Il tumore mammario maschile è solitamente più aggressivo di quello femminile, anche a causa della limitata conoscenza e della scarsa prevenzione di questa malattia che determinano diagnosi più tardive.

tumore alla mammella maschile
L’uomo è meno predisposto al tumore mammario, avendo meno tessuto mammario e un’esposizione ormonale inferiore

Sensibilizzare alla prevenzione al cancro della mammella negli uomini è quindi fondamentale e può contribuire a salvare la vita anche al cosiddetto sesso forte. Nel 70% dei nuovi casi, infatti, con una diagnosi precoce, è possibile vincere il tumore.

A 5 anni dalla diagnosi, se si è intervenuti allo stadio iniziale della malattia, il tasso di sopravvivenza varia tra il 75 e il 95% dei casi. Se si interviene allo stadio intermedio, la sopravvivenza scende tra il 50 e l’80%, in caso di intervento nello stadio avanzato, la sopravvivenza riguarda una percentuale che va dal 30 al 60.

«La prevenzione nell’uomo è assente, per una diffusa mancanza di conoscenza che gli uomini hanno in relazione al problema e per il fatto che essendoci un’incidenza così bassa non esistano programmi di screening  afferma Mario Rampa, chirurgo senologo esperto di oncoplastica. – L’uomo ha la fortuna di essere molto meno predisposto alla malattia, avendo meno tessuto mammario e un’esposizione ormonale inferiore; nell’uomo, manca infatti l’esposizione costante agli estrogeni, che promuove la crescita delle cellule mammarie».

Secondo dati AIRC, il tumore al seno maschile colpisce in Italia 1 uomo ogni 620.

Fattori di rischio del tumore mammario maschile

L’età avanzata è anche nell’uomo un fattore di rischio non modificabile di tumore della mammella, che in genere viene diagnosticato nella sesta decade di vita. Minori età di insorgenza sono di solito legate a forme ereditarie. Inoltre, le mutazioni nel gene BRCA 2 sono responsabili del 4-14% dei tumori mammari maschili (dati AIRC).

Esistono poi fattori predisponenti modificabili, legati allo stile di vita.

«Non esiste un elenco di cause scatenanti sicure e infallibili. Le statistiche però vedono più soggetti alla malattia gli uomini obesi, che fumano, che mangiano male e non fanno sport» – spiega Mario Rampa.

Altre importanti condizioni predisponenti sono le alterazioni del metabolismo ormonale (come nei casi di cirrosi epatiche, tumore al testicolo o di sindromi genetiche), le terapie ormonali e le radioterapie.

Riconoscere il tumore mammario maschile

Un nodulo mammario in un uomo è solitamente facile da individuare: la quantità di tessuto adiposo e lobulare è infatti scarsa nel seno maschile. È bene controllare anche che non ci siano variazioni del capezzolo e della pelle.

«L’importante è fare cultura attorno al problema e far sì che anche il cosiddetto “sesso forte” prenda coscienza del rischio che potrebbe correre – conclude Mario Rampa. – Quando ci si fa la doccia potrebbe essere consigliabile controllare l’area del capezzolo e verificare che non vi siano piccole palline. In caso ci fosse qualcosa che non va, ricordate che una visita da un bravo senologo potrebbe salvarvi la vita».

Articoli correlati

Il tumore al seno (carcinoma mammario)

La mutazione Brca e la sopravvivenza delle donne con tumore al seno

Particolato sottile e prognosi infausta nel tumore al seno

Tumore lobulare al seno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here