I principali dati relativi al mercato farmaceutico spagnolo sono presentati dal Report annuale Farmindustria.

Ricerca e Sviluppo

Il governo iberico vede nella R&D uno strumento indispensabile per creare lavoro, aumentare la produttività e la competizione economica. Per questo ha fissato un obiettivo per il 2020: portare la ricerca e sviluppo al 2% del PIL del Paese.

In sintesi, il governo si è posto i seguenti obiettivi:

  • raddoppiare il lavoro del mercato farmaceutico spagnolo;
  • spostare la situazione del 2010 per cui per ogni euro investito in ricerca e sviluppo da parte di settore pubblico, € 0,86 sono stati investiti dal settore privato, alla situazione  attesa per il 2020: per ogni euro pubblico investito in ricerca, € 1,70 saranno investiti dal settore privato.

I dati riferibili al 2015 indicano un calo del peso della R&D sul PIL dal 1,39% nel 2010 al 1,22 del 2015.

Gruppi di trattamento

Nel 2016, secondo i dati IMS, i principali gruppi di trattamento in base alle vendite sono stati quelli riferiti al Sistema Nervoso Centrale, al Sistema Digerente, al Sistema Cardiovascolare e a quello Respiratorio.

Sistema Nervoso Centrale. Rappresenta un quarto del mercato farmaceutico in unità, grazie al forte aumento dell’uso degli analgesici. Il prezzo medio è in calo negli ultimi anni.

Sistema Digerente. Le unità di questo gruppo sono aumentate al di sotto della media del mercato, mentre i prezzi medi sono aumentati del + 6,1%, influenzati dall’introduzione di innovazioni terapeutiche.

Sistema Cardiovascolare. Dopo il calo del prezzo medio consecutivo negli ultimi anni, nel 2016 si è registrato un aumento del + 1,6%. A loro volta, le unità di questo gruppo di trattamento sono aumentate attorno alla media del mercato.

Sistema Respiratorio. Ha mostrato un calo delle unità del -2,3% mentre i prezzi medi sono rimasti stabili.

Nuovi farmaci

Nel corso del 2016 sono stati lanciati sul mercato 221 nuovi farmaci, con un fatturato complessivo di 94 milioni di euro. Dei 221 farmaci, 116 sono medicinali generici, 7 sono nuovi principi attivi e il resto sono medicinali con principi attivi o combinazioni di principi attivi già esistenti sul mercato.

Export del mercato farmaceutico spagnolo

Nel 2016, le esportazioni di medicinali sono diminuite del -4,3% in Spagna. Tuttavia, il fatto che le importazioni farmaceutiche siano diminuite di un ulteriore mezzo punto (-4,8%) ha migliorato il tasso di copertura del settore farmaceutico (esportazioni rispetto alle importazioni) dal 77,4% nel 2015 al 77,8% nel 2016. Nondimeno, nel 2016 le esportazioni farmaceutiche hanno superato € 10.600 milioni per la terza volta nella loro storia e l’industria farmaceutica ha consolidato la sua posizione come uno dei principali settori di esportazione in Spagna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here