Gilead Sciences, Inc. annuncia i risultati principali dello studio clinico open-label di fase III SIMPLE, che ha valutato due regimi posologici (5 e 10 giorni) dell’antivirale sperimentale remdesivir in pazienti ospedalizzati con manifestazioni gravi di COVID-19. Lo studio ha dimostrato che i pazienti che hanno ricevuto un ciclo di trattamento di remdesivir della durata di 10 giorni hanno ottenuto un miglioramento dello stato clinico analogo a quelli che avevano ricevuto un ciclo di trattamento della durata di 5 giorni (Odds Ratio: 0,75 [IC 95% 0,51-1,12] il giorno 14). In nessuno dei due bracci di trattamento sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza con remdesivir. Gilead ha in programma di presentare i dati completi per la pubblicazione in una rivista peer reviewed nel corso delle prossime settimane.
“A differenza di quanto accade normalmente nello sviluppo di farmaci, stiamo tentando di valutare una molecola sperimentale nel bel mezzo di una pandemia globale in continua evoluzione. Diversi studi concomitanti stanno fornendo informazioni su efficacia e sicurezza di remdesivir per il trattamento di COVID-19, e su come utilizzarlo al meglio”, ha dichiarato Merdad Parsey, MD, PhD, Chief Medical Officer di Gilead Sciences. “I risultati di questa sperimentazione vanno a integrare i dati dello studio controllato con placebo condotto con remdesivir dal National Institute for Allergy and Infectious Diseases e contribuiscono a determinare la durata ottimale del trattamento con il farmaco. Lo studio dimostra la possibilità per alcuni pazienti di essere trattati con un regime di 5 giorni, con conseguente significativo aumento del numero di soggetti trattabili con la nostra attuale disponibilità di remdesivir. Questo è particolarmente importante nel contesto di una pandemia, poiché aiuta gli ospedali e gli operatori sanitari a curare un maggior numero di pazienti”.
Remdesivir non è ancora approvato, e non ha ancora dimostrato di essere sicuro o efficace nel trattamento di COVID-19. Questo studio ha cercato di stabilire se un ciclo di trattamento con remdesivir più breve (5 giorni) potesse ottenere risultati di efficacia simili a quelli del regime di trattamento di 10 giorni, adottato in diversi studi attualmente in corso. Gli endpoint secondari comprendevano l’incidenza di eventi avversi e le misure aggiuntive di risposta clinica in entrambi i gruppi trattati. Al momento dell’arruolamento nello studio i pazienti dovevano presentare evidenza di polmonite e livelli di ossigeno ridotti, senza tuttavia necessità di ventilazione meccanica. Il miglioramento clinico è stato definito come un miglioramento di due o più punti rispetto al basale su una scala predefinita di sette punti, con range variabile dalla dimissione ospedaliera ai livelli crescenti di supporto con ossigeno, fino al decesso. I pazienti ottenevano il recupero clinico se non avevano più bisogno di ossigeno e di cure mediche, oppure se venivano dimessi dall’ospedale.
In questo studio, il tempo al miglioramento clinico per il 50% dei pazienti è stato di 10 giorni nel braccio di trattamento di 5 giorni e di 11 giorni nel braccio di trattamento di 10 giorni. Oltre la metà dei pazienti in entrambi i bracci sono stati dimessi dall’ospedale entro il giorno 14 (braccio 5 giorni: 60,0%, n = 120/200 vs braccio 10 giorni: 52,3% n = 103/197; p = 0,14). Il giorno 14 hanno ottenuto il recupero clinico il 64,5% (n =
129/200) dei pazienti nel braccio di trattamento di 5 giorni e il 53,8% (n = 106/197) dei pazienti nel braccio di trattamento di 10 giorni.

Gli studi clinici SIMPLE

Gilead ha avviato due studi clinici di fase III multicentrici randomizzati, in aperto, con remdesivir (gli studi SIMPLE) in Paesi ad alta prevalenza di infezione da COVID-19.
Il primo studio SIMPLE sta valutando la sicurezza e l’efficacia dei regimi posologici di remdesivir di 5 e 10 giorni in pazienti ospedalizzati con manifestazioni gravi di COVID-19. Nella fase iniziale dello studio sono stati randomizzati 397 pazienti – con un rapporto 1:1 – a ricevere remdesivir 200 mg il primo giorno, seguito da remdesivir 100 mg al giorno per 5 o 10 giorni, somministrato per via endovenosa, oltre allo standard terapeutico. Di recente è stata aggiunta una fase di espansione dello studio, che arruolerà altri 5600 pazienti, inclusi soggetti sottoposti a ventilazione meccanica. Lo studio è in corso in 180 centri in tutto il mondo, compresi siti negli Stati Uniti e in Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Italia, Giappone, Corea, Paesi Bassi, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan e Regno Unito.
Un secondo studio SIMPLE sta valutando la sicurezza e l’efficacia dei regimi posologici di 5 e 10 giorni di remdesivir somministrato per via endovenosa in pazienti con manifestazioni moderate di COVID-19, a confronto con lo standard terapeutico. I risultati nei primi 600 pazienti di questo studio sono previsti per la fine di maggio.

Remdesivir

Remdesivir non è ancora approvato in alcun Paese e non ha ancora dimostrato di essere sicuro o efficace nel trattamento della COVID-19.
Remdesivir è un analogo nucleotidico sperimentale che, in modelli pre-clinici, ha dimostrato attività antivirale ad ampio spettro sia in vitro sia in vivo contro diversi patogeni virali emergenti, tra cui Ebola, Marburg, MERS e SARS. I test in vitro condotti da Gilead hanno dimostrato che remdesivir è attivo contro il virus che causa COVID-19. La sicurezza e l’efficacia di remdesivir nel trattamento del COVID-19 vengono valutate nel corso di numerosi studi clinici di fase II e III, tuttora in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here