Rivaroxaban 10 mg in monosomministrazione giornaliera riceve l’approvazione da AIFA per la rimborsabilità con la nuova indicazione terapeutica “trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) e dell’embolia polmonare (EP) e prevenzione delle recidive di TVP ed EP nell’adulto” per i pazienti che hanno già ricevuto almeno sei mesi di terapia anticoagulante.

L’approvazione si fonda sui risultati dello studio EINSTEIN CHOICE: rivaroxaban 10 mg in monosomministrazione giornaliera riduce il rischio di recidiva di tromboembolismo venoso rispetto ad acido acetilsalicilico (ASA) 100 mg una volta/die, dopo almeno sei mesi di terapia anticoagulante.

Approvata da AIFA la rimborsabilità di rivaroxaban 10 mg in monosomministrazione giornaliera per TVP ed EP e per la prevenzione delle recidive
Approvata da AIFA la rimborsabilità di rivaroxaban 10 mg in monosomministrazione giornaliera per TVP ed EP e per la prevenzione delle recidive

Bayer annuncia l’approvazione da parte di AIFA per la rimborsabilità di rivaroxaban nel dosaggio di 10 mg in monosomministrazione giornaliera per la nuova indicazione terapeutica “trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) e dell’embolia polmonare (EP) e prevenzione delle recidive di TVP ed EP nell’adulto” (Determina n. 460/2019 pubblicata in GU il 1° marzo 2019).

Questa nuova indicazione è disponibile per i pazienti che hanno già ricevuto almeno sei mesi di terapia anticoagulante e consente ai medici di avere un’ulteriore opzione terapeutica, oltre a quella già approvata per questa indicazione al dosaggio di 20 mg in monosomministrazione giornaliera.

Lo studio EINSTEIN CHOICE

L’approvazione della Commissione Europea si basa sui risultati dello studio di Fase III, EINSTEIN CHOICE, che hanno dimostrato che entrambi i dosaggi di rivaroxaban (10 mg in monosomministrazione giornaliera e 20 mg in monosomministrazione giornaliera) hanno ridotto il rischio di recidiva di tromboembolismo venoso (TEV) rispetto ad ASA al dosaggio di 100 mg una volta/die in pazienti che avevano precedentemente completato un periodo da 6 a 12 mesi di terapia anticoagulante per embolia polmonare (EP) e/o trombosi venosa profonda (TVP) sintomatica.

L’incidenza di sanguinamenti maggiori osservati con rivaroxaban è risultata confrontabile con acido acetilsalicilico.

Nello studio non erano inclusi quei pazienti per i quali la necessità di continuare la terapia anticoagulante oltre i primi 6-12 mesi era già evidente.

I risultati dello studio EINSTEIN CHOICE sono stati presentati nelle Sessioni Scientifiche del Congresso 2017 dell’American College of Cardiology (ACC 2017) e pubblicati sul New England Journal of Medicine nel marzo 2017.

Il tromboembolismo venoso

Il tromboembolismo venoso (TEV) comprende embolia polmonare (trombo localizzato a livello polmonare) e trombosi venosa profonda (trombo localizzato in vena profonda, spesso nelle gambe). È il terzo motivo di mortalità per cause cardiovascolari nel mondo, dopo infarto e ictus.

Per la prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso, le attuali Linee Guida raccomandano una terapia anticoagulante per tre mesi o più, in base al rapporto fra il rischio di recidiva di TEV e il rischio di emorragia.

Articoli correlati

Rivaroxaban per le malattie cardiovascolari: protezione su misura

Rivaroxaban vs warfarin per la FANV nella prevenzione dell’ictus

Nuovi dati su rivaroxaban per ridurre il rischio di TEV in pazienti oncologici

FDA approva rivaroxaban nei pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica

La CE approva rivaroxaban in pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica

Richiesta AIC di rivaroxaban per coronaropatia o arteriopatia periferica

Parere positivo del CHMP EMA per una nuova indicazione di rivaroxaban

Programma Xantus su rivaroxaban per la fibrillazione atriale

Rivaroxaban nei pazienti oncologici

Rivaroxaban nei pazienti con malattia vascolare periferica e renale cronica

Nuovi approcci alle malattie cardiovascolari con rivaroxaban

Rivaroxaban per le recidive di tromboembolismo venoso vs acido acetilsalicidico

Rivaroxaban per il rischio di embolia sistemica e ictus in pazienti fragili con FANV

L’FDA conferma il profilo di sicurezza ed efficacia di rivaroxaban

Rivaroxaban per FANV nella pratica clinica

Rivaroxaban riduce il rischio di emorragie intracraniche nella fibrillazione atriale

Approvato dalla CE rivaroxaban per la FANV in pazienti con stent

Approvato dalla CE rivaroxaban 10 mg per le recidive di TEV

Rivaroxaban 10 mg in monosomministrazione giornaliera per il TEV

Al congresso ASH 2017, tredici abstract su rivaroxaban

Nuovi studi su rivaroxaban in contesti real life

Dosaggio di 10 mg di rivaroxaban per la prevenzione secondaria del TEV

Rivaroxaban per la FA in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo con inserimento di stent

Studi su rivaroxaban in contesti real life

Confronto tra rivaroxaban e antagonisti della vitamina K

Programma Callisto su rivaroxaban per trombosi associata al cancro

Aggiornamento della scheda tecnica per rivaroxaban

Rivaroxaban per fibrillazione atriale non-valvolare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here