Secukinumab si afferma come nuovo standard di cura nel trattamento della psoriasi grazie ai solidi dati di sicurezza ed efficacia prolungata a 5 anni in uno studio di Fase III.

Studio di estensione su secukinumab per la psoriasi ha dimostrato l’efficacia e la sicurezza duratura
Uno studio di estensione a lungo termine ha dimostrato l’efficacia e la sicurezza duratura di secukinumab a 5 anni

Novartis ha annunciato i dati che dimostrano la significativa e duratura risoluzione delle lesioni cutanee con secukinumab in pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa a 5 anni.

Per un periodo di trattamento prolungato, dall’anno 1 (settimana 52) alla fine dell’anno 5 (settimana 260), i tassi di risposta PASI 75/90/100 si sono mantenuti coerenti. I tassi di risposta PASI 75 e PASI 90 sono stati ottenuti, rispettivamente, dall’89% e dal 69% dei pazienti con psoriasi all’anno 1 (analisi dei dati osservati) e questo elevato tasso si è mantenuto nell’anno 5 (rispettivamente, nell’89% e nel 66% dei pazienti).

Inoltre, il 44% dei pazienti con psoriasi ha ottenuto una risoluzione completa delle lesioni cutanee (PASI 100) all’anno 1 e questo tasso si è mantenuto fino all’anno 5 (41%).

Secukinumab ha continuato a dimostrare un profilo di sicurezza favorevole e coerente e una bassa immunogenicità.

Questi dati aggiornati sono stati presentati per la prima volta in occasione del 26° Congresso dell’European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) a Ginevra.

«Questi dati sono particolarmente significativi per i dermatologi, in quanto dimostrano che l’elevata efficacia e la sicurezza di secukinumab sono state mantenute per l’intero periodo di trattamento di 5 anni. Una pelle libera dalle lesioni, la clear skin, è un importante obiettivo terapeutico che permette ai pazienti di raggiungere un miglioramento significativo della qualità di vita – ha dichiarato Giuseppe Argenziano, professore ordinario e responsabile Clinica Dermatologica Università della Campania Luigi Vanvitelli.

«I dati a 5 anni sostengono l’impiego del secukinumab come opzione terapeutica importante per i pazienti affetti da psoriasi che sperano in una risoluzione duratura delle lesioni cutanee – ha affermato Vas Narasimhan, Global Head Drug Development e Chief Medical Officer, Novartis. – Secukinumab è il primo inibitore dell’IL-17A approvato per la psoriasi, l’artrite psoriasica e la spondilite anchilosante e dal suo lancio è stato reso disponibile a oltre 100.000 pazienti».

Il primo paziente in uno studio clinico con secukinumab è stato arruolato nel 2007.

L’obiettivo del trattamento è la risoluzione delle lesioni cutanee e l’ottenimento di una risposta PASI (Psoriasis Area and Severity Index) 75, 90 o 100, considerato un importante metodo di valutazione del successo terapeutico.

«Lo studio presentato al Congresso EADV di quest’anno – ha proseguito il Professor Argenziano – ha confermato un’altra importante caratteristica del secukinumab: la bassa immunogenicità. Questo potrebbe offrire di fatto un’efficacia a lungo termine del trattamento che si traduce in un risultato duraturo della clear skin».

Secukinumab e IL-17A

Secukinumab (Cosentyx®), lanciato nel 2015, è il primo inibitore dell’IL-17A interamente umano approvato per il trattamento della psoriasi, dell’AP e della SA.

Essendo diretto contro l’interleuchina-17A (IL-17A), secukinumab agisce su una citochina chiave implicata nello sviluppo della psoriasi. L’IL-17A svolge un ruolo importante nella patogenesi della psoriasi a placche, dell’artrite psoriasica (AP) e della spondilite anchilosante (SA). L’inibizione dell’IL-17A è quindi fondamentale, anche perché fino al 30% dei pazienti affetti da psoriasi può andare incontro ad AP.

Secukinumab offre una risoluzione duratura delle lesioni cutanee, con una sostenibilità e una sicurezza comprovate nell’arco di 5 anni. La somministrazione è mensile mediante una siringa o una penna preriempita di semplice utilizzo per i pazienti. È inoltre approvato per il trattamento delle forme di psoriasi a placche più difficili da curare: la psoriasi palmoplantare (psoriasi di mani e piedi), la psoriasi del cuoio capelluto e la psoriasi ungueale.

Secukinumab è approvato per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a severa in 79 Paesi, tra i quali:

  • i Paesi dell’Unione Europea,
  • il Giappone,
  • la Svizzera,
  • l’Australia,
  • gli Stati Uniti,
  • il Canada.

In Europa, secukinumab è approvato per il trattamento sistemico di prima linea della psoriasi a placche da moderata a grave in pazienti adulti. Negli Stati Uniti, il secukinumab è approvato per il trattamento della psoriasi a placche di grado da moderato a severo in pazienti adulti che sono candidati alla terapia sistemica o alla fototerapia.

Inoltre, secukinumab è il primo inibitore dell’IL-17A approvato per il trattamento della SA e dell’AP in fase attiva in oltre 70 Paesi. Sono inclusi i Paesi dell’Unione Europea e gli Stati Uniti. Il farmaco è anche approvato per il trattamento dell’AP e della psoriasi pustolosa in Giappone.

Lo studio di estensione su secukinumab della durata di 5 anni (A2304E1)

A2304E1 è uno studio di estensione multicentrico, in doppio cieco e in aperto, della durata di 5 anni, dello studio registrativo di Fase III SCULPTURE.

L’obiettivo primario di questo studio consisteva nel valutare la sicurezza e la tollerabilità a lungo termine di secukinumab in pazienti con psoriasi a placche di grado da moderato a grave. Le misure di efficacia comprendevano la percentuale di pazienti che ottenevano una risposta PASI 75, PASI 90 e PASI 100.

Questo studio di estensione a lungo termine ha dimostrato l’efficacia e la sicurezza duratura di secukinumab.

Tra i 162 pazienti con psoriasi dell’anno 1 sono stati raggiunti i seguenti tassi di risposta:

  • PASI 75 dall’89% dei pazienti,
  • PASI 90 dal 69% dei pazienti.

Questi alti tassi sono stati mantenuti nell’anno 5, durante il quale sono stati sottoposti a osservazione 122 pazienti (89% e 66% rispettivamente).

Nello studio SCULPTURE, i soggetti con risposta PASI 75 alla settimana 12 sono stati randomizzati al trattamento di mantenimento in doppio cieco con secukinumab 300 mg o 150 mg, somministrato a un regime a intervalli fissi di 4 settimane o a un regime di ritrattamento al bisogno. I pazienti che avevano completato il trattamento di 52 settimane dello studio SCULPTURE erano idonei a proseguire il trattamento alla stessa dose e con lo stesso regime nello studio di estensione (N=642).

Articoli correlati

Psoriasi. Definizione

Psoriasi. Varianti cliniche e sintomatologia

Sondaggio sulla percezione della psoriasi

Psoriasi. Eziologia

ClearSkin Lovers per sensibilizzare sulla psoriasi

Secukinumab per la psoriasi

Secukinumab è potenzialmente in grado di modificare la storia naturale della psoriasi

Approvato secukinumab per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

Secukinumab si conferma efficace per tre anni sulla psoriasi

Secukinumab vs ustekinumab per la psoriasi

Apremilast per artrite psoriasica rimborsabile in Italia

Secukinumab nel lungo periodo per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

Indagine italiana su psoriasi e artrite psoriasica

Secukinumab per spondilite anchilosante e artrite psoriasica approvato in Italia

Secukinumab approvato negli USA per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

Spondilite anchilosante

Secukinumab per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here