Secondo i dati di Grand View Research la dimensione del mercato globale del Contract Development e del Contract Manufacturing (CDMO) nel mercato healthcare è stata valutata a 204,8 miliardi di dollari nel 2020 e si prevede che dal 2021 al 2028 si espanderà a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) dell’8,6%. Una crescita che dovrebbe essere guidata da una maggior diffusione dei servizi di outsourcing da parte delle aziende farmaceutiche e dalla crescita degli investimenti in ricerca e sviluppo. Già attualmente, infatti, le aziende di dispositivi medici e le aziende farmaceutiche stanno esternalizzando servizi di fascia bassa per ridurre il costo complessivo di produzione.

Proprio all’interno di questa cornice si inserisce la partecipazione di Alfasigma al CPhI 2021, tenutosi a Milano tra il 9 e l’11 novembre, per presentare tutte le sue novità nell’ambito dello sviluppo e della produzione farmaceutica conto terzi. «Customer care e supporto continuo durante tutto il rapporto con il cliente, flessibilità, nonché delle ottime capacità produttive coadiuvate da un supporto tecnico fatto di know how e tecnologie all’avanguardia rappresentano i punti di forzi del CDMO di Alfasigma», afferma Eugenio Starita a capo della divisione CDMO di Alfasigma.

La già citata analisi di Grand View Research sottolinea anche la sempre maggiore richiesta da parte delle aziende di tutto il settore di avere scienziati qualificati e project manager attenti alla cura del cliente. «Per questo motivo Il CDMO di Alfasigma si occupa della customer care a 360° dal business development con l’identificazione di segmenti di mercato target e lo scouting di nuove opportunità, al customer service, passando per attività di business analytics e project management design e planning nonché la valutazione di fattibilità tecnica dei progetti – continua Starita – La produzione farmaceutica conto terzi viene realizzata con elevati standard qualitativi e massima affidabilità, sempre garantita dal know-how raggiunto in anni di esperienza, dall’impiego di una tecnologia innovativa e da uno stabilimento farmaceutico all’avanguardia, recentemente ampliato e potenziato».

Negli ultimi anni, infatti, Alfasigma ha avviato un importante piano d’investimento e potenziamento degli stabilimenti produttivi di Pomezia ed Alanno. A Pomezia di recente è stata celebrata l’inaugurazione del LABIO 4.0 Marino Golinelli per progetti di development conto-terzi ed è stato aperto il reparto Soft-gel che entrerà a regime nel 2022. Ad Alanno la produzione di iniettabili ha visto la costruzione di un’area asettica composta da due nuovi impianti approvati da AIFA: lo Sterile 3 e lo Sterile 4 che si sviluppano su 1050 m2. Il Reparto Sterile 3 è dedicato al riempimento di polveri/liquidi sterili, mentre il Reparto Sterile 4 rispecchia i requisiti dell’industria 4.0 ed è strategico in termini di business aziendale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here