetto al placebo nei pazienti con eosinofili > = 300 cellule / microlitro.
  • Miglioramento della funzionalità polmonare: in QUEST, entro 12 settimane dupilumab ha migliorato FEV1 fino al 33% (rispetto al 16% per il placebo) in pazienti con valori di eosinofili ematici > = 300 cellule / microlitro e fino al 30% (rispetto a 14% per placebo) in pazienti con FeNO > = 25 parti per miliardo. Nello studio di fase IIb, entro la settimana 12 dupilumab ha migliorato il FEV1 fino al 26% (rispetto al 10% per il placebo) in pazienti con valori di eosinofili nel sangue > = 300 cellule / microlitro.
  • Riduzione dell’impiego di corticosteroidi orali: In VENTURE, entro la settimana 24, più della metà dei pazienti dupilumab ha eliminato completamente i corticosteroidi orali, e l’uso complessivo è diminuito del 70% (rispetto al 42% per il placebo).
  • Sicurezza: negli studi clinici sull’asma, la reazione avversa più comune è stata l’eritema nella sede di iniezione (arrossamento). La reazione anafilattica è stata riportata molto raramente.

Tutti gli studi arruolati pazienti indipendentemente dal tipo basale 2 biomarker infiammatori minimi, ad esempio eosinofili o livelli FENO. Recentemente aggiornato Global Initiative for Asthma (GINA) le linee guida che caratterizzano il tipo 2 infiammazione eosinofili> = 150 cellule / microlitro o FeNO> = 20 parti per miliardo. In questi studi pivotal, i pazienti con eosinofili> = 150 cellule / microlitro o FENO> = 25 parti per miliardo beneficiato ottimali Dupixent. Nello studio di fase 2b e QUEST, i maggiori miglioramenti in esacerbazioni e funzione polmonare sono stati osservati nei pazienti con livelli basali di tipo 2 malattia. In VENTURE l’effetto di Dupixent sull’uso corticosteroide orale, esacerbazioni e funzione polmonare, era simile indipendentemente dai livelli basali di tipo 2 infiammazione.

In questi studi cardine, i pazienti con eosinofili> = 150 cellule / microlitro o FeNO> = 25 parti per miliardo hanno beneficiato maggiormente di dupilumab. Nello studio di fase IIb e in QUEST, i maggiori miglioramenti nelle riacutizzazioni e nella funzionalità polmonare sono stati osservati in pazienti con livelli basali più elevati di malattia di tipo 2. In VENTURE l’effetto di dupilumab sull’uso di corticosteroidi orali, esacerbazioni e funzionalità polmonare, era simile indipendentemente dai livelli basali di infiammazione di tipo 2.

Articoli correlati

Priority review FDA di dupilumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale

Risultati su dupilumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale

Dupilumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale

Dupilumab per l’asma moderata-grave

A.I.C. nell’Unione Europea di dupilumab per la dermatite atopica

Dupilumab per la dermatite atopica

Dupilumab per la dermatite atopica negli adolescenti

Risultati su dupilumab per l’asma non controllato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here