Ultimi articoli

ICMRA ha pubblicato un refection paper sulle ispezioni da remoto

Il documento redatto dal gruppo di lavoro di ICRMA fa il punto alla luce dell'esperienza degli ultimi due anni ed evidenzia le criticità che rimangono aperte circa il possibile allargamento di queste procedure, che per i regolatori dovrebbero comunque rimanere limitate alla gestione delle emergenze

AIFA coordina il progetto europeo contro il furto e riciclaggio dei...

Il progetto MEDI-THEFT si pone l'obiettivo di estendere a livello europeo le buone pratiche per la prevenzione del fenomeno individuate in Italia a seguito dell'Operazione Vulcano del 2014, che aveva sgominato un traffico illecito di medicinali

Le monografie di NCF

Fatti e persone

Il CDMO farmaceutico italiano si conferma eccellenza a livello europeo

I dati del sesto rapporto “Il CDMO farmaceutico” realizzato da Prometeia-Farmindustria confermano la posizione di leader delle produzioni italiane, sulla spinta della maggior richiesta di prodotti iniettabili, avanzati e biotecnologici

Mercato

Mercato biotech in rapida crescita

Un recente rapporto di Research and Markets indica che il settore biotech dovrebbe raggiungere il valore totale di 2,44 miliardi di dollari nel 2028. Tecnologie di sequenziamento del Dna, nanotecnologie e alleanze strategiche a supporto degli investimenti sono tra i driver principali di crescita

Ricerca

CryForm, dal Politecnico di Torino nuove soluzioni per sostituire gli stabilizzanti...

Il progetto sviluppato dall’ateneo torinese si propone di sostituire gli agenti stabilizzanti sintetici presenti nei farmaci e nei componenti agricoli e alimentari con materiali cristallini naturali, biocompatibili e biodegradabili. Obiettivo finale è mettere a disposizione dei consumatori innovative formulazioni sicure, sostenibili ed economiche

Un test per predire il danno renale acuto persistente

Il test Nephroclear™ CCL14, frutto della collaborazione tra Baxter e bioMérieux, punta a identificare in modo precoce i pazienti in fase di progressione avanzata del danno renale a rischio più elevato di complicanze, per indirizzare al meglio le decisioni terapeutiche e limitare l’impatto della malattia anche sul piano dei costi economici per la gestione ospedaliera