La Commissione europea ha esteso l’autorizzazione all’utilizzo di dupilumab nell’Unione europea anche negli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni con dermatite atopica da moderata a grave candidati alla terapia sistemica. Dupilumab è ora il primo farmaco biologico approvato in Europa per il trattamento di questi pazienti.

La Commissione Europea approva dupilumab per la dermatite atopica da moderata a grave negli adolescenti 
La Commissione Europea approva dupilumab per la dermatite atopica da moderata a grave negli adolescenti 

«La dermatite atopica da moderata a grave può influenzare molti aspetti della vita di un adolescente, incluso il suo benessere fisico ed emotivo – afferma Christine Janus, Executive Officer dell’International Alliance of Dermatology Patient Organizations. –Questa malattia rappresenta un peso enorme non solo per i giovani che ci convivono, ma anche per i familiari che si prendono cura di loro. Per questo, accogliamo con favore la disponibilità di nuove opzioni terapeutiche che possano aiutare gli adolescenti a tenere sotto controllo e gestire questa malattia che si rivela spesso debilitante».

La dermatite atopica, la forma più comune di eczema, è una patologia infiammatoria cronica. Nella sua forma da moderata a grave è caratterizzata da eruzioni cutanee che possono interessare ampie aree della superficie corporea, accompagnate da prurito intenso e persistente, secchezza della cute, lesioni arrossate, essudanti, con fissurazione, e formazione di croste. La dermatite atopica non adeguatamente controllata può avere un impatto fisico, emotivo e psicosociale forte, causare disturbi del sonno, sintomi di ansia e depressione, sentimenti d’isolamento. Nonostante la terapia standard, persiste un bisogno terapeutico non soddisfatto per gli adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave che spesso presentano sintomi non controllati e persistenti. 

«Gli adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave in Europa possono finalmente contare su di un farmaco biologico approvato in grado di controllare in modo significativo sintomi persistenti e debilitanti come il prurito e le lesioni cutanee, nonché in grado di migliorare la qualità del loro sonno, aspetto particolarmente importante negli anni della crescita – commenta George  Yancopoulos, MD, Ph.D., President and Chief Scientific Officer di Regeneron. – Questa approvazione offre anche a questi giovani pazienti un’opzione terapeutica in grado di tenere sotto controllo l’infiammazione di tipo 2 che è alla base della dermatite atopica. Oltre all’utilizzo già approvato nell’Unione europea nella dermatite atopica e nell’asma, continuiamo a studiare dupilumab in una vasta gamma di pazienti con altre malattie infiammatorie di tipo 2».

Dupilumab è un anticorpo monoclonale completamente umano che è in grado di inibire l’attività dell’​​interleuchina-4 (IL-4) e dell’interleuchina-13 (IL-13). I dati provenienti dagli studi clinici su dupilumab hanno dimostrato che queste due citochine svolgono un ruolo chiave nell’infiammazione di tipo 2 che svolge un ruolo determinante nello sviluppo determinante nello sviluppo della dermatite atopica, così come dell’asma e della rinosinusite cronica con poliposi nasale (l’utilizzo di dupilumab nella CRSwNP è attualmente in fase di revisione da parte dell’Agenzia Europea dei Medicinali).

«Gli adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave inadeguatamente controllata affrontano una serie di sfide che possono avere un impatto duraturo sulla loro vita. I sintomi fisici e psicologici di questa patologia possono impedire agli adolescenti di vivere appieno con i propri coetanei, a scuola, nelle attività sportive e nel tempo libero. Possono inoltre  spesso rappresentare un peso grave per i loro familiari – afferma John Reed, MD, Ph.D., Responsabile della Ricerca e Sviluppo di Sanofi. – Gli studi di fase III hanno dimostrato che dupilumab è in grado di ridurre significativamente il prurito, le lesioni della pelle  e migliorare la qualità di vita degli adolescenti in un periodo particolarmente critico della loro crescita».

Dupilumab

Dupilumab è disponibile in siringa preriempita negli adolescenti con dermatite atopica. La somministrazione è per iniezione sottocutanea, a settimane alterne. 

Questa approvazione nell’UE amplia l’indicazione per dupilumab, che è approvato per l’uso negli adulti con dermatite atopica da moderata a grave candidati alla terapia sistemica.

Dupilumab è anche approvato in Europa per adulti e adolescenti di età pari o superiore a 12 anni come trattamento di mantenimento aggiuntivo per l’asma grave con infiammazione di tipo 2 caratterizzata da livelli aumentati di eosinofili nel sangue e/o di ossido nitrico esalato (FeNO) non adeguatamente controllato con un dosaggio elevato di corticosteroide inalatorio in aggiunta a un altro farmaco per il trattamento di mantenimento.

Fuori dall’Europa, dupilumab è approvato per il trattamento di pazienti adulti con dermatite atopica da moderata a grave e in alcune categorie di pazienti con asma in diversi Paesi del mondo, inclusi Stati Uniti e Giappone. Dupilumab è anche approvato negli Stati Uniti per l’uso con altri medicinali per il trattamento di CRSwNP negli adulti non adeguatamente controllati ed è attualmente in corso di valutazione per il trattamento di pazienti con CRSwNP nell’UE.

Dupilumab è stato sviluppato congiuntamente da Sanofi e Regeneron nell’ambito di un accordo di collaborazione globale.

Studi clinici su dupilumab negli adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave inadeguatamente controllata

L’approvazione della Commissione europea è basata sui risultati del programma di sviluppo clinico LIBERTY AD, che includono uno studio registrativo di fase III e uno studio di estensione in aperto che hanno valutato l’efficacia e la sicurezza di dupilumab negli adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave inadeguatamente controllata. I principali risultati dello studio registrativo a 16 settimane includono:

  • Un numero cinque volte  maggiore di pazienti trattati con dupilumab (42%) ha avuto un miglioramento di almeno il 75% nell’estensione e nella gravità della malattia rispetto a quelli trattati con placebo (8%), come misurato attraverso l’Eczema Area and Severity Index (EASI-75) che costituiva l’endpoint co-primario dello studio.
  • Una percentuale 10 volte  più alta di pazienti trattati con dupilumab ha presentato cute priva o  quasi priva di lesioni con pelle (24%) rispetto a quelli trattati con placebo (2%), come misurata attraverso l’Investigator’s Global Assessment (IGA) di 0 o 1, che costituiva l’endpoint co-primario dello studio.
  • I pazienti trattati con dupilumab hanno registrato un miglioramento medio del punteggio EASI dell’infiammazione della pelle rispetto al basale (66%) superiore rispetto ai pazienti trattati con placebo (24%).
  • Una percentuale sette volte più alta di pazienti trattati con dupilumab ha manifestato un prurito significativamente inferiore rispetto a quelli trattati con placebo (37% vs 5%, miglioramento clinicamente significativo del prurito di almeno quattro punti sulla scala di valutazione numerica del prurito di picco (NRS).
  • Un numero tre volte maggiore i pazienti trattati con dupilumab ha registrato miglioramenti significativi della qualità della vita correlata alla salute rispetto a quelli trattati con placebo (61% vs 20%, miglioramento clinicamente significativo della qualità della vita di almeno sei punti sul Children’s Dermatology Life Quality Index (CDLQI).
  • Una percentuale sei volte  maggiore di pazienti trattati con dupilumab ha registrato miglioramenti significativi nella gravità della malattia rispetto a quelli trattati con placebo (63% vs 10%,miglioramento clinicamente significativo della gravità della malattia di almeno sei punti del Patient Oriented Eczema Measure (POEM), che è una misura composita che include il sonno).

I dati dello studio di estensione in aperto hanno mostrato che il beneficio clinico raggiunto da dupilumab alla 16a settimana si è mantenuto fino alla 52a settimana. Il profilo di sicurezza di dupilumab negli studi sugli adolescenti si è rilevato simile al profilo di sicurezza degli studi sugli adulti con dermatite atopica e mantenuto nelle  52 settimane dello studio in aperto. Gli eventi avversi più comuni sono stati reazioni al sito d’iniezione, infiammazione degli occhi e delle palpebre inclusi arrossamento, gonfiore e prurito ed herpes labiale.

Non sono richiesti test di laboratorio preventivi o monitoraggio di laboratorio per i pazienti che assumono dupilumab.

Il programma di sviluppo di dupilumab

In aggiunta alle indicazioni approvate, Sanofi e Regeneron stanno studiando dupilumab in una vasta gamma di programmi di sviluppo clinico in patologie mediate da infiammazione di tipo 2, tra cui l’asma e la dermatite atopica dei bambini (dai 6 agli 11 anni, in Fase III), la dermatite atopica pediatrica (da 6 mesi a 5 anni, in Fase II/III), l’esofagite eosinofila (in Fase II/III), la broncopatia cronica ostruttiva (in Fase III) e le allergie alimentari e ambientali (in Fase II).

Dupilumab è anche allo studio in combinazione con REGN3500 (SAR440340), che ha come bersaglio IL-33.

Questi potenziali utilizzi sono tutt’ora in studio pertanto la sicurezza e l’efficacia di dupilumab non è stata ancora valutata da alcuna autorità regolatoria.

Articoli correlati

Dupilumab per la dermatite atopica

Dupilumab per la dermatite atopica negli adolescenti

A.I.C. nell’Unione Europea di dupilumab per la dermatite atopica

Priority review FDA di dupilumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale

Risultati su dupilumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale

Dupilumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale

Dupilumab per l’asma moderata-grave

Approvato dalla Ce dupilumab per l’asma grave

Risultati su dupilumab per l’asma non controllato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here