Sul Journal of Allergy and Clinical Immunology (JACI), sono stati pubblicati i risultati relativi alla capacità di secukinumab di sopprimere i circuiti infiammatori alla base della formazione della placca psoriasica.

Per determinare l’intero potenziale dell’inibizione di IL-17A serviranno altre analisi dei cambiamenti clinici, istologici e di trascrizione genica.

Dati sulla modulazione genica di secukinumab nella psoriasi a placche
Secukinumab neutralizza l’IL-17A, una citochina che svolge un ruolo chiave nella patogenesi della psoriasi a placche

«I dati ottenuti dallo studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology (JACI) mostrano la capacità di secukinumab di sopprimere quei circuiti infiammatori che sono alla base della formazione della placca psoriasica – spiega Andrea Chiricozzi, ricercatore presso l’Istituto di Dermatologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma. – Secukinumab, neutralizzando l’IL-17A, una citochina effettrice riconosciuta come uno dei mediatori-chiave nel meccanismo patogenetico della psoriasi, normalizza il profilo di espressione genica che include geni a monte (come IL-23) o a valle (peptidi antimicrobici) rispetto al posizionamento dell’IL-17A nella cascata infiammatoria caratterizzante la psoriasi». 

«L’importanza di questo studio – ha aggiunto Chiricozzi – è quella di correlare l’efficacia clinica di secukinumab con la riduzione dell’espressione di un elevato numero di geni pro-infiammatori e pro-proliferativi e la risoluzione istopatologica delle lesioni cutanee, che possono essere rilevate sin dalle prime settimane di trattamento. I dati mostrano, infatti, la capacità di secukinumab di inibire diverse vie di segnale anche non mediate direttamente dall’IL-17A. La normalizzazione dell’espressione di questo ampio set di geni conseguente al blocco dell’IL-17A da parte di secukinumab, conferma la centralità di questa citochina nel meccanismo patogenetico della psoriasi».

Sam Khalil, Worldwide Head della divisione Medical Affairs Immunology, Hepatology and Dermatology di Novartis, ha dichiarato:

«I risultati dello studio evidenziano l’importanza di un’inibizione diretta dell’IL-17A. Siamo entusiasti di questi dati relativi all’espressione genica, i quali aggiungono valore alla comprensione scientifica della malattia psoriasica. Novartis sta interpretando in modo nuovo la scienza, al fine di contribuire a migliorare la qualità della vita dei pazienti». 

Articoli correlati

Nuovi dati su secukinumab e ustekinumab per la psoriasi

Studi testa-a-testa su secukinumab per spondilite anchilosante e AP

Dati real-world su secukinumab per la psoriasi

Risultati di due studi su secukinumab per la psoriasi

Secukinumab nel lungo periodo per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

Secukinumab per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

Psoriasi. Definizione

Psoriasi. Varianti cliniche e sintomatologia

Sondaggio sulla percezione della psoriasi

Psoriasi. Eziologia

ClearSkin Lovers per sensibilizzare sulla psoriasi

Secukinumab per la psoriasi

Secukinumab è potenzialmente in grado di modificare la storia naturale della psoriasi

Approvato secukinumab per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

Secukinumab si conferma efficace per tre anni sulla psoriasi

Secukinumab vs ustekinumab per la psoriasi

Studio di estensione su secukinumab per la psoriasi

Nuovi dati a 4 anni su secukinumab per la spondilite anchilosante

Indagine italiana su psoriasi e artrite psoriasica

Secukinumab per spondilite anchilosante e artrite psoriasica approvato in Italia

Secukinumab approvato negli USA per spondilite anchilosante e artrite psoriasica

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here