Bayer AG e Janssen Pharmaceuticals, suo partner nelle attività di sviluppo di rivaroxaban, hanno annunciato i risultati di un nuovo studio su dati di vita reale, REVISIT US sulla prevenzione dell’ictus e sull’incidenza di emorragie intracraniche con rivaroxaban rispetto a warfarin. I dati real life riconfermano il profilo rischio/beneficio positivo di rivaroxaban in pazienti con Fibrillazione Atriale non-valvolare e confermano il profilo di efficacia e di sicurezza di rivaroxaban, in linea con quelli dello studio cardine di Fase III ROCKET AF e di altri studi real life.

L'anticoagulante orale rivaroxaban riduce il rischio di emorragie intracraniche nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare rispetto a warfarin, assicurando pari efficacia nella prevenzione dell'ictus
L’anticoagulante orale rivaroxaban riduce il rischio di emorragie intracraniche nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare rispetto a warfarin, assicurando pari efficacia nella prevenzione dell’ictus

Nello studio REVISIT US sono state evidenziate ridotte percentuali di ictus ischemico accompagnate a una percentuale di emorragie intracraniche (ICH) significativamente ridotta con rivaroxaban rispetto a warfarin in pazienti con Fibrillazione Atriale (FA) non-valvolare. Questi risultati integrano e riconfermano quelli dello studio clinico di Fase III ROCKET AF e quelli dello studio non-interventistico XANTUS.

I risultati di REVISIT US, che ha analizzato i dati di circa 23.000 pazienti negli Stati Uniti trattati nella vita reale, sono stati presentati in occasione della 12^ edizione del Congresso Annuale della Società Europea di Aritmologia Cardiaca (ECAS).

«Benché gli studi cardine di Fase III come ROCKET AF restino il gold standard per valutare l’efficacia e la sicurezza di un farmaco, le evidenze tratte dall’impiego di una terapia nella vita reale hanno un ruolo importante nell’integrare le conoscenze sull’uso e l’impatto dei nostri farmaci nella pratica clinica quotidiana – ha dichiarato Michael Devoy, responsabile Affari Medici & Farmacovigilanza della Divisione Farmaceutici di Bayer AG e Chief Medical Officer di Bayer – Siamo soddisfatti che studio dopo studio di valutazione di rivaroxaban in contesti real life per tutte le indicazioni per cui il farmaco è approvato, il positivo profilo rischio/beneficio di rivaroxaban continui a essere confermato».

«Nella gestione del paziente con Fibrillazione Atriale, l’ictus ischemico e l’emorragia intracranica sono due eventi molto temuti sia dai medici sia dai pazienti – ha affermato Craig Coleman, professore di Pratica Farmaceutica presso l’Università del Connecticut, che ha presentato i risultati di REVISIT US all’ECAS – Trovare il giusto equilibrio fra rischi e benefici è l’obiettivo sempre perseguito. È, pertanto, estremamente rassicurante vedere che i risultati relativi all’impiego nella vita reale continuano a confermare che rivaroxaban ottiene il giusto equilibrio fra la riduzione dell’ictus e nello stesso tempo la riduzione di emorragia intracranica in pazienti con FA non-valvolare».

Lo studio REVISIT US

Lo studio REVISIT US è un’analisi retrospettiva di dati sanitari che ha valutato efficacia e sicurezza dell’impiego nella vita reale della terapia di rivaroxaban rispetto a warfarin in pazienti naïve adulti con FA non-valvolare al fine di monitorare il verificarsi, in contesti real life, di ictus ischemico ed emorragia intracranica in pazienti con FA non-valvolare in terapia con rivaroxaban o con warfarin.

11.411 pazienti in terapia con warfarin sono stati confrontati con 11.411 pazienti in terapia con rivaroxaban, utilizzando i dati del database statunitense MarketScan relativi al periodo compreso fra il 1° gennaio 2012 e il 31 ottobre 2014.

I pazienti analizzati nello studio REVISIT US avevano punteggio CHA2DS2-VASc pari o superiore a 2, copertura medica continua per 180 giorni o più e almeno due codici diagnostici secondo la Classificazione Internazionale delle Malattie – Nona Edizione (ICD-9) di FA non-valvolare.

I criteri di esclusione hanno compreso precedente storia di ictus, embolia sistemica o emorragia intracranica. Con le coorti accoppiate è stata condotta analisi di regressione di Cox per gli endpoint di ictus ischemico ed emorragia maggiore (identificati utilizzando solo i codici ICD-9 primari) con risultati riferiti in termini di hazard ratio (HR) e intervalli di confidenza (IC) al 95%.

REVISIT US ha scelto endpoint con maggiori probabilità di codifica corretta e minor variabilità dei dati e di pari importanza ai fini della valutazione rischi/benefici.

La percentuale di ictus ischemico osservata con rivaroxaban è stata dello 0,54% annuo contro lo 0,83% annuo per warfarin (HR=0,71; IC al 95% 0,47-1,07).

La percentuale di emorragia intracranica osservata con rivaroxaban è stata dello 0,49% annuo contro lo 0,96% annuo per warfarin (HR=0,53; IC al 95% 0,35-0,79).

Nel contesto real life, quindi, rivaroxaban è stato associato a una riduzione non significativa del 29% dell’ictus ischemico (n=11.411) accompagnata a una significativa riduzione del 47% di emorragia intracranica rispetto a warfarin (n=11.411).

Nello studio di Fase III ROCKET AF rivaroxaban è stato associato a un’analoga percentuale di ictus ischemico rispetto a warfarin (1,6% annuo con rivaroxaban contro 1,6% annuo con warfarin) e percentuali significativamente inferiori di emorragia maggiore con rivaroxaban rispetto a warfarin (rispettivamente, 0,5% annuo contro 0,7% annuo) (HR=0,67; IC al 95% 0,47-0,93).

Per quanto riguarda l’endpoint composito di emorragia maggiore o ictus ischemico, rivaroxaban in REVIT US ha evidenziato una riduzione significativa del 39% rispetto a warfarin.

Questi risultati confermano il profilo rischio/beneficio positivo di rivaroxaban, in linea con lo studio clinico di Fase III ROCKET AF e quelli dello studio non-interventistico XANTUS.

REVISIT US è un altro studio che va ad aggiungersi a quelli dell’ampio programma di valutazione del farmaco che, una volta completato, si prevede comprenderà oltre 275.000 pazienti tra studi clinici e situazioni di impiego nella vita reale.

Articoli correlati

Nuovi studi su rivaroxaban in contesti real life

Studi su rivaroxaban in contesti real life

Programma Callisto su rivaroxaban per trombosi associata al cancro

Aggiornamento della scheda tecnica per rivaroxaban

Rivaroxaban per fibrillazione atriale non-valvolare

Nuovo anticoagulante orale per pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione

Nuovo anticoagulante orale disponibile in Italia

Confronto tra rivaroxaban e antagonisti della vitamina K

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here