Il diabete (diabete mellito, DM) raggruppa diverse malattie metaboliche che hanno come manifestazione principale un aumento della concentrazione ematica di glucosio (iperglicemia).

diabete

Le cause del diabete possono essere rappresentate da due diversi tipi di alterazioni metaboliche:

  • deficit della secrezione dell’insulina a livello delle cellule beta delle isole di Langerhans del pancreas
  • ridotta risposta all’azione dell’insulina a livello degli organi bersaglio (insulino-resistenza) in uno o più punti della complessa via di trasmissione a livello cellulare.

I due difetti possono presentarsi anche in concomitanza.

 Classificazione del diabete:

Diabete tipo 1 È causato da distruzione beta-cellulare su base autoimmune o idiopatica ed è caratterizzato da una carenza insulinica assoluta. La variante LADA, (Latent Autoimmune Diabetes in Adult), ha decorso lento e compare nell’adulto.
Diabete tipo 2 È causato da un deficit parziale di secrezione insulinica, che in genere progredisce nel tempo ma non porta mai a una carenza assoluta di ormone e che si instaura spesso su una condizione più o meno severa di insulino-resistenza su base multifattoriale.
Diabete gestazionale È causato da difetti funzionali analoghi a quelli del diabete tipo 2, viene diagnosticato per la prima volta durante la gravidanza e in genere regredisce dopo il parto, ma può ripresentarsi a distanza di anni con le caratteristiche del diabete tipo 2.
Diabete monogenico È causato da difetti genetici singoli che alterano secrezione e/o azione insulinica (es. MODY, diabete lipoatrofico, diabete neonatale).
Diabete secondario È conseguenza di patologie che alterano la secrezione insulinica (es. pancreatite cronica o pancreasectomia) o l’azione insulinica (es. acromegalia o ipercortisolismo) o dipende dall’uso cronico di farmaci (es. steroidi, antiretrovirali, anti-rigetto) o dall’esposizione a sostanze chimiche.

 Caratteristiche cliniche differenziali del diabete tipo 1 e tipo 2:

Diabete tipo 1 Diabete tipo 2
Prevalenza Circa 0,5% Circa 5%
Sintomatologia Sempre presente, spesso eclatante e a inizio brusco Spesso modesta o assente
Tendenza alla chetosi Presente Assente
Peso Generalmente normale Generalmente in eccesso
Età all’esordio Più comunemente < 30 anni Più comunemente > 40 anni
Complicanze croniche Non prima di alcuni anni dopo la diagnosi Spesso presenti al momento della diagnosi
Insulina circolante Ridotta o assente Normale o aumentata
Autoimmunità Presente Assente
Terapia Insulina necessaria sin dall’esordio Dieta, farmaci orali, iniettivi, terapia sostitutiva con insulina

L’iperglicemia cronica del diabete è alla base di alterazioni del metabolismo dei carboidrati, degli acidi grassi e delle proteine e si associa a danni a lungo termine di diversi organi (complicanze croniche), collegati alla ridotta azione dell’insulina nei tessuti bersaglio (principalmente a livello epatico, nella fibra muscolare, nel tessuto adiposo e nelle cellule vascolari). Le conseguenze riguardano disfunzioni di differenti strutture, specialmente degli occhi, dei reni, del sistema nervoso autonomo e periferico, del cuore e dei vasi sanguigni.

Fonte: “Piano sulla malattia diabetica” – Ministero della Salute

Articoli correlati

Il passaggio a insulina glargine 300 Units/mL negli anziani

Disponibilità in Italia di Toujeo, insulina glargine di nuova generazione

Il passaggio a insulina glargine Gla-300 riduce glicemia e rischio ipoglicemico

Diabete, crescita preoccupante

Insulina di nuova generazione ad azione prolungata

Diabete, da Aifa e società scientifiche un algoritmo per gestirlo al meglio

Insulina degludec vs glargine

Dati di efficacia e sicurezza di farmaci antidiabetici

Sinergie farmaci-fitoterapici nella gestione del diabete

Dulaglutide per diabete di tipo 2

Alogliptin e sue combinazioni per diabete di tipo 2 disponibili in Italia

Sicurezza cardiovascolare di alogliptin in pazienti con diabete di tipo 2 ad alto rischio

Empagliflozin/metformina cloridrato approvato in UE per diabete di tipo 2

Diabete, penna preriempita di exenatide a rilascio prolungato disponibile in Italia

Empagliflozin per diabete di tipo 2

Empagliflozin riduce il rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 2

Liraglutide per la gestione del peso corporeo

Dulaglutide non-inferiore a liraglutide

Applicazione digitale per la gestione del diabete con esperti online

Liraglutide per il diabete di tipo 2 è più efficace di sitagliptin

Analisi sulle differenze di genere nel rischio cardiovascolare del diabete tipo 2

Microinfusori di insulina per diabete di tipo 2

Misure per contrastare il diabete in Europa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here