In occasione del Presidential symposium della International Association for the Study of Lung Cancer (Iaslc) World Conference on Lung Cancer (Wclc) 2021, Amgen ha annunciato i primi risultati di CodeBreaK 100, studio di fase II per la valutazione del farmaco sperimentale sotorasib (AMG 510) in 126 pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato con mutazione KRAS G12C.

Si tratta dei primi risultati dello studio registrativo di fase II sul NSCLC con un follow-up mediano di oltre un anno. Sotorasib ha dimostrato un tasso di risposta obiettiva (ORR) e un tasso di controllo della malattia (DCR) confermati rispettivamente del 37,1% e 80,6% e una durata mediana della risposta di dieci mesi. I risultati hanno anche evidenziato che sotorasib è il primo inibitore di KRAS G12C a dimostrare in uno studio di fase II una sopravvivenza libera da progressione (PFS) significativa (6,8 mesi) con un follow-up a lungo termine, coerentemente con i precedenti risultati di fase I nei pazienti con NSCLC avanzato con mutazione KRAS G12C pretrattati.

I pazienti sono stati trattati con sotorasib 960mg in somministrazione orale giornaliera. L’81% dei pazienti, arruolati nello studio, erano in progressione di malattia dopo essere stati trattati con la chemioterapia a base di platino e con gli inibitori di PD-L1; i rimanenti pazienti erano in progressione dopo aver ricevuto una sola di queste terapie. Oltre l’80% dei pazienti ha ottenuto il controllo della malattia, con tre risposte complete e 43 risposte parziali, mentre la migliore riduzione mediana del tumore tra tutti i pazienti che hanno risposto alla terapia (n=46) è stata del 60%. Il tempo mediano per ottenere una risposta obiettiva è stato di 1,4 mesi.

Sotorasib ha dimostrato un profilo rischio-beneficio favorevole, con la maggior parte degli eventi avversi correlati al trattamento di grado 1 o 2 (da lievi a moderati) e nessun caso di decesso correlato al trattamento. Eventi avversi di grado 3 sono stati riferiti in 25 pazienti (19,8%) e solo un paziente (0,8%) ha riferito eventi avversi di grado 4. Gli eventi avversi riferiti con maggiore frequenza (di qualsiasi grado) sono stati diarrea (31%), nausea
(19%) e aumento dell’alanina aminotransferasi (15,1%) e dell’aspartato aminotransferasi
(15,1%). Gli eventi avversi hanno portato all’interruzione del trattamento nel 7,1% dei pazienti. Nelle analisi esplorative, sotorasib ha mostrato risposte incoraggianti anche in pazienti che presentavano co-mutazioni, inclusi i pazienti con un livello di espressione di PD-L1 negativo o basso e quelli con mutazione STK11. Queste co-mutazioni sono state associate a prognosi negative nei pazienti NSCLC trattati con immunoterapia e chemioterapia.

A seguito delle recenti richieste di autorizzazione negli Stati Uniti, Unione europea, Australia, Brasile, Canada e Regno Unito, Amgen sta collaborando con gli enti regolatori a livello globale per rendere disponibile sotorasib ai pazienti affetti da NSCLC il più presto possibile. Sotorasib ha ottenuto la designazione di farmaco innovativo negli USA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here