Infezioni ospedaliere e antibioticoresistenza: è allarme in Italia. Se ne parlerà durante il XVII Congresso Nazionale SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) che si svolgerà dal 2 al 5 dicembre 2018 presso il Centro Congressi Lingotto di Torino.

Infezioni ospedaliere e antibioticoresistenza: è allarme in Italia. Se ne parlerà durante il XVII Congresso Nazionale SIMIT
Durante il XVII Congresso Nazionale SIMIT si parlerà dei numeri sempre più preoccupanti delle infezioni ospedaliere e dell’antibioticoresistenza

Durante il congresso, organizzato da Giovanni Di Perri e Pietro Caramello saranno approfondite tematiche quali:

  • HIV,
  • epatite C,
  • aderenza ai farmaci,
  • malattie nelle popolazioni speciali,
  • malaria,
  • malattie vettoriali.

«Il programma del congresso – spiegano Giovanni Di Perri e Pietro Caramello – è stato studiato per permettere il confronto e la discussione sulle tematiche consolidate ma attuali nell’attività quotidiana dell’Infettivologo nonché su nuove questioni emergenti o riemergenti. In questo perimetro, i grandi capitoli delle infezioni virali, della gestione delle infezioni nosocomiali, della terapia antibiotica, delle malattie tropicali e di importazione sono stati affrontati cercando di superare laddove possibile rigidi schematismi e favorendo la trasversalità di argomenti, in modo da sottolineare come l’approfondimento di tematiche specifiche non debba far perdere la visione globale e bilanciata del sapere e del fare dell’Infettivologo».

I numeri delle infezioni causate dall’antibiotico-resistenza

I dati riferiti al 2017 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal Centro Europeo per il Controllo delle Malattie Infettive (ECDC) evidenziano che, a causa della resistenza dei batteri agli antibiotici, si verificano 671.689 casi di infezioni, cui sono attribuibili 33.110 decessi e 874.541 condizioni di disabilità. Di queste infezioni il 63% risultano essere infezioni correlate all’assistenza sanitaria e sociosanitaria.

In Italia, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, le infezioni ospedaliere hanno un’importanza anche maggiore di tante altre malattie non infettive. Su 9 milioni di ricoveri in ospedale, ogni anno si riscontrano da 450.000 a 700.000 casi di infezioni ospedaliere (circa dal 5-8% di tutti i pazienti ricoverati).

Le infezioni nei reparti medici negli ultimi 10 anni sono salite a 12,4 casi ogni 100.000 dimissioni (erano 6,9 nel 2007) con un aumento del 79%, mentre quelle nei reparti chirurgici da 144,59 casi ogni 100.000 dimissioni sono passate a 233,1 casi, con un incremento del 61,2%, nonostante il numero totale dei ricoveri sia molto diminuito di circa 3 milioni.

La valutazione del rischio di infezione

«La valutazione del rischio di infezionespiega Marco Tinelli, tesoriere della SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, già direttore dell’Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive e Tropicali dell’Azienda Ospedaliera di Lodi è un parametro fondamentale per la prevenzione delle infezioni. Esso è più alto, oltre che negli anziani sopra i 70 anni, in molte patologie come: neoplasie, diabete, bronchiti croniche, cardiopatie, insufficienza renale, traumi, ustioni, trapianti di organi ecc.»

«Per quanto riguarda le sedi delle infezioni sia negli ospedali che nelle RSA, le principali patologie che si riscontrano nell’80% circa dei casi sono a livello urinario, delle vie aeree (a livello comunitario quelle del tratto respiratorio superiore mentre a livello ospedaliero del tratto inferiore), dei tessuti molli comprese le ferite post chirurgiche e le infezioni del sangue (sepsi), quest’ultime più gravi e pericolose per la vita. – specifica Marco Tinelli. – Tra le varie tipologie di infezioni citate, quelle urinarie contano circa il 35% di tutte le infezioni ospedaliere anche se ultimamente si riscontra una tendenza alla riduzione, a differenza delle infezioni respiratorie che percentualmente hanno raggiunto i livelli delle urinarie».

Le cause dell’incremento delle infezioni

Una buona parte di questi aumenti, in percentuale, è dovuta all’uso inappropriato di antibiotici, in particolare di alcune classi di essi come i chinoloni (ciprofloxacina e levofloxacina) che sono molto usati per la loro facilità di somministrazione per bocca e, di solito, in monodose giornaliera. Tali antibiotici, oltre a determinare effetti collaterali anche rilevanti, hanno raggiunto un livello di resistenza pari al 50%-60%, tanto che l’EMA (Agenzia Europea del Farmaco) pochissimi giorni fa, ha emanato un “alert” a tutte le istituzioni sanitarie europee per limitarne drasticamente l’uso.

L’uso di antibiotici in Italia

L’Italia, secondo i dati forniti dall’ECDC nel 2018, è una delle nazioni europee a più alto consumo di antibiotici insieme a Regno Unito, Finlandia, e Grecia a livello ospedaliero e a livello territoriale insieme a Grecia, Francia e Belgio.

Secondo i dati ufficiali del rapporto OsMed 2017-2018 presentato da AIFA a luglio 2018, si riscontra una notevole differenza Nord-Sud.

«Prendendo in considerazione le dosi di farmaco consumate ogni 1000 abitanti – spiega Tinelli – è la Campania la regione ad avere il maggior consumo di antibiotici (29,0 DDD), seguita dalla Puglia (26,8 DDD), Calabria (26,6 DDD) e dall’Abruzzo (25,4 DDD). La Provincia Autonoma di Bolzano ha invece il consumo più basso (12,7 DDD), seguita dalla Liguria (15,9 DDD), dal Veneto (16,9 DDD) e dal Friuli Venezia Giulia (17,5 DDD). Molti sono i motivi dei consumi elevati: si va dalle differenti abitudini prescrittive spesso non appropriate nelle varie regioni, sia a livello ospedaliero che territoriale, al non sempre ottimale monitoraggio dei farmaci e anche alla vendita di antibiotici senza prescrizione nelle farmacie (per fortuna in una percentuale limitata)».

L’appello della SIMIT al Governo

«La gestione dell’antibiotico-resistenza e le conseguenze ad essa correlate rimangono uno dei problemi principali, se non il problema principale, della salute pubblica nel nostro Paese, come del resto evidenziato più volte e in più occasioni da tutte le organizzazioni sanitarie internazionali – conclude Tinelli. – È evidente che se il Governo non metterà mano ai cordoni della borsa prevedendo che nel DEF 2019 una quota di investimenti sarà dedicata e vincolata alla gestione del problema “antibiotico-resistenza”, almeno per alcune priorità più urgenti e indilazionabili, il nostro Paese rimarrà il fanalino di coda dell’Europa a scapito di tutti i cittadini».

Articoli correlati

Infezioni batteriche, antibiotici e antibiotico-resistenza

Prevenzione e gestione della sepsi e di altre infezioni ospedaliere

Infezioni ospedaliere multiresistenti. È emergenza sanitaria da super-batteri. Servono nuovi antibiotici

Infezioni correlate ai siti degli accessi vascolari

Infezioni correlate all’assistenza e antimicrobicoresistenza

Buone pratiche cliniche per prevenire le infezioni nosocomiali

Infezioni da batteri resistenti agli antibiotici

Approccio One Health e partnership di valore per contrastare l’antibioticoresistenza

Sepsi e importanza della rapidità di diagnosi e terapia

Intelligenza artificiale nella lotta alla sepsi

Sepsi e appropriatezza della terapia antibiotica

I batteri antibiotico-resistenti in ambito nosocomiale ed extraospedaliero

Lotta globale all’antibiotico-resistenza

Progetto per combattere l’antibiotico-resistenza con la reverse vaccinology

Report europeo sul legame tra consumo degli antibiotici e antibiotico-resistenza

BigPharma contro l’antibiotico-resistenza. L’impegno e le richieste

Triplice alleanza contro la resistenza agli antibiotici

Test diagnostico rapido per distinguere le infezioni batteriche da quelle virali

Piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza 2017-2020

Le buone pratiche nell’uso degli antibiotici

Linee di indirizzo SIMIT per il 2018

Le linee guida di SITA per gestire le infezioni e il PNCAR

Relazione tra uso (eccessivo) di antibiotici e sviluppo di resistenze in uomini e animali

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here