Si svolgerà a Milano, dal 3 al 6 maggio 2022, l’edizione speciale di Pharmintech powered by Ipack Ima, la grande manifestazione internazionale che offre una vetrina fondamentale sulle tecnologie di processo e confezionamento per l’industria farmaceutica, parafarmaceutica, cosmeceutica, nutraceutica, dei dispositivi medici e biotecnologie. La manifestazione si svolgerà in concomitanza con IPACK-IMA che, a Fiera Milano, proporrà l’eccellenza in ambito processing & packaging per le industrie alimentari e del non-food.

Durante la conferenza stampa di presentazione, è intervenuto Sergio Dompé, presidente di Pharmintech powered by Ipack Ima 2022, che ha così presentato l’edizione: «La pandemia ha mostrato che la tecnologia e la ricerca possono imprimere grandi accelerazioni alle Life Sciences, trasformando la salute nella pietra angolare della crescita”. Il PNRR è una storica opportunità: “L’Italia e la Lombardia possono moltiplicare i casi di successo in grado di competere a livello globale, se sapranno fare leva sull’opportunità del PNRR, privilegiando competitività e merito ed evitando di disperdere risorse. Dobbiamo però puntare su due fronti: ricerca di punta e interdisciplinarità perché è attraverso sinergie con il mondo dell’Intelligenza artificiale, del digitale e delle scienze dei materiali che emergeranno le soluzioni più innovative. In questo contesto, Pharmintech è un nodo importante in grado di accelerare tutto l’ecosistema attraverso l’incontro tra industria farmaceutica e il mondo della ricerca e delle università oltre a fornire un’opportunità di confronto tra i fornitori di tecnologie e soluzioni avanzate”.

Il patrocinio di AFI

Anche quest’anno è stata rinnovata la partnership tra AFI e Pharmintech, attiva dal 2016, e dopo l’intervento di Giorgio Bruno che ha evidenziato, in particolare, l’importanza, in una prospettiva strategica, del rapporto tra la leadership italiana nella produzione di tecnologia farmaceutica e il ritorno a un importante evento internazionale come Pharmintech, Alberto Bartolini ha raccontato gli elementi dell’evento d’apertura di Pharmintech, del 3 maggio. Al centro, il mondo dell’healthcare, tra farmaci, dispositivi medici, integratori alimentari e mercato cosmeceutico, con un accento particolare su convergenza normativa e gestione della supply chain. Il 5 maggio, appuntamento con il convegno “Smart Factory: Industry 4.0 applications in parenteral manufacturing”, presentato da  Lucia Ceresa perParenteral Drug Association, che confronterà produttori di apparecchiature, fornitori di tecnologie e case farmaceutiche in un dibattito su digitalizzazione e innovazione.

UCIMA, un’interessante aspettativa di crescita

Infine, Gian Paolo Crasta di UCIMA ha messo il focus sulla sostenibilità delle filiere dei beni di largo consumo, tema portante di “Packaging Speaks Green”. È un forum che ospiterà un panel di esperti, istituzioni e aziende per discutere il rapporto tra economia circolare e ruolo strategico nell’intera filiera del packaging in diversi settori industriali, tra cui Pharma, Beauty & Chemicals. Come emerso dal Pharmintech Business Monitor, la community internazionale delle Life Sciences sta vivendo un momento di forti cambiamenti, con un balzo, nel 2021, del 13,3%. Questo costituisce una vigorosa ripresa dopo la crescita molto contenuta del 2020, pari a solo l’1,1%. Nel complesso del periodo 2021/2025, l’Osservatorio prevede un tasso di crescita medio annuo del 6,8%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here