Con porfiria epatica acuta (AHP) si fa riferimento a una famiglia di malattie genetiche rare caratterizzate da attacchi potenzialmente fatali e, per alcuni pazienti, da sintomi cronici debilitanti che influiscono negativamente sulle funzionalità quotidiane e sulla qualità della vita.

porfiria epatica acuta
Il termine porfiria epatica acuta è usato per indicare quattro malattie caratterizzate da dolore addominale diffuso grave, debolezza, nausea e stanchezza

Attualmente non esistono trattamenti approvati per prevenire gli attacchi debilitanti o trattare le manifestazioni croniche della malattia.

«Il paziente tipo con porfiria epatica acuta è un soggetto giovane (25-35 anni), per lo più donna, con dolori addominali ricorrenti e vario interessamento a carico delle radici degli arti, della schiena, con intensità a volte assai notevole e in grado di interferire in modo importante con le attività della vita quotidiana» – dichiara Paolo Ventura, dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Segretario del Gruppo Italiano Porfiria e membro del board European Porphyria Network.

Tipi di porfiria epatica acuta

Esistono quattro sottotipi di AHP, ciascuno risultante da un difetto genetico ereditario o acquisito che determina la carenza di uno degli enzimi nella via biosintetica dell’eme nel fegato:

  • Porfiria Intermittente Acuta (AIP),
  • Coproporfiria Ereditaria (HCP),
  • Porfiria Variegata (VP),
  • Porfiria da Carenza di ALAD (ADP).

Questi difetti causano l’accumulo degli intermedi neurotossici dell’eme, l’acido aminolevulinico (ALA) e il porfobilinogeno (PBG).

Si ritiene che l’ALA sia l’intermedio neurotossico principale responsabile sia degli attacchi acuti sia dei sintomi persistenti tra un attacco e l’altro.

Segni e sintomi della porfiria epatica acuta

I segni e i sintomi comuni dell’AHP comprendono manifestazioni acute e manifestazioni croniche intercorrenti che persistono tra un attacco acuto e l’altro.

Gli attacchi porfirici acuti sono caratterizzati da crisi neuroviscerali con dolore addominale diffuso grave e alterazioni dello stato mentale.

La sintomatologia cronica è data da debolezza, nausea e stanchezza debilitante.

A causa della loro natura aspecifica, complessa ed eterogenea, i segni e sintomi dell’AHP vengono spesso scambiati con quelli di altre malattie più comuni quali sindrome dell’intestino irritabile, appendicite, fibromialgia ed endometriosi e, pertanto, può capitare che i pazienti affetti da AHP attendano fino a 15 anni per ricevere una diagnosi corretta. Inoltre, le complicanze a lungo termine dell’AHP e il suo attuale trattamento possono comportare dolore neuropatico cronico, ipertensione, malattia renale cronica e malattia epatica da sovraccarico di ferro, fibrosi, cirrosi e carcinoma epatocellulare.

Articoli correlati

La tecnologia RNA Interference per la porfiria epatica acuta

Givosiran per la porfiria epatica acuta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here