I risultati dello studio osservazionale di confronto fra rivaroxaban e l’antagonista della vitamina K (VKA) più impiegato in Germania fenprocoumone sono stati presentati in occasione dell’85a Conferenza Annuale della Società Tedesca di Cardiologia (Deutsche Gesellschaft für Kardiologie (DGK). Lo studio ha dimostrato che rivaroxaban, nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale cronica, ha un’efficacia comparabile e migliori esiti di sicurezza rispetto a fenprocoumone. Anche gli esiti secondari sulla protezione renale indicano che i NAO come rivaroxaban possono preservare la funzionalità renale nel tempo. Nei pazienti con malattia renale cronica i risultati indicano, inoltre, una riduzione del 73% del rischio relativo di progressione della malattia allo stadio finale e conseguente necessità di dialisi rispetto ai VKA.

Rivaroxaban vs fenprocoumone in real life in pazienti con FA e malattia renale ha ridotto i rischi di emorragia fatale, ESRD/dialisi e danno renale acuto
Rivaroxaban vs fenprocoumone in real life in pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale ha ridotto i rischi di emorragia fatale, di ESRD/dialisi e di danno renale acuto

 

L’impiego dei NAO è raccomandato come standard terapeutico per la prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale (Linee Guida ESC 2016). C’era, tuttavia, carenza di dati di pratica clinica quotidiana di confronto fra NAO e fenprocoumone, soprattutto in pazienti con insufficienza renale.

Sino ad oggi, infatti, non erano disponibili dati real life riguardo alla protezione della funzionalità renale in pazienti con malattia renale cronica.

«Per la prima volta in assoluto, lo studio RELOADED ha valutato esiti d’efficacia e sicurezza di diversi NAO tra cui rivaroxaban, rispetto al VKA fenprocoumone, in pazienti con fibrillazione atriale e compromissione renale – ha dichiarato Hendrik Bonnemeier, professore del Dipartimento di Medicina Interna dell’Ospedale Universitario dello Schleswig-Holstein di Kiel. – I risultati, sia nella pratica clinica quotidiana, sia in studi clinici in una vasta gamma di pazienti sono costantemente favorevoli per rivaroxaban».

Evidenze della protezione della funzionalità renale da parte di rivaroxaban

L’effetto di rivaroxaban in termini di protezione della funzionalità renale nel tempo, rispetto ai VKA è stato riscontrato la prima volta in un’analisi post-hoc dello studio di Fase III ROCKET AF e confermato in un’analisi retrospettiva di un ampio database amministrativo statunitense, con risultati che dimostrano che i NAO, tra cui rivaroxaban, sono associati a minor incidenza di eventi renali, sia acuti, sia cronici nel confronto con warfarin.

La calcifilassi è un possibile effetto collaterale della terapia con VKA in pazienti con malattia renale e i risultati ora confermano un ulteriore vantaggio renale dei  NAO. I benefici di rivaroxaban e dabigatran sono già rilevati nelle ultime linee guida statunitensi (AHA/ACC/HRS).

Correlazione fra funzionalità renale ed eventi tromboembolici in pazienti con FANV

Negli ultimi 20 anni, la fibrillazione atriale è diventata uno dei più rilevanti problemi di salute pubblica e un considerevole fattore di aumento dei costi sanitari nazionali. La fibrillazione atriale è spesso associata a malattia cardiaca e comorbilità come l’insufficienza renale, e c’è una forte correlazione fra funzionalità renale ed eventi tromboembolici in pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare.

Lo Studio RELOADED su rivaroxaban vs fenprocoumone

I pazienti che hanno iniziato la terapia con rivaroxaban sono stati in totale 22.339, di cui 5.121 con malattia renale, quelli in terapia con fenprocoumone sono stati in totale 23.552, di cui 7.289 con malattia renale. I principali criteri d’esclusione dello studio hanno compreso: patologia valvolare nel periodo basale, intervento di cardiochirurgia valvolare nei 365 giorni precedenti la data indice, tromboembolismo venoso (TEV) nel trimestre precedente o nello stesso trimestre della data indice, chirurgia sostitutiva dell’anca o del ginocchio nei 60 giorni precedenti alla data indice, gravidanza, malattia renale di stadio finale (ESRD) o richiesta di dialisi nel periodo basale.

In media il follow-up dei pazienti è stato di 1,1 anni.

Risultati dello studio RELOADED su rivaroxaban vs fenprocoumone

Nella popolazione complessiva la terapia con rivaroxaban ha ridotto il rischio di emorragia intracranica (ICH) di quasi la metà rispetto alla terapia con fenprocoumone (hazard ratio (HR) 0,57 (0,43; 0,75)).

Sono stati, inoltre, osservati effetti benefici di rivaroxaban rispetto a fenprocoumone nell’analisi del rischio di emorragia fatale con HR di 0,78 (0,6; 1,03) nella popolazione complessiva e HR di 0,63 (0,42; 0,95) nella popolazione con compromissione renale.

Per l’esito ESRD/dialisi è stato riscontrato un effetto benefico dei NAO rispetto a fenprocoumone. Confronto a fenprocoumone, rivaroxaban ha ridotto il rischio di ESRD/dialisi di quasi due terzi nella popolazione complessiva (HR 0,34 (0,23; 0.,51)) e di quasi tre quarti nella popolazione con compromissione renale (HR 0,27 (0,16; 0,43)).

Anche per l’esito di danno renale acuto rivaroxaban ha dimostrato un beneficio rispetto a fenprocoumone: HR di 0,81 (0,66; 1,00) nella popolazione complessiva e di 0,77 (0,58; 1,01) nella popolazione con compromissione renale. Questo beneficio di rivaroxaban relativamente all’esito di danno renale acuto non è stato osservato con gli altri NAO analizzati.

Articoli correlati

Trattamento domiciliare con rivaroxaban per embolia polmonare

Rivaroxaban per le malattie cardiovascolari: protezione su misura

Rivaroxaban vs warfarin per la FANV nella prevenzione dell’ictus

Nuovi dati su rivaroxaban per ridurre il rischio di TEV in pazienti oncologici

FDA approva rivaroxaban nei pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica

La CE approva rivaroxaban in pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica

Richiesta AIC di rivaroxaban per coronaropatia o arteriopatia periferica

Parere positivo del CHMP EMA per una nuova indicazione di rivaroxaban

Programma Xantus su rivaroxaban per la fibrillazione atriale

Rivaroxaban nei pazienti oncologici

Rivaroxaban nei pazienti con malattia vascolare periferica e renale cronica

Nuovi approcci alle malattie cardiovascolari con rivaroxaban

Rivaroxaban per le recidive di tromboembolismo venoso vs acido acetilsalicidico

Rivaroxaban per il rischio di embolia sistemica e ictus in pazienti fragili con FANV

L’FDA conferma il profilo di sicurezza ed efficacia di rivaroxaban

Rivaroxaban per FANV nella pratica clinica

Rivaroxaban riduce il rischio di emorragie intracraniche nella fibrillazione atriale

Approvato dalla CE rivaroxaban per la FANV in pazienti con stent

Approvato dalla CE rivaroxaban 10 mg per le recidive di TEV

Rivaroxaban 10 mg in monosomministrazione giornaliera per il TEV

Al congresso ASH 2017, tredici abstract su rivaroxaban

Nuovi studi su rivaroxaban in contesti real life

Dosaggio di 10 mg di rivaroxaban per la prevenzione secondaria del TEV

Rivaroxaban per la FA in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo con inserimento di stent

Studi su rivaroxaban in contesti real life

Confronto tra rivaroxaban e antagonisti della vitamina K

Programma Callisto su rivaroxaban per trombosi associata al cancro

Aggiornamento della scheda tecnica per rivaroxaban

Rivaroxaban per fibrillazione atriale non-valvolare

Approvata da AIFA la rimborsabilità di rivaroxaban 10 mg

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here