La linea guida MDCG 2022 – 5 sui prodotti borderline elaborata dal Medical Devices Coordination Group (MDCG) è stata pubblicata a fine aprile 2022 con l’obiettivo di chiarire meglio la linea di demarcazione tra l’applicabilità del regolamento MDR (EU) 2017/745 sui dispotivi medici o della direttiva 2001/83/EC sui medicinali ad uso umano. Il documento contiene capitoli dedicati agli herbal products, ai dispositivi a base di sostanza e alle combinazioni medicinale-dispositivo medico. Tali prodotti devono obbligatoriamente ricadere nel campo di applicazione di una sola tra le due possibili regolamentazioni, dispositivo medico o medicinale; per poter essere considerati dispositivi, in particolare, devono rispondere a tutti i requisiti relativi alla definizione di tale tipologia di prodotto ai sensi dell’art. 2.1 del regolamento MDR e non devono essere esclusi dallo scopo del regolamento ex art. 1.6

I contenuti della linea guida sono stati commentati dalla Association of the European Self-Care Industry (AESGP), che rappresenta i produttori di dispositivi medici per auto-cura (inclusi quelli a base di sostanze) e dei medicinali senza obbligo di prescrizione. Secondo AESGP, il documento segna un importante passo avanti nella piena implementazione del regolamento Dispositivi medici, e la demarcazione in esso tracciata tra le due tipologie di prodotti è importante per garantire l’accesso continuativo a dispositivi sicuri, sia per i pazienti e i consumatori che per i professionisti della sanità. La qualifica di un nuovo prodotto come dispositivo medico rappresenta il primo passo del suo percorso di sviluppo, anteriore anche alla classificazione; un passo indispensabile ad assicurare la rispondenza ai requisiti del regolamento MDR.

AESGP fa però anche notare come la linea guida abbia una struttura complessa di cui è ancora difficile stimare il reale impatto pratico. Essa, inoltre, non rappresenta un documento vincolante sul piano legale, ma piuttosto solo un documento pensato per supportare l’implementazione del regolamento e per assicurare uniformità nella sua applicazione. La linea guida andrebbe quindi applicata, sottolinea l’Associazione, sempre in modo congiunto al testo legale del regolamento MDR e alle altre leggi applicabili, secondo l’interpretazione corrente che ne viene data dalla Corte europea di Giustizia.

Sarebbe quindi richiesto, secondo la rappresentanza dei produttori, uno sforzo congiunto e collaborativo da parte di tutti gli attori coinvolti, per  applicare il regolamento MDR nel suo complesso e ponendo nel giusto contesto le sue singole sezioni. AESGP segnala questo tipo di necessità, in particolare, per quanto riguarda i principi generali e, ove rilevante secondo quanto indicato dal documento, in modo complementare alla linea guida MEDDEV 2.1/3 rev. 3 sui prodotti borderline, i prodotti di drug delivery e i dispositivi medici che incorporano come parte integrale una sostanza medicinale ancillare o un derivato ancillare del sangue umano.

Le incertezze rimaste ancora aperte su aspetti specifici anche a seguito del lungo processo che ha portato alla stesura della linea guida andrebbero risolte, suggerisce AESGP, attraverso un processo di implementazione coordinato tra fabbricanti, enti notificati e autorità competenti, processo per il quale l’Associazione conferma la sua piena disponibilità nei confronti sia dei regolatori europei che degli altri attori coinvolti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here