IQVIA, provider globale di informazioni in campo sanitario, ha analizzato i risparmi sanitari resi possibili grazie all’immissione sul mercato dei biosimilari. Tali risparmi contribuiscono a rendere maggiormente sostenibile e quindi accessibile i trattamenti.

Risparmi sanitari possibili grazie ai biosimilari
Report IQVIA: grazie ai biosimilari nei prossimi 5 anni risparmi sanitari medi di quasi 60 milioni di euro all’anno e cumulati di 450 milioni di euro

Secondo i dati riportati nel report di IQVIA «Farmaci biologici e biosimilari: scenari terapeutici e stima del risparmio per il Sistema Sanitario italiano», la competizione indotta dall’ingresso dei biosimilari nel mercato ha contribuito a una riduzione dei prezzi e a una maggiore sostenibilità del trattamento, introducendo quindi per i prossimi 5 anni una prospettiva di risparmio medio e cumulato significativo per il Sistema Sanitario Nazionale.

Nel report si considerano otto biologici:

  • adalimumab,
  • bevacizumab,
  • insulina lispro,
  • oxaparina sodica,
  • pegfilgrastim,
  • ranibizumab,
  • teriparatide,
  • trastuzumab.

Ipotizzando una riduzione del prezzo del 20% dettata dalla competizione diretta dei biosimilari per questi otto biologici, il risparmio medio generato è di quasi 60 milioni di euro per anno.

Nell’ipotesi di uno scenario di riduzione dei prezzi pari al 30%, nello stesso periodo, invece il risparmio cumulato potrebbe variare tra 299 milioni di euro a 448 milioni di euro.

Come spiega il report, l’evoluzione dei farmaci biosimilari negli ultimi 10 anni ha reso ormai chiaro e condiviso il ruolo fondamentale che questi prodotti hanno nel circolo virtuoso dell’innovazione farmaceutica e nella sostenibilità dei sistemi sanitari.

Considerando gli otto medicinali biologici indicati, si raggiunge un valore totale nell’anno 2017 che supera 1 miliardo di euro. Nei prossimi cinque anni si stima una spesa cumulata di quasi 6,5 miliardi di Euro, nell’ipotesi di assenza di competizione da parte di alcun biosimilare.

A livello globale, il report sottolinea che negli ultimi 5 anni il mercato dei farmaci biologici è cresciuto del 57% a fatturato, fino a raggiungere i 267 miliardi di dollari, passando dall’8% di market share nel 2012 a una crescita dell’11% nel 2017.

Il report permette di identificare due principali fattori grazie ai quali il mercato dei biologici evolverà nei prossimi 5-10 anni:

  • l’introduzione di farmaci biologici in aree terapeutiche nelle quali sono finora stati assenti,
  • la competizione con i biosimilari.

I farmaci biosimilari, come tutti i prodotti di origine biotecnologica, sono approvati e autorizzati per l’immissione in commercio attraverso una procedura centralizzata nella quale i comitati scientifici di EMA valutano gli studi di comparabilità del biosimilare con il farmaco originator.

Il Secondo Position Paper AIFA pubblicato nel marzo 2018 ha ribadito la possibilità di interscambiare i farmaci biosimilari con gli originator anche nei pazienti già in cura, poiché il rapporto rischio-beneficio dei biosimilari è il medesimo di quello degli originatori di riferimento.

L’uptake dei biosimilari nel contesto europeo

In Europa, nel 2017, l’uptake dei biosimilari è stato diverso da Paese a Paese:

  • infliximab ha raggiunto il 100% dell’uptake in quattro paesi dell’UE (Finlandia, Norvegia, Polonia e Danimarca), mentre nei paesi extra-europei non ha superato il 5%;
  • etanercept ha raggiunto la copertura totale dei pazienti in Danimarca, mentre in Spagna e in Francia la penetrazione si è assestata sotto il 10%;
  • insulina glargine ha avuto una diffusione minore;
  • rituximab ha raggiunto l’adozione di quasi il 70% in UK e soltanto del 10% in Spagna.

Penetrazione dei biosimilari in Italia

Nell’Europa a 5, l’Italia si colloca in una posizione medio-alta nella classifica relativa alla penetrazione dei biosimilari. La situazione resta però frammentata

  • infliximab, per il quale il primo biosimilare è stato lanciato nel 2015, ha raggiunto una penetrazione del 60,9% nel 2017;
  • G-CSF del 94%;
  • epoietina del 69%;
  • ormone della crescita del 67%;
  • anti-TNF del 34%,
  • insulina glargine del 15%;
  • FSH dell’11%.

Diffusione dei biosimilari nelle Regioni italiane

A livello locale, le Regioni che per prime hanno emanato regolamenti e instaurato politiche volte a promuovere l’ingresso dei biosimilari nei piani terapeutici hanno un’alta penetrazione di biosimilari (Toscana, Emilia-Romagna, Campania, Sicilia e Piemonte/Val d’Aosta).

Le Regioni che hanno stilato regolamenti tardivi e poco focalizzati hanno invece una bassa penetrazione dei biosimilari (Lazio, Umbria, Sardegna e, con l’eccezione di anti–TNF, Lombardia).

Trentino e Liguria, secondo il report, hanno prodotto regolamenti poco focalizzati, ma sono riuscite a ottenere market share per i biosimilari superiori alla media nazionale del 25%.

Le altre Regioni, pur promuovendo politiche mirate a favore dell’uso di questi farmaci, mantengono una penetrazione del mercato bassa.

Articoli correlati

Il mercato dei biosimilari nel primo trimestre 2018

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here