Importanza del monitoraggio della carica microbica in acque ad uso farmaceutico

0
300
Impianto di depurazione delle acque a uso farmaceutico

Il monitoraggio della carica microbica nelle acque per uso farmaceutico è un’attività che richiede tempistiche lunghe. Infatti, le procedure standard richiedono di preparare i campioni ed attendere la crescita delle colonie batteriche.

I metodi di laboratorio basati su colture, comportano una serie di controindicazioni che possono inficiare il risultato finale, dilatando le tempistiche ed aumentando i costi di produzione.

Problematiche dei test
di laboratorio basati su colture

Innanzitutto, il prelievo eseguito manualmente può generare dei falsi positivi: è stimato, infatti, che circa l’80% dei campioni positivi, siano in realtà falsi, generati da errori compiuti nella fase di prelievo. Tali falsi positivi devono essere indagati per poter essere esclusi dalla casistica e questo comporta un ulteriore incremento dei tempi e dei costi.
I test basati su colture dilatano sensibilmente le tempistiche: in media ci vogliono da 5 a 7 giorni per ottenere un risultato: il rilascio ritardato del prodotto, dovuto ai controlli dei campioni e/o dei falsi positivi, implica aumento dei costi e perdita di utili.

Un ulteriore fattore da considerare è l’alto numero di punti di utilizzo all’interno di un impianto produttivo: a causa delle tempistiche dei test su piastra, un singolo punto può essere analizzato con questa tecnica solo poche volte in un mese: questo rende estremamente difficile identificare e agire su problematiche microbiche in tempo reale. Inoltre, singoli campioni costituiscono solo un’istantanea dello stato del punto di utilizzo in quel preciso momento.

7000RMS: la soluzione per un monitoraggio
continuo e in tempo reale

Mettler Toledo ha elaborato il sistema 7000RMS, che sfrutta la tecnologia della fluorescenza indotta per un monitoraggio in linea, continuo e istantaneo della carica microbica e delle particelle inerti, preservando il campione da possibili contaminazioni.

Un flusso d’acqua viene portato alla camera di raccolta e 30 mL/min vengono iniettati nell’analizzatore.
Un laser, attraversando il campione, causa la fluorescenza dei metaboliti nei microrganismi.
La fluorescenza viene rilevata da un fotodiodo, mentre, contemporaneamente, vengono rilevati ogni microrganismo o particella presente, tramite scattering Mie.
I dati dei due rilevatori vengono infine elaborati da algoritmi proprietari.

La tecnologia del 7000 RMS consente di ottenere enormi vantaggi nel monitoraggio delle acque ad uso farmaceutico:

  • fornisce risultati continui ed in tempo reale, senza attese né preparazione di materiali per la coltura;
  • individua microrganismi e particelle, con un limite inferiore di rilevazione pari alla singola unità;
  • individua anche i batteri che spesso sfuggono nei monitoraggi tradizionali, basati sulla crescita batterica (quali organismi stressati, non colturabili o in fasi di vita diverse da quella di crescita);
  • rileva costantemente informazioni circa il loop d’acqua e le condizioni dei serbatoi di stoccaggio, fornendo costanti report e permettendo una rilevazione immediata di eventuali problemi;
  • dispone di un’interfaccia touch screen altamente intuitiva e allarmi impostabili in base a diversi parametri.

Per una panoramica completa ed esaustiva dell’analizzatore 7000 RMS cliccate qui.

Per ottimizzare la pesatura dei vostri processi produttivi, scoprite la bilancia da pavimento PowerdeckTM

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here