La somministrazione peri-procedurale di edoxaban nella pratica clinica di routine, in pazienti anziani affetti da fibrillazione atriale (FA) o tromboembolia venosa (TEV) sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche, è associata a una bassa incidenza di sanguinamento e a una bassa incidenza di complicanze tromboemboliche/ischemiche anche nelle procedure ad alto rischio di sanguinamento come classificate dall’EHRA. A dimostrarlo sono i dati di EMIT-AF/VTE, uno studio prospettico non interventistico che ha valutato l’anticoagulante orale edoxaban (Lixiana®) in monosomministrazione giornaliera, nella gestione peri-procedurale di 1.155 pazienti arruolati in sette Paesi europei.

L'uso peri-procedurale di edoxaban in anziani con FA o TEV si associa a bassa frequenza di eventi tromboembolici ed emorragici in pazienti anziani sottoposti a procedure diagnostiche e terapeutiche
L’uso peri-procedurale di edoxaban, nello studio EMIT-AF/VTE, si è associato a bassa frequenza di eventi tromboembolici ed emorragici in pazienti anziani con FA o TEV sottoposti a procedure diagnostiche e terapeutiche

Daiichi Sankyo ha presentato i risultati dello studio osservazionale EMIT–AF/VTE al congresso EHRA 2019 a Lisbona.

«Fino ad ora, i dati disponibili sulla gestione peri-procedurale dei pazienti a cui è stato prescritto un NOAC come l’edoxaban e i risultati clinici associati, erano limitati. – commenta Paolo Colonna, professore di Cardiologia presso l’Ospedale Universitario e Policlinico di Bari. – Le basse percentuali di sanguinamento e le complicanze tromboemboliche/ischemiche associate a edoxaban nello studio EMIT-AF/VTE forniscono informazioni sull’uso di questo farmaco in pazienti non selezionati sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche».

Lo studio EMIT-AF/VTE

Lo studio osservazionale, condotto in sette Paesi europei, include dati da 1.155 prime procedure diagnostiche/terapeutiche in pazienti, non selezionati, con fibrillazione atriale e tromboembolia venosa trattati con edoxaban. EMIT-AF/VTE è uno studio multinazionale, multicentrico, prospettico osservazionale, non interventistico. Ha valutato l’uso di edoxaban nella gestione peri-procedurale e sugli eventi, applicando la classificazione del rischio emorragico peri-procedurale EHRA, introdotta nell’aprile 2018, in una pratica clinica di routine.

I pazienti arruolati in EMIT-VTE/AF erano 62% maschi, anziani (età media = 71,9 ± 10,4 anni, 45% ≥ 75 anni) ed erano affetti da comorbilità multiple. Dei partecipanti, 294 (26%) erano sottoposti a interventi a rischio emorragico minore (classificazione EHRA), 581 (50%) a basso rischio, e 280 (24%) ad alto rischio. Inoltre, il 30% (345/1.155) dei pazienti ha continuato il trattamento con edoxaban senza interruzioni durante il periodo peri-procedurale, mentre il 73% (847/1.155) non ha avuto interruzioni post-procedurali.

L’endpoint primario di sicurezza era l’incidenza di sanguinamento maggiore (come definito dall’ISTH) da 5 giorni prima a 30 giorni dopo l’intervento. Si è verificato nello 0,4% (5 di 1.155) dei pazienti. L’incidenza di emorragie è stata bassa, anche nelle 280 procedure ad alto rischio (classificazione EHRA): con lo 0,7% (2 di 280) di sanguinamenti maggiori e l’1,4% (4 di 280) di sanguinamenti non maggiori clinicamente rilevanti.

Gli obiettivi secondari comprendevano gli endpoint di efficacia come combinazione di eventi cardiovascolari maggiori, e la raccolta di informazioni sui tipi di procedure diagnostiche o terapeutiche. In particolare, si trattava di documentare l’incidenza dell’endpoint composito di sindrome coronarica acuta (SCA), ictus non emorragico, attacco ischemico transitorio (TIA), eventi embolici sistemici (EES), trombosi venosa profonda (TVP), embolia polmonare (EP) e morte per cause cardiovascolari. Gli eventi trombotici/ischemici si sono verificati nello 0,6% (7 su 1.155) dei pazienti.

«Lo studio EMIT-AF/VTE fa parte del programma di ricerca clinica su edoxaban (EDOSURE) che nel 2019 fornirà prove significative a sostegno dell’uso di edoxaban nella pratica clinica, in particolare per i pazienti anziani. I risultati di questo studio supportano ulteriormente l’impegno a lungo termine di Daiichi Sankyo Europe nelle cure cardiovascolari» – sottolinea Wolfgang Zierhut, direttore esecutivo del Dipartimento Medical Affairs e responsabile dell’Unità Cardiovascolare e Trombosi di Daiichi Sankyo Europe.

Articoli correlati

Tromboembolismo venoso

Fibrillazione atriale

Nuovi dati su edoxaban per la FA in caso di ablazione transcatetere

Edoxaban per la fibrillazione atriale in pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere

Edoxaban efficace e sicuro anche a dosaggio ridotto per pazienti fragili

Nuovo anticoagulante orale per pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione

Edoxaban per la fibrillazione atriale in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo

Edoxaban per fibrillazione atriale, ictus e TEV arriva in italia

Patogenesi della fibrillazione atriale negli ipertesi

Edoxaban per prevenire ictus, embolismo sistemico e tromboembolismo venoso

Edoxaban per ictus e tromboembolismo venoso

Sondaggio sui pazienti europei affetti da fibrillazione atriale

Edoxaban per la FANV in pazienti sottoposti a impianto di valvola aortica transcatetere

Edoxaban efficace e sicuro anche per i pazienti con TEV a più alto rischio

Anticoagulanti nella prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale

Edoxaban per pazienti con FANV sottoposti a cardioversione è efficace e sicuro

Edoxaban per fibrillazione atriale, embolia polmonare e trombosi venosa profonda

Dati dal registro PREFER in AF sulla fibrillazione atriale

Edoxaban approvato in Europa per prevenire l’ictus e trattare il tromboembolismo venoso

Edoxaban per tromboembolismo venoso in pazienti oncologici

AF e diabete. L’insulina aumenta il rischio di ictus ed embolia sistemica

Edoxaban vs warfarin per la fibrillazione atriale non valvolare

Edoxaban nei pazienti con FA e coronaropatia concomitante

Registro real life europeo su edoxaban per la prevenzione dell’ictus

Edoxaban vs dalteparina per la TEV nei pazienti oncologici

Meno emorragie intracraniche con edoxaban rispetto a warfarin

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here